LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mozioni del Consiglio Superiore per i Beni culturali: archivi, sul patrimonio dellIstituto italiano per lAfrica e lOriente e biblioteche statali

MOZIONE SUGLI ARCHIVI

Il Consiglio superiore dei Beni culturali e paesaggistici,

udita la relazione del Presidente del Comitato tecnico scientifico per gli archivi e udito il dibattito, durante il quale intervenuto il Direttore Generale degli archivi, oltre ad altri componenti del Consiglio, approva la presente mozione, di cui parte integrante la relazione presentata nella riunione del 12 ottobre scorso.

Pur apprezzando gli sforzi e limpegno del Ministro e del Direttore Generale per gli archivi e soprattutto il reperimento di nuove risorse economiche e di personale scientifico che saranno stanziate dalla legge di stabilit 2016, esprime viva preoccupazione per lo stato in cui continuano a versare gli Archivi di Stato e le Sovrintendenze archivistiche e, pi in generale, la tutela e la conservazione del patrimonio archivistico.

Per quanto riguarda le memorie digitali delle Pubbliche amministrazioni, ritiene necessario un forte impegno del MIBACT e del Governo stesso nel suo complesso, al fine di garantirne la salvaguardia: a) riqualificando le competenze delle Commissioni di sorveglianza e dei Sovrintendenti archivistici per una pi efficace azione di tutela in materia di gestione documentale e conservazione dei documenti digitali; b) garantendo una pi stretta collaborazione istituzionale dellamministrazione archivistica con le autorit che presiedono alla redazione delle regole tecniche sugli archivi digitali correnti e di deposito, nelle quali risultano trascurate le metodologie archivistiche essenziali per la funzionalit della gestione documentale e per un contenimento delle spese delle procedure informatiche e, soprattutto, per le operazioni di selezione e scarto, che rientrano nelle responsabilit degli archivisti di Stato e sono la condizione per la conservazione permanente della documentazione pi rilevante.

Per quanto riguarda gli Archivi di Stato e le Sovrintendenze archivistiche, ritiene necessario favorire una celere e concreta attuazione del piano di razionalizzazione delle sedi e dei depositi per la soluzione del problema dei fitti passivi, attualmente articolato in pi di un triennio, in considerazione dellurgenza di trovare spazi per la documentazione in attesa di versamento, predisponendo investimenti per la riqualificazione e ladeguamento strutturale degli stabili demaniali individuati come sede alternativa per gli Istituti archivistici. Il piano di razionalizzazione non dovr coincidere con un mero taglio alla pubblica spesa, ma dovr tradursi in occasione fondamentale per il rilancio degli archivi conservati e tutelati dal Ministero, redistribuendo i risparmi per le spese di ordinaria amministrazione e per migliorare la qualit dei servizi erogati al pubblico. In tal senso ritiene necessario prevedere il mantenimento degli Archivi di Stato esistenti in province destinate alla soppressione come presidi culturali territoriali, posti alle dipendenze dellArchivio di Stato della nuova provincia.

Ritiene urgente avviare un piano pluriennale e sistematico di reclutamento del personale archivistico che assicuri un ricambio del personale tecnico che uscir dallamministrazione in massa nel giro di pochi anni, anche sulla base di un organico che tenga realisticamente conto delle dimensioni e della qualit della documentazione conservata e dellampiezza dei territori e della quantit e qualit degli archivi vigilati per una pi adeguata tutela dei beni e gestione dei servizi.

Ritiene altres necessario che gli Istituti archivistici dispongano di attrezzature e mezzi per una politica di digitalizzazione e messa in rete delle serie documentarie pi fragili per evitarne lordinaria consultazione a fini di tutela; di rendere pi efficace la condivisione in rete dei documenti riprodotti; di semplificare le procedure amministrative e garantire agli utenti la gratuit delle riproduzioni di documenti effettuate con mezzi propri.
Prende atto dellaccordo sulla tutela dei beni librari che terr conto delle competenze dei bibliotecari e della conferma che si tratta di soluzione temporanea e apprezza, infine, lattenzione dedicata alle Scuole di archivistica.

Si chiede, pertanto, allOn. Ministro la costituzione di un gruppo di lavoro interdisciplinare, cui affidare il compito di analizzare le criticit ed individuare priorit di intervento.

-----------------------

Mozione del Consiglio superiore beni culturali e paesaggistici sul patrimonio dellIstituto italiano per lAfrica e lOriente (ISIAO)

Il Consiglio superiore per i beni culturali e paesaggistici, dopo aver acquisito ampia documentazione, esprime la propria preoccupazione in merito alla conservazione e pubblica fruibilit del patrimonio museale, archivistico e librario dellIstituto italiano per lAfrica e lOriente (ISIAO), raccogliendo lappello al riguardo, lanciato da diciotto associazioni di storici, antropologi, archivisti, bibliotecari e altri utenti di musei, archivi e biblioteche e sottoscritto dal Comitato tecnico-scientifico per larcheologia e da diversi membri dei Comitati tecnico scientifici per gli archivi e per le biblioteche e gli istituti culturali.
Il Consiglio superiore evidenzia come gi oggi il MiBACT sopporti lonere della conservazione materiale del patrimonio museale dellISIAO. Infatti gli oggetti di arte orientale dellISMEO sono in deposito presso il Museo nazionale di arte orientale (MNAO) sin dalla sua fondazione nel 1957, in esecuzione di quanto disposto dallo stesso decreto istitutivo (dpr 1410/1957). Pi di recente, le collezioni museali africane sono state depositate presso il Museo Pigorini, al fine di garantirne la conservazione. Inoltre parte della collezione si trova ora anche presso la Galleria Nazionale dArte moderna.
Il Consiglio auspica, pertanto, che il MiBACT continui a svolgere la responsabilit della conservazione delle collezioni museali e il pieno controllo su di esse, adottando tutte le misure possibili.
Il Consiglio superiore ritiene che non si possano valorizzare beni culturali senza garantirne innanzi tutto la conservazione, a partire da un preciso inventario dei beni. Solo una parte dellarchivio fotografico africano (quella relativa ad Eritrea ed Etiopia) stata inventariata; la parte restante priva del tutto di inventario. Il Consiglio superiore considera, dunque, prioritaria linventariazione di tutto il patrimonio. Si esprime, infatti, viva preoccupazione sullaffidamento a privati di migliaia di lastre fotografiche, centinaia di album e decine di migliaia di positivi antichi e preziosi, senza avere alcuna possibilit di controllare lintegrit della collezione.
Il Consiglio superiore sottolinea, inoltre, la necessit di non smembrare collezioni e archivi: sottrarre in tutto o in parte al controllo del MiBACT le collezioni museali ex ISMEO, larchivio storico dellISMEO (compreso larchivio fotografico), implicherebbe lo smembramento di un patrimonio unitario, che proprio dal dialogo tra oggetti, documenti darchivio e foto trae gran parte del suo speciale valore.
Il Consiglio superiore ritiene, dunque, che gli istituti del MiBACT siano i pi idonei a garantire la tutela e pubblica fruizione del patrimonio museale, archivistico e librario dellISIAO e pertanto sollecita il Ministero a intraprendere i passi appropriati affinch si individui una soluzione adeguata per garantire la conservazione e fruizione unitaria dellintero patrimonio dellISIAO insieme al Museo Nazionale di Arte Orientale e al Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini. A tale proposito suggerisce di valutare la possibilit di utilizzare Villa Falconieri di Frascati, che in tal modo verrebbe recuperata e conservata ad una funzione pubblica, con costi complessivamente sostenibili, rispetto agli attuali costi di locazione.
In subordine il Consiglio superiore chiede che:
a) Le collezioni museali asiatiche e africane ex ISIAO siano trasferite in modo definitivo, rispettivamente, al Museo Nazionale di Arte Orientale e al Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini, di cui si auspica, in ogni caso, la fusione in un unico organismo.
b) Larchivio dellISIAO (comprensivo di cartoteca e archivio fotografico), sia versato allArchivio centrale dello Stato (ACS), in ottemperanza al dettato del Codice dei beni culturali (art. 41, c. 4), come gi da richiesta della Direzione Generale Archivi.
c) Sia trasferita alla Biblioteca nazionale centrale di Roma o ad altra biblioteca pubblica la biblioteca dellISIAO.


----------
MOZIONE SULLE BIBLIOTECHE PUBBLICHE STATALI

Il Consiglio superiore Beni culturali e paesaggistici,
udita una relazione predisposta dal Comitato tecnico-scientifico per le biblioteche e gli istituti culturali e dal consigliere Solimine e ascoltato il dibattito, durante il quale sono intervenuti il Direttore Generale per le Biblioteche e gli Istituti culturali Rummo e numerosi consiglieri, approva la relazione, che parte integrante della presente mozione.
Pur apprezzando gli sforzi e limpegno del Ministro e del Direttore generale per le biblioteche, esprime viva preoccupazione per la difficile situazione in cui versano le biblioteche pubbliche statali, recentemente evidenziata anche da numerosi articoli di stampa.

Ritiene necessario un forte impegno da parte del Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo per potenziare e riaffermare il ruolo di queste biblioteche, strutture che garantiscono la conservazione nel tempo di un patrimonio di inestimabile valore culturale, ma anche laccesso pubblico e gratuito a raccolte organizzate di libri, documenti e risorse di altra natura, attraverso un complesso di servizi, attivit e programmi finalizzati a rispondere ai bisogni di lettura, studio, ricerca, informazione, aggiornamento e formazione permanente dei cittadini.

Chiede la definizione di linee di una politica bibliotecaria allinterno di un quadro organico, che comprenda le politiche dellistruzione e di accesso alla conoscenza. Tale politica ─ ripensando profondamente compiti, funzioni e assetto organizzativo delle biblioteche pubbliche statali ─ dovr consentire a tali strutture di tornare a svolgere quel ruolo di riferimento nel sistema bibliotecario nazionale che stato proprio di questi istituti nei decenni passati.

Il Consiglio ritiene altres necessario effettuare un sforzo particolare per garantire le necessarie risorse, anche mediante laccesso ai fondi europei elaborando specifici progetti in collaborazione con luniversit e altri soggetti, e lavvio di un piano di rilancio dei servizi di biblioteca, qualunque sia la tipologia e lamministrazione di riferimento, che per la prima volta dia il segnale dellavvio in Italia di una vera e propria politica bibliotecaria. In tal senso il MiBACT dovr svolgere un ruolo di indirizzo e coordinamento di un vero Sistema Bibliotecario Nazionale integrato e articolato sul territorio. In questo quadro andr dedicata una particolare attenzione al Mezzogiorno.

Ritiene infine urgente avviare un piano pluriennale e sistematico di reclutamento di personale bibliotecario.

A tale scopo chiede allOn. Ministro la costituzione di un gruppo di lavoro, a carattere inter-istituzionale, cui affidare il compito di analizzare le criticit ed individuare priorit di intervento.






news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news