LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Comitato per la Bellezza: Parchi Nazionale abbandonati a se stessi e ai particolarismi
di Vittorio Emiliani

Vittorio Emiliani, presidente del Comitato per la Bellezza

Sono sempre pi allo sbando, abbandonati a se stessi o ai particolarismi regionali e municipali i Parchi Nazionali per i quali tanto ci siamo battuti, e con successo, nella seconda met del secolo scorso salendo dalla miseria di 4 appena alla bella cifra di 23 e superando il 10% di superficie del Paese protetta. Nell'aprile scorso indirizzammo con due specialisti quali Giorgio Nebbia, pioniere dell'am-bientalismo, e Luigi Piccioni, storico della materia, un appello al presidente della Repubblica e al governo nel quale, insieme a decine e decine di tecnici e di specialisti appassionati, denunciavamo la situazione sempre pi precaria e sfilacciata della tutela e della gestione di quei grandi "polmoni" verdi. Situazione resa ancor pi allarmante dalla velleit del governo Renzi di "riformare" anche i Parchi con una legislazione chiaramente "al ribasso".
Dalla presidenza della Repubblica sono venuti segnali di attenzione e di preoccupazione. Nulla di nulla invece dal governo, dai ministri competenti dell'Ambiente, Galletti, e dei Beni culturali, Franceschini (titolare della partita decisiva del Codice per il paesaggio e quindi dei piani paesaggistici). Ora le principali associazioni per la tutela, anche quelle in genere esitanti a scendere in polemica diretta, da Italia Nostra a Legambiente, in testa ai firmatari Pro Natura, Cai, Lipu, Mountains Wilderness, Touring Club, Cts, Wwf (assente il Fai) inviano al solo ministro dell'Ambiente, Gianluca Galletti, un duro e dettagliato comunicato nel quale viene confermato uno sgoverno presso che totale dei Parchi Nazionali. I Parchi del Cilento, del Vesuvio e della Sila commissariati da quasi un biennio e quindi "privi di una guida autorevole e legittimata". Il Parco dello Stelvio "degradato" a spezzatino fra Lombardia e Province Autonome. Parchi di bellezza straordinaria come la Valgrande, il Nepal italiano, Dolomiti Bellunesi e Gran Sasso-Monti della Laga senza un presidente, "retti dai vicepresidenti espressione delle comunit locali", quindi senza il giusto livello "nazionale". In particolare quello del Gran Sasso che per otto anni non ha avuto n direttore n consiglio direttivo. Affidato, aggiungiamo noi, da un presidente, Arturo Diaconale, giornalista senza meriti ambientalisti riconoscibili, ora trasmigrato nel CdA della Rai e che a capo dello splendido Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi stato nominato, malgrado le proteste, l'ex sindaco di un Comune dell'area, gi presidente di una associazione venatoria.
Ma non basta. Le associazioni sottolineano polemicamente "la mancanza di direttori in alcuni parchi come la Majella, l'Alta Murgia, il Circeo, il Pollino e il Gargano" assediato da un abusivismo disperante. In pi di un caso - prosegue la denuncia - "le direzioni sono affidate a <> che non hanno titoli". Una situazione che si trascina da anni ormai, per alcuni Parchi fin dalla loro istituzione e che sta frustrando le fondate speranze della popolazione pi giovane (del Mezzogiorno in specie) in nuove occasioni di occupazione: nella tutela stessa, nella valorizzazione corretta e nell'attivazione di una "economia dei parchi" collegata al turismo sostenibile, alla agricoltura e alla zootecnia biologica, alla commercializzazione controllata dei prodotti del bosco e del sottobosco.
E infine, la conservazione della biodiversit. "Ad oggi", rilevano le associazioni naturaliste, "le Direttive ministeriali del 28 dicembre 2012 e del 31 ottobre 2013 sembrano essere lettera morta". Quali sono gli obiettivi che si pongono in proposito gli Enti Parco? Per ora la loro voce non percepibile, la stragrande maggioranza di loro non ha organismi in grado di rispondere. E il Parlamento? Dorme pericolosamente su progetti di indebolimento degli statuti, delle garanzie nei confronti di nuovi dannosi impianti sciistici, di nuove cave, di altre forme di turismo invadenti. Si sostiene che i visitatori dei nostri Parchi siano circa 32 milioni. Molti di loro sono amanti della natura che non vogliono le aree protette ridotte a luna-park, che ricercano i servizi e le attrezzature pi sobrie per la corretta fruibilit di quelle maestose montagne alpine o appenniniche.
Quale eco ha avuto questa nuova motivata, argomentata protesta sugli organi di informazione? Assai debole, per ora.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news