LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La sfida del Salento "I tesori del barocco le gravine e gli ulivi patrimonio Unesco"
ANTONIO DI GIACOMO
la Repubblica 27 novembre 2015



Chiuso il ciclo di incontri sulla candidatura delle architetture e dei luoghi: "Un modo per valorizzare il paesaggio e tutto il suo sistema di cultura e tradizioni popolari"



DOPO CASTEL del Monte, i trulli di Alberobello, il santuario di San Michele a Monte Sant'Angelo e i Sassi di Matera, nella vicina Basilicata, gi nel patrimonio Unesco adesso l'idea candidare non un luogo storico o artistico definito, ma un sistema paesaggistico e di beni culturali diffuso sul territorio. la sfida intrapresa perch l'Unesco riconosca come patrimonio mondiale dell'umanit il paesaggio salentino e i tesori del Barocco leccese. La candidatura, in realt, stata gi depositata, secondo la procedura ufficiale, nel 2006 al ministero per i Beni culturali. A presentarla a suo tempo stato il Comune di Lecce, capitale della vertigine del Barocco in Salento, a riprenderne il dibattito culturale stato, fra gli altri, in primo luogo Raffaele Coppola, direttore del centro di ricerca "Renato Baccari" del dipartimento di Giurisprudenza dell'Ateneo barese impegnato in questi giorni in una serie di incontri fra Lecce e Taranto per riannodare le fila del percorso verso la presentazione di un dossier ufficiale di candidatura. Com' noto, il Salento al centro dell'attenzione internazionale da tempo e - premette Coppola - questa lista di candidatura per il riconoscimento dell'Unesco mira a valorizzare il suo patrimonio materiale, ovvero gli edifici storici vincolati in particolare le testimonianze del Barocco leccese sia nell'architettura civile che religiosa, sia il suo paesaggio culturale, che si riferisce anche a quelli che sono elementi caratterizzanti del territorio e dunque le gravine, le grotte carsiche, i frantoi ipogei e gli ulivi secolari se non millenari.

Non solo. Nella sfida della candidatura trova spazio anche il cosiddetto patrimonio dei beni immateriali. il caso delle tradizioni popolari, per cominciare suggerisce Coppola: Si pensi ai riti del fuoco a Gallipoli con il fal della "Caremma", come alla fcara di Novoli. Per non parlare dell'universo devozionale che ruota attorno ai riti della Settimana santa che, al di l degli aspetti religiosi, sono la testimonianza viva di un patrimonio socioculturale sedimentato nei secoli come evidenziano le processioni dei Perdoni di Taranto o quella dei Pappamusci di Francavilla Fontana. E protagonista di questi incontri, insieme con Coppola, stata anche Tatiana Kirova, gi docente di Restauro architettonico e urbano al Politecnico di Torino e consulente nell'esame delle candidature dei siti Unesco esterni all'Italia, che sottolinea come la scommessa di Lecce e dintorni abbia buone speranze perch vedo determinazione e voglia di fare e, finalmente, mi paiono superati i limiti dei campanilismi dei singoli. Ma penso che tutto dipender dalla capacit con la quale saremo in grado di coagulare le forze vitali della comunit: le istituzioni pubbliche e gli enti locali, la scoiet civile e l'imprenditoria. E forse la Puglia pu avere una marcia in pi perch gi abituata a fare sistema. Non sono i monumenti che ci interessano da soli, ma la progettualit e la creativit nello sviluppare la storia che deve diventare oggi la base nella riscoperta dell'identit di una comunit. Perch se la storia rimane sui libri non riusciamo a portare avanti nessun dossier di candidatura Unesco. Non bastano le universit con i loro saperi, n le amministrazioni con i loro progetti: bisogna individuare sinergie per valorizzare prima culturalmente e poi materialmente . Secondo un osservatore "esterno" ma autorevole, ovvero l'urbanista Dino Borri, presidente regionale del Fai, questa candidatura rappresenta un'eccellente idea. Il Barocco del Salento una sorta di Spagna minore e diffusa alla Cervantes, ma questo pensando proprio al Chisciotte, e al suo essere un nobilotto di una provincia remota, vuole essere un complimento. Perch si tratta di un Barocco dei piccoli centri, raro e per questo prezioso. Mentre il paesaggio rurale e le campagne stanno purtroppo conoscendo dei processi di trasformazione troppo veloci. Spero anzi che il dibattito per la candidatura Unesco possa aiutare a riflettere proprio su questo, perch si tratta di una grande risorsa che potrebbe essere compromessa se non dispersa a causa di azioni disattente.




news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news