LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'arte pura? E' quella senza cornici
di VALENTINA BERNABEI
29 novembre 2015 LA REPUBBLICA


A Copenhagen, nel museo creato dal locale colosso della birra, Carlsberg, la mostra Paint celebra la vera pittura, esponendo le opere come realmente erano quando gli artisti nell'Ottocento le dipingevano sulle tele, ossia senza il "frame"



L'arte pura? E' quella senza cornici Il Bevitore di assenzio di Manet senza cornice
C' stato un tempo, nei secoli scorsi, in cui gli artisti, i pittori, per comprare i colori facevano carte false. Acquistare il "blu oltremare", ad esempio, era un affare per pochi privilegiati. Se il Papa di turno, o il mecenate committente, non si occupava di fornire anche gli oli, le tempere, i pennelli, la riuscita dell'opera era davvero un rebus fino alla fine. Figuriamoci le cornici. Cosa interessava all'artista delle cornici?

LE IMMAGINI

Il come e il dove sarebbe stato incorniciato il suo lavoro, per un pittore, era davvero l'ultimo pensiero. L'opera viveva nel momento in cui la tela si poggiava sul cavalletto, davanti a un paesaggio, dietro a uno stato mentale, con la mente concentrata sull'appartenere -concettualmente o formalmente- a questo o quel movimento artistico storico, non di certo in attesa di finire appesi ad un chiodo, dentro una grande e bella cornice.

Ma grande e bella sono aggettivi che rientrano nell'estetica dei tempi vissuti, nei periodi storici, nei gusti personali di chi compra, vende, espone l'opera, non dell'artista. Ed interessante, ora, vedere che una mostra dal titolo che non lascia spazio ad equivoci - Paint (che significa proprio pittura) - espone alcuni dipinti dell'Ottocento, capolavori di fama mondiale, da Vincent van Gogh a Paul Czanne, togliendo loro le classiche cornici con cui siamo abituati a vederli nei musei. La mostra in corso fino al 3 marzo 2016 alla Ny Carlsberg Glyptotek di Copenhagen, museo fondato nella capitale danese da Carl Jacobsen (1842-1914), il proprietario del Carlsberg Breweries, uno dei grandi magnati dell'industria del 19 secolo nonch collezionista. Il famoso birraio, infatti, era un appassionato di arte e lasci la sua intera collezione al proprio Paese costruendo la Ny Carlsberg Glyptotek per ospitarla interamente. Il museo stato aperto al pubblico a fine Ottocento, e oggi (ampliato fino a contare su quattro edifici), custodisce circa 10mila opere, tra arte antica e moderna.

I quadri esposti alla mostra Paint sono "soltanto" nove capolavori provenienti dalla collezione di pittura francese della Ny Carlsberg Glyptotek: Thodore Rousseau, Alfred Sisley, douard Manet, Vincent van Gogh, Paul Czanne, Degas, Courbet e due opere di Claude Monet. Una scelta che sottolinea l'importanza della collezione permanente "e la ricchezza che si trova all'interno del museo. Le mostre sono sempre pi spesso blockbuster. Paint il contrario: piccola e molto concentrata, soltanto nove opere ma di alta qualit. Per una mostra che celebra la pittura in quanto tale, fondamentale insistere su un concetto come less is more" - spiega la curatrice Line Clausen Pedersen. Una scelta intelligente anche a livello di gestione museale, che consente di organizzare mostre senza spendere tutte le risorse economiche a disposizione poich usando la collezione il costo quasi zero, ma, soprattutto, perch ripropone una modalit di vedere la mostra che pare caduta in disuso, ossia quella di entrare in un museo e prestare vera attenzione alle opere, non a tutte ma almeno e soprattutto ad alcune.

"Il mio obiettivo come curatrice quello di minimizzare qualsiasi distanza possa esistere tra un'opera d'arte e il visitatore della mostra, fisicamente e psicologicamente, facendo fruire l'opera d'arte nel miglior modo possibile. La rimozione delle cornici porta l'opera d'arte e il visitatore ad avvicinarsi in un ambiente molto intimo. La mostra si propone di facilitare una esperienza sensoriale" continua la curatrice. E in effetti non capita tutti i giorni di vedere da vicino la vernice su tela cos come era stata dipinta dai grandi artisti.

Il sociologo e filosofo tedesco Georg Simmel (1858-1918), a inizi del Novecento, scrisse, tra i suoi tanti libri, un testo che approfondiva proprio l'elemento delle cornici: in pratica, considerandole dei "limiti", li concepiva come mezzi che potessero favorire la contemplazione dell'opera. Ho chiesto alla curatrice cosa pensasse a riguardo e ha risposto che, pur avendo apprezzato quel testo, non sostanzialmente d'accordo. "Paint una mostra che ci permette per un attimo di dimenticare tutto il ragionamento razionale dietro le cornici, lasciando lavorare i nostri occhi e il nostro sguardo, libero di scoprire meglio i dipinti, e senza limiti. difficile guardare quadri senza cornice; i nostri occhi non sono abituati a questo. Capisco il punto, abbiamo bisogno di una sorta di guida nella percezione. La cornice fa questo, come svolge il ruolo di poter fare affermare "ufficialmente" che un'opera, con la cornice, arte" ha puntualizzato Line Clausen Pedersen.




news

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news