LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cinque secoli dedicati agli anziani cos l'antico lazzeretto nato nel 1440 diventato un colosso immobiliare
MICHELE BOCCI
22 novembre 2015 la repubblica




L'ANALISI



UNA piccola grande impresa. Un luogo, fisico e immaginario, a cui in qualche modo tutti i fiorentini sono affezionati che si lega a una lunghissima storia di solidariet e soccorso per i malati iniziata nel 1440, quando l'originaria struttura di via de' Malcontenti era adibita a lazzeretto. Il nome Montedomini fin da allora evoca l'idea dell'impegno dedicato ai malati, agli anziani, alla parte pi fragile della societ. Ma oltre a questo rappresenta anche molto altro, come spiega il direttore Emanuele Pellican. Dal punto di vista giuridico una Asp, azienda di servizi alla persona con un bilancio da 15 milioni, "braccio operativo" del Comune per le politiche rivolte alla terza et. In totale ci sono 40 dipendenti assunti e 150 esternalizzati. Il consiglio di amministrazione, ora presieduto da Luigi Paccosi, composto da 5 membri di cui 3 nominati dal sindaco di Firenze, 1 dalla Provincia e 1 dall'arcivescovo.

Tra i servizi offerti ci sono il telecare per l'assistenza a domicilio e il centro diurno Athena per i malati di Alzheimer. L'attivit principale si svolge nelle Rsa, residenze sociali assistite. Due sono in via de' Malcontenti, un'altra, San Silvestro in Borgo Pinti, stata da poco ristrutturata. Al Galluzzo Principe Abamelek, un'altra struttura che si occupa sia dell'assistenza ai non autosufficienti che agli anziani autonomi. Nel complesso sono 240 i posti letto garantiti. A questi centri si affiancano le propriet immobiliari che fanno parte del patrimonio culturale e artistico dell'istituto, a cominciare dall'educatorio del Fuligno in via Faenza, dell'ex orfanotrofio del Bigallo in piazza San Giovanni a cui sono collegati la Loggia e il museo, l'istituto Sant'Agnese di via Guelfa, l'oratorio di San Francesco in via Palazzuolo, l'istituto Sant'Ambrogio in via Carducci, il complesso di Bracciatica a Lastra a Signa. Ognuno di questi luoghi conserva opere d'arte, affreschi e dipinti di interesse culturale, tra cui il crocifisso ligneo di Benedetto da Maiano nel cenacolo del Fuligno e l'affresco di Galileo Chini "Rimembranze garibaldine" al piano terreno di Montedomini.

Oltre a gestire, in collaborazione con la soprintendenza, questa impressionante quantit di edifici vincolati, Montedomini dispone di circa 250 immobili tutti suoi - la maggior parte a Firenze - che sono frutto di lasciti ereditari oppure acquisizioni realizzate dalle ex Ipab. Il programma delle alienazioni deliberato dal precedente cda esaurito e probabilmente non saranno decise altre vendite. Unica eccezione la Colonia Barellai a Talamone, che ancora in cerca di un compratore.

L'intenzione di investire i soldi ricavati dagli affitti per migliorare la qualit dei servizi, oltre che utilizzare parte degli immobili per accogliere famiglie disagiate e con malati gravi a carico. Accanto alla sede di via de' Malcontenti c' una propriet della Asl di Firenze che l vorrebbe mettere in piedi un presidio territorial per pazienti fragili. Nascerebbe cos un'area nuova dedicata agli anziani.

Dal punto di vista economica i conti di Montedomini sono tornati a posto due anni fa, quando dai 4 milioni di perdita nel 2009 si pass ad un utile di 202 mila euro nel 2013. Ma gli incassi degli affitti sono vitali per mandare avanti le attivit. Nel 2011 l'assessore di Palazzo Vecchio Stefania Saccardi avvi "un'operazione trasparenza" sugli affitti di Montedomini e ordin di disdettare quelli in scadenza per rivalutare i canoni ai prezzi di mercato.





news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news