LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Senato: dibattito sulle comunicazioni rese nella seduta del 31 maggio dal ministro Buttiglione

Legislatura 14 - 7 Commissione permanente - Resoconto sommario n. 393 del 14/06/2005
ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI (7)
MARTED 14 GIUGNO 2005

Presidenza del Presidente ASCIUTTI

Interviene il ministro per i beni e le attivit culturali Buttiglione.

La seduta inizia alle ore 15,10.

PROCEDURE INFORMATIVE

Dibattito sulle comunicazioni del Ministro per i beni e le attivit culturali, rese nella seduta del 31 maggio 2005, sugli indirizzi generali della politica del suo dicastero

Il presidente ASCIUTTI, dopo aver ricordato che nella seduta del 31 maggio scorso si erano svolte le dichiarazioni programmatiche rese dal ministro Buttiglione, dichiara quindi aperto il dibattito.

Il senatore BRIGNONE (LP) esprime anzitutto apprezzamento per l'intervento del Ministro, nel quale sono enunciati principi ispiratori condivisibili, che si inseriscono del resto nell'ottica di una razionalizzazione, coerente con la riforma del Titolo V della Costituzione.

Al riguardo, ritiene importante sottolineare che le neo-istituite direzioni regionali, pur rafforzando la presenza del Ministero sul territorio, non devono certo rappresentare un vincolo per gli enti locali, che da anni reclamano un ruolo propositivo e di responsabilit.

Con riferimento alle dichiarazioni del Ministro in merito alla contrapposizione tra livelli istituzionali registrata nell'attuazione delle politiche di salvaguardia del territorio, egli conviene con la previsione di un coordinamento nell'ambito del Codice dei beni culturali onde assicurare un'applicazione uniforme della disciplina sul territorio nazionale. Ritiene tuttavia necessario che, soprattutto nelle realt in cui l'attivit di valorizzazione e fruizione dei beni culturali posta in essere dagli enti locali, dalle associazioni, dalle fondazioni e dal volontariato da tempo particolarmente efficace, si evitino inutili vincoli normativi.

Fa altres presente che il patrimonio culturale deve essere inquadrato in una visione complessiva e che alla tutela del paesaggio si deve accompagnare un'adeguata attenzione per determinati settori, quali l'archivistica e le biblioteche.

Nel rivendicare maggiore attenzione per i beni culturali cosiddetti "minori", il senatore rileva che il turismo culturale non si esaurisce solo nelle maggiori citt d'arte e nei principali siti culturali. Al contrario, proprio in talune realt della provincia italiana si assiste alla definizione di un sistema integrato di arte, cultura, tradizioni ed enogastronomia. Non basta infatti la presenza di capolavori ad assicurare un'elevata fruizione, come testimonia la circostanza che in Italia - a differenza di altri Paesi - vi sono importanti mete culturali che non producono adeguati ritorni economici. In queste ultime infatti spesso difficile attivare un circolo virtuoso, che consenta di trattenere il turista oltre lo stretto tempo necessario per la visita del sito culturale.

N risulta a suo avviso risolutivo, nell'ottica dell'ampliamento della fruizione della realt museale, il ricorso all'affidamento in concessione di servizi di biglietteria e di servizi aggiuntivi.

Con riferimento agli strumenti previsti dal Codice per attrarre risorse da investire nella valorizzazione dei beni culturali, il senatore si sofferma anzitutto sugli sponsor e sulle fondazioni, rilevando come essi diano risultati positivi solo in taluni ambiti. Nel caso, ad esempio, degli enti lirici manca infatti un contesto sufficientemente maturo a livello di enti, soggetti pubblici e privati e le agevolazioni fiscali risultano insufficienti.

Coglie inoltre l'occasione per richiamare l'attenzione del Ministro sull'opportunit di rivedere in senso meno centralistico e restrittivo l'attuale disciplina in materia di salvaguardia dei beni culturali di propriet ecclesiastica, tanto pi in considerazione delle difficolt quotidiane che incontrano le autorit ecclesiastiche nel porre in essere le attivit di restauro di detti beni.

Il senatore si sofferma poi sull'esigenza di una maggiore attenzione del mondo della scuola al patrimonio culturale, prefigurando a tal fine talune soluzioni, come ad esempio quella che si dia maggior enfasi a talune discipline come la storia dell'arte rispetto all'educazione museale.

Ritiene inoltre auspicabile consentire alle ambasciate italiane, soprattutto a quelle minori, di poter curare l'esposizione dei beni culturali che sono attualmente custoditi, ma non esposti, nei nostri musei. Si tratta infatti di una iniziativa che, senza peraltro richiedere significativi oneri finanziari, consentirebbe una maggiore diffusione del patrimonio culturale italiano all'estero.

Sempre in tale ottica, auspica iniziative dirette a valorizzare i beni culturali di propriet italiana attualmente all'estero, che sono spesso dimenticati.

Richiama indi l'attenzione del Ministro nei confronti di una disciplina sull'importante segmento del patrimonio culturale costituito dagli organi di interesse storico e artistico. In proposito, ricorda di aver presentato nella scorsa legislatura un disegno di legge (atto Senato n. 3553) che, pur essendo stato approvato all'unanimit dal Senato, si aren nell'altro ramo del Parlamento. L'iniziativa, diretta ad istituire un vero e proprio codice deontologico per il restauro di tali beni, risulta a suo avviso particolarmente importante, tanto pi in considerazione della circostanza che sovente i lavori di restauro sono posti in essere con interventi sporadici, legati a finanziamenti episodici e spesso inadeguati.

Con riferimento al Fondo unico per lo spettacolo (FUS), da un lato, sollecita una maggiore trasparenza nella definizione dei criteri di ripartizione e, dall'altro, esprime apprezzamento per la scelta di dare maggior rilievo alle istanze provenienti dalle autonomie territoriali, che del resto sono spesso il centro della programmazione dello spettacolo dal vivo.

Conclude esprimendo la propria convinzione che gli indirizzi illustrati dal Ministro debbano ispirare la politica di settore nei prossimi anni e non solo nella parte finale dell'attuale legislatura.



Ha indi la parola il senatore COMPAGNA (UDC), il quale richiama anzitutto la necessit di riconoscere che l'Amministrazione dei beni culturali, cos come del resto prefigurata sin dalla sua costituzione, si caratterizza per il momento tecnico-scientifico.

Al riguardo, lamenta che nel corso della precedente legislatura si sia messa in discussione tale connotazione di amministrazione autonoma, in conseguenza della scelta - pi politica che istituzionale - di accorpare nel Ministero talune competenze (come ad esempio la vigilanza sul CONI). Pi in generale, deplora che si sia puntato sull'aspetto manageriale, diretto - fra l'altro - alla ricerca di risorse private per il settore, a scapito del momento tecnico-scientifico.

Tale indirizzo, peraltro condiviso anche dall'ex ministro Urbani, risulta peraltro in linea con il blocco delle assunzioni del personale tecnico. Al riguardo, appellandosi alla sensibilit liberale del ministro Buttiglione, il senatore ritiene indispensabile che si riconosca la necessit di procedere al reclutamento di personale tecnico-scientifico.

Inoltre, auspica che si proceda a un'inversione di tendenza rispetto alla linea di svuotamento delle competenze decisionali del personale tecnico-scientifico in tema di finanziamento pubblico, gi avviata nella scorsa legislatura e rafforzata dall'istituzione della Societ ARCUS spa. In proposito, esprime apprezzamento nei confronti del ministro Buttiglione che si ben guardato dal compiacersi di un sistema di finanziamento che toglie responsabilit e prerogative decisionali ai sovrintendenti e che attribuisce un ruolo secondario ai Beni culturali rispetto all'Economia.

Nel ribadire la necessit di rafforzare il ruolo della componente tecnico-scientifica, il senatore stigmatizza conclusivamente l'eccessivo ricorso ai cosiddetti "libri bianchi", spesso realizzati da esperti, senza alcun prezioso contributo da parte di organi interni al Dicastero, come il Consiglio superiore dei beni culturali.


Il senatore TESSITORE (DS-U) condivide anzitutto il riconoscimento da parte del Ministro del ruolo di identit nazionale del patrimonio culturale, tanto pi in un momento di progressivo sfaldamento delle istituzioni. Al riguardo, si interroga tuttavia su come tale affermazione si possa conciliare con la politica, a suo avviso pericolosa, di dismissioni e affidamento di servizi, che del resto strettamente connessa proprio all'affievolimento della dimensione tecnico-scientifica rilevata dal senatore Compagna. Con specifico riferimento alle dismissioni, giudica particolarmente dannose quelle riferite a taluni beni culturali minori, che invece caratterizzano l'identit dei piccoli centri.

Il senatore esprime poi talune perplessit nei confronti della centralit delle fondazioni private nel settore, sostenuta invece dal Ministro, rilevando che gli interventi affidati ai privati seguono, in genere, la logica dell'evento e della straordinariet e non di un'effettiva politica di sostegno. Risulta del resto ben nota la drammatica situazione nella quale versano le fondazioni lirico-sinfoniche, come emerso anche nel corso dell'indagine conoscitiva sui problemi dello spettacolo avviata dalla Commissione.

Sulla questione, ricorda poi che il precedente Ministro aveva promosso la costituzione di un tavolo di lavoro fra presidenti delle fondazioni liriche, sovrintendenti e sindacati, sulla base del quale venne successivamente istituito un tavolo tecnico, con il compito di individuare le modalit attuative della disciplina sull'attivit delle fondazioni lirico-sinfoniche, recata all'articolo 3-ter del decreto-legge n. 7 del 2005, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 43 del 2005. In proposito, chiede al Ministro, oltre agli esiti di tale attivit di concertazione, se non ritenga utile una eventuale riconsiderazione del ruolo dei privati nel settore.

Il senatore stigmatizza inoltre la tentazione, operata dal Dicastero nel corso della legislatura, di definire una vera e propria politica della cultura, irrispettosa dell'autonomia del sistema.

In proposito, auspica un rapporto corretto con le realt regionali, in un'ottica peraltro non meramente burocratica, nonch una maggiore interazione con gli enti di ricerca e le universit.

Al fine di accrescere la formazione e la sensibilit dei giovani nei confronti del patrimonio culturale, giudicherebbe poi importanti specifiche iniziative volte ad accrescere il rispetto per i beni culturali "minori".

Esprime altres preoccupazione per la progressiva scomparsa nell'organizzazione degli enti di ricerca dei comitati scientifici a vantaggio di una dimensione manageriale - a suo avviso riduttiva - dell'arte, intesa come merce.

Invita inoltre il Ministro a riflettere in ordine ai rischi connessi al riordino degli enti pubblici, alcuni dei quali in via di soppressione, poich ritenuti enti inutili. In proposito, il senatore deplora la scelta di procedere alla soppressione dell'Unione accademica nazionale (UAN), che consorzia undici accademie, fra cui i Lincei, e che - facendo parte dell'Union Acadmique Internationale - garantisce la partecipazione della cultura accademica italiana nel contesto internazionale. Sollecita pertanto ad una riconsiderazione della questione.

Richiama indi l'importanza del disegno di legge n. 1491, recante iniziative per la diffusione della cultura scientifica dellarea umanistica, il cui esame stato bloccato in conseguenza della relazione tecnica contraria dell'Economia nei confronti della copertura finanziaria, che peraltro il senatore ricorda essere del tutto simbolica.

Avviandosi a concludere, sollecita altres attenzione nei confronti delle difficolt in cui si trovano ad operare gli Archivi e le Biblioteche, come del resto emerso anche nel corso dell'indagine conoscitiva sui beni culturali avviata dalla Commissione.

Con riferimento alle modalit con cui il Ministero procede a ripartire i finanziamenti nel settore, egli coglie poi l'occasione per lamentare la loro distribuzione "a pioggia", nonch l'inadeguatezza della documentazione trasmessa sulla rendicontazione dell'impiego delle risorse pubbliche. In proposito, fa conclusivamente presente che si tratta di una questione rilevante, anche al fine di poter procedere ad una razionalizzazione delle risorse nel settore, che consenta di evitare tagli indiscriminati in altri ambiti.



La senatrice ACCIARINI (DS-U) auspica anzitutto che il Ministro, a differenza del suo predecessore, si renda maggiormente disponibile ad un proficuo confronto parlamentare. In proposito, deplora infatti le modalit di esame dello schema di decreto legislativo recante il Codice dei beni culturali che, proprio in considerazione della genericit dei principi e criteri direttivi recati nella legge delega, avrebbe invece meritato una maggiore attenzione del Governo e una tempistica adeguata. Ci stato peraltro confermato anche dallo stesso ministro Buttiglione, che ha manifestato l'intenzione di procedere ad apportare modifiche e correzioni al Codice, anche al fine di ovviare a disposizioni fra loro contrastanti.

Ritiene altres importante che il Ministro riesca, in sede di definizione della prossima manovra economica, ad invertire l'attuale tendenza verso una progressiva riduzione degli stanziamenti per i Beni culturali. Senza peraltro disconoscere il ruolo del patrimonio culturale come vettore di sviluppo, anche economico, del Paese, occorre infatti, a suo avviso, abbandonare l'idea che esso debba costituire una fonte diretta di risorse per l'Erario.

Giudica inoltre centrale una maggiore attenzione alla questione della carenza dell'organico ministeriale, tanto pi in considerazione dell'elevata et media del personale (pari a circa cinquant'anni). L'ultimo concorso per l'assunzione di personale a tempo indeterminato, peraltro bandito dal ministro Veltroni, risale infatti ormai allo scorso decennio. In questo modo, ella prosegue, oltre a venir meno il trasferimento intergenerazionale delle competenze, non si tiene neppure conto dell'incremento dei compiti istituzionali, come ad esempio di quelli riferiti alla verifica di interesse culturale (sulla base dell'articolo 12 del Codice), ai condoni edilizi, ai processi di cartolarizzazione e vendita del patrimonio pubblico, nonch dei compiti connessi all'accrescimento complessivo del livello di fruizione dei beni culturali.

N va dimenticato, ella prosegue, che la carenza di organico particolarmente grave per le sovrintendenze regionali, alle quali chiesto di svolgere importanti funzioni in seguito alla modifica del Titolo V della Costituzione.

Nel rilevare che spesso il personale chiamato a svolgere incombenze meramente burocratiche, che riducono lo spazio per attivit di ricerca, la senatrice giudica altres mortificante per quest'ultimo il trasferimento di competenze decisionali al di fuori del Dicastero, come ad esempio a favore della Societ ARCUS spa.

Conclude, ribadendo il ruolo strategico del patrimonio culturale italiano, anche al fine di assicurare lo sviluppo economico e l'occupazione delle nuove generazioni.



Il senatore MODICA (DS-U) concorda anzitutto con l'auspicio della senatrice Acciarini di poter contare su un'assidua partecipazione del Ministro nei confronti dei lavori parlamentari.

Nel giudicare poi deludente la documentazione sulle linee programmatiche consegnata dal Ministro, chiede di conoscere quali saranno effettivamente le priorit del Dicastero e gli interventi che s'intendono porre in essere nella restante parte della legislatura.

In proposito, giudica eccessivamente generici gli obiettivi richiamati nella documentazione, quali il miglioramento della dirigenza, della qualit dei servizi offerti a parit di risorse disponibili, nonch dell'attivit di comunicazione, atteso che non vi sono informazioni in ordine alle modalit con cui essi dovrebbero essere perseguiti.

Coglie poi l'occasione per richiamare l'attenzione a quello che definisce il pi grande paradosso per l'Italia che, pur essendo il Paese con il maggior patrimonio culturale del mondo, si caratterizza per una diffusione del sapere e una fruizione culturale assai limitata.

N giudica risolutive le iniziative per l'affidamento in concessione a terzi di servizi di biglietteria e per la definizioni di accordi al fine di poter contare sul personale delle universit e degli istituti di ricerca, tanto pi in considerazione delle gi consistenti carenze di organico di questi ultimi. Occorre invece a suo avviso prendere atto delle conseguenze nefaste del blocco delle assunzioni nel settore.

Quanto all'enfasi posta nei confronti del ruolo delle fondazioni, avverte che sulla base delle recenti esperienze richiamate dal Ministro certo prematuro ogni giudizio definitivo.

Con riferimento al Codice dei beni culturali, che avrebbe dovuto rappresentare uno strumento di sicuro orientamento per l'azione delle amministrazioni pubbliche, esprime perplessit per l'istituzione di una commissione con il compito di formulare indirizzi e indicazioni per favorire un'applicazione uniforme del Codice.

Stigmatizza altres, con riguardo alle politiche di salvaguardia del territorio, il riferimento recato nella documentazione consegnata dal Ministro all'opportunit di una riflessione sulla corrispondenza tra disciplina sostanziale ed apparato sanzionatorio per gli illeciti commessi, al fine di assicurare maggiore gradualit nell'applicazione. Sul punto, sollecita un chiarimento da parte del Ministro.

Relativamente alla disposizione del Codice che prevede una formazione specifica, di livello universitario, per la definizione della figura di esperti del restauro, esprime infine contrariet per ogni forma di monopolio formativo, atteso che esso, lungi dal far crescere il sistema, finisce con il potenziarne gli aspetti perversi a scapito dell'effettiva competenza professionale.

Il presidente ASCIUTTI, in considerazione dell'imminente inizio dei lavori dell'Aula, rinvia il seguito del dibattito ad altra seduta.

La seduta termina alle ore 16,35.



news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news