LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Camion bar, è ancora aperto il caso «tariffe»
Lilli Garrone
Corriere della Sera - Roma 4/1/2016

Pagavano 3 euro al giorno, ora sono a 9 ma la revisione è prevista nel bilancio 2016

Una cifra «irrisoria». È quella pagata fino a poco tempo fa dai camion bar per sostare nelle aree monumentali di Roma: circa 3 euro al giorno, 92,92 euro al mese per vendere bibite, sorbetti e dolciumi. Gli urtisti (venditori ambulanti di oggettistica per lo più di natura religiosa) invece, che tuttora protestano e si rifiutano di traslocare in via di San Gregorio, dove hanno avuto assegnate una quarantina di postazioni, pagavano 25,56 euro al mese. Così alla fine per le casse dell’amministrazione capitolina l’incasso totale - in questo caso solo per i camion bar - era di 76.937,76 euro l’anno. Pochissimo per guadagni tutt’altro che irrisori e per i prezzi mediamente praticati nei confronti dei turisti.
Ed è una vicenda economica che ancora si trascina. Oggi, infatti, i titolari di camion bar pagano una cifra poco più alta: così alla fine potrebbe essere il Commissario Francesco Paolo Tronca, nell’approvare il prossimo Bilancio (in lui sono i poteri sia della Giunta che dell’aula Giulio Cesare) a stabilire tariffe adeguate alle localizzazioni che tuttora sono in vigore, alcune importanti come la Bocca della Verità, il Circo Massimo o Fontana di Trevi, e ai relativi introiti. Anche perché una delibera con revisione della Cosap era già in fase di preparazione come propedeutica al Bilancio del 2016. «La Giunta due anni fa aveva proposto un aumento di dieci volte la cifra di partenza - ricorda Marta Leonori l’ex assessore alle Attività Produttive - ma alla fine gli aumenti passati in Assemblea Capitolina sono stati di 3 volte e mezzo per la rotazione dei camion bar più numerosi e centrali, 50 operatori, e di tre volte per gli altri 19 operatori: gli importi mensili solo così passati a 325,41 euro e a 278,93 euro. E l’incasso annuale del 2014 è arrivato a 258.842,04 euro». Importi che continuano ad essere ridicoli; quanto agli urtisti per postazioni di tutto rispetto si è arrivati solo a 79,69 euro al mese.
E cifre al di sotto della realtà commerciale di Roma. Ma in ogni caso «i nuovi canoni appaiono più in linea con il valore economico oggetto di concessione - spiega Marta Leonori - al punto che il Tar ci ha dato ragione, sia per quanto riguarda il provvedimento di ricollocazione di camion bar e urtisti sia per le tariffe: era un problema che si dibatteva da anni, i passi in avanti sono stati fatti». Ed in effetti nella sentenza del Tar è scritto chiaramente: «I canoni precedenti erano obiettivamente irrisori e, probabilmente, fonte anche di responsabilità amministrative, mentre i nuovi canoni appaiono più in linea con il valore economico delle aree oggetto di concessione». Non solo. Secondo i giudici del tribunale amministrativo «l’aumento non è contradditorio rispetto alle intenzioni dell’Amministrazione di ridurre l’occupazione delle aree di maggiore pregio della città». Tanto più che nessuno li obbliga a vendere solo prodotti da turisti.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news