LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Spuntano mosaici romani dalla villa dell'Oratorio a Limite
18 settembre 2015 IL TIRRENO

La scoperta nel corso di una campagna di scavi portata avanti da un'equipe dell'Universit di Pisa, il sito sar visitabile il 19 settembre, poi le opere saranno ricoperte per una migliore conservazione

CAPRAIA E LIMITE. Due nuovi mosaici risalenti all'epoca tardo antica sono stati scoperti nella villa romana dell'Oratorio a Limite nel corso di una campagna di scavi portata avanti da un'equipe dell'Universit di Pisa, diretta dal professore Federico Cantini e coordinata dalla Sovrintendenza per i Beni Archeologici della Toscana.

Si tratta di un nuovo pavimento musivo caratterizzato da diversi tipi di decorazioni, tra le quali spiccano ottagoni con al centro figure animali e un busto umano, e cornici composte da motivi geometrici e vegetali. Sabato 19 settembre in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio il sito sar per la prima volta aperto al pubblico e successivamente verr ricoperto per conservare meglio i mosaici.

Secondo Lorella Alderighi, funzionario della Soprintendenza che tutela il sito de Le Muriccia, la scoperta di nuovi spazi con annesso mosaico policromo pluridecorato ci aiuta a comprendere meglio la probabile forma della villa del dominus romano e ci fornisce dati preziosi per individuare e circoscrivere le caratteristiche proprie di un'area, quella di Capraia e Limite e del territorio circostante, che fino a poco tempo fa era ritenuta
marginale per quanto riguarda il periodo imperiale. Con le scoperte avvenute negli ultimi anni, invece, ci troviamo attualmente di fronte ad una situazione meravigliosa per questa zona, che vede riuniti in pochi chilometri i resti di importanti insediamenti etruschi a Montereggi, resti della Preistoria e vestigia di epoca romana.

Il nuovo mosaico, dunque, consente di ricostruire la forma di una nuova ala della Villa, che segue l'aula rettangolare absidata con pavimento musivo policromo presentata nel 2012. Secondo le prime riflessioni, la residenza del Senatore Vetto Agorio Pretestato, corrector Tusciae et Umbriae nel periodo precedente al 362 e praefectus urbi nel 384, fino alla sua morte, aveva una struttura esagonale con sale che si affacciavano su un ambiente centrale. Se il mosaico trovato nel 2012 rappresentava una scena di venatio apri, vale a
dire caccia al cinghiale, stavolta ci troviamo di fronte a molteplici tipologie di decorazione, tra le quali si rammentano ottagoni con al centro figure di animali, simboli naturali, pesci ed un busto umano con una particolare tonaca fermata da una fibula. Per il Professor Federico Cantini, le nuove scoperte illuminano la storia delle grandi ville dell'ultima aristocrazia senatoria del IV-V secolo d.C.. In questo caso, la monumentalizzazione del complesso, nel IV secolo, da attribuirsi alla famiglia dei Vetti ed in particolare a Vettio Agorio Pretestato, come ci testimonia l'iscrizione rinvenuta sul pavimento della fontana della Villa dopo gli scavi stratografici del 2010. Pretestato era un personaggio importante, citato anche nell'Epistolario dell'oratore Simmaco, che gli rimproverava di trascurare gli impegni politici per dedicarsi all'otium nei propri
possedimenti di campagna dell'Etruria.

Il sito rivela la presenza di costruzioni gi in et augustea, e si presume una durata fino al periodo della guerra greco-gotica, nel VI secolo. Per molti secoli, in ogni caso, non se ne pi avuta notizia, fino al 1983, quando il mosaico con la scena di caccia al cinghiale fu scoperto da una pala meccanica in azione per costruire un frutteto. Dalla prima campagna di scavi degli anni Ottanta, emersero anfore, monete, suppellettili ed altri oggetti vari, oggi esposti al Museo Archeologico di Montelupo. Dopo una fase di stallo durata 27 anni, fino al 2010, si sono riaccesi i riflettori e, come afferma il Sindaco di Capraia e Limite Alessandro Giunti, l'intenzione adesso quella di lavorare per tutelare, valorizzare e rendere fruibile alla cittadinanza il sito, di cui siamo orgogliosi per il suo valore di prim'ordine da un punto di vista storico, artistico e culturale. Grazie al contributo dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze, gi nei prossimi mesi partiremo con i lavori.

Sabato 19 Settembre, intanto, dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 19,00, nell'ambito delle Giornate Europee del Patrimonio, l'area archeologica sar aperta al pubblico gratuitamente.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news