LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vicenza. Villa La Rotonda, dossier al ministero
Gian Maria Collicelli
Corriere del Veneto 3/1/2016

Polemiche per i lavori sull’arteria vicino al muro di cinta. Gli ambientalisti si dividono Wwf e Italia Nostra favorevoli, Civiltà del Verde contesta. L’assessore: serve per l’accessibilità

VICENZA. È il luogo scelto da Andrea Palladio per realizzare, a Vicenza, una delle sue opere simbolo nel mondo, ovvero villa «La Rotonda». Ma è anche un’area naturalistica ai piedi di Monte Berico che lo scrittore vicentino Antonio Fogazzaro definì Valletta del silenzio e che un paio di secoli fa era denominata pure «teatro dell’armonia».
Ebbene, ora l’armonia sembra aver lasciato spazio alle polemiche. L’ennesima - di stampo ambientalista - in quella fetta di città già chiamata in causa per le ipotesi di farci sbucare un tunnel viabilistico legato alla Tav (che ormai sembrano tramontate) e pure per la realizzazione - a diverse centinaia di metri di distanza - del nuovo tribunale di Borgo Berga.
Stavolta, il nodo del contendere riguarda un progetto da 145 mila euro (di cui 130 mila euro di contributi statali e 15 mila euro di fondi comunali) per la riqualificazione di stradella della Rotonda: una piccola arteria sterrata immersa nel verde della Valletta del silenzio (zona naturalistica protetta) e che costeggia il fronte ovest del muro di cinta di villa La Rotonda. A fine estate il Comune approva il progetto che prevede la sistemazione del manto stradale in biostrasse (miscela a base di cemento), la creazione di un’area sosta, di un nuovo marciapiede e di un percorso ciclabile. Ma le associazioni ambientaliste locali, chiamate a esprimersi da Palazzo Trissino, si dividono: Wwf e «Italia Nostra» sostengono il progetto mentre l’associazione «Civiltà del Verde» lo contesta. Tanto da creare un dossier che nei prossimi giorni sarà inviato al sottosegretario del ministero dei Beni e delle attività culturali, Ilaria Borletti Buitoni. «Abbiamo richiesto pareri e approvazioni al ministero e alla Soprintendenza (per i beni architettonici e paesaggistici, ndr ) - dichiara la responsabile dell’associazione, Romana Caoduro - e scriveremo al sottosegretario per informarlo di un intervento che riteniamo dannoso per l’ambiente paesaggistico della Valletta del silenzio e per un contesto storico vincolato qual è quello di villa La Rotonda. I finanziamenti servivano per migliorare l’accessibilità alla villa ma saranno destinati a opere per i residenti del quartiere».
La posizione dell’associazione, però, rimane isolata. Per il Wwf il progetto «non crea danni all’ambiente circostante e neppure all’habitat della zona - dichiara il presidente di Wwf Vicenza e Padova, Carmelo Motta - tanto che non si userà nemmeno l’asfalto per la sistemazione della strada». Pure Italia nostra sostiene l’operato della Giunta, nonostante, in passato, abbia criticato altri progetti fra cui l’ipotesi di far arrivare in quella zona il tunnel viabilistico a corredo della Tav (che ormai pare tramontato): «Abbiamo analizzato il progetto - afferma la presidente dell’associazione, Giovanna Dalla Pozza Peruffo - e non ci sono criticità rispetto all’ambiente circostante e al contesto storico culturale di villa La Rotonda, perché si prevede solo la sistemazione di una stradina vicinale che ora, tra l’altro, è molto dissestata».
Nel frattempo, mentre i comitati ambientalisti si dividono, i lavori sono partiti e dovrebbero terminare entro poche settimane, tanto che domani è in programma pure un sopralluogo del Comune per verificare l’andamento del cantiere. E la Giunta si difende: «Siamo impegnati da tempo nella tutela e nella valorizzazione della Valletta del Silenzio - dichiara l’assessore alla Cura urbana, Cristina Balbi - e chi parla di cementificazione e di devastazione ambientale o non conosce il progetto o non lo ha capito oppure è in malafede. Il progetto garantirà una migliore accessibilità alla Rotonda e all’oasi naturalistica offrendo maggiore sicurezza per chi utilizza la strada. Ma non ci sarà nessuna nuova asfaltatura, né nuove cementificazioni o allargamento della strada».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news