LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Camminando nella vigna di Leonardo
Chiara Vanzetto
Corriere della Sera - Milano 5/1/2016

Aperta per l’Expo, la Casa degli Atellani e il suo giardino sono visitabili fino al 31 marzo

Un gioiello nascosto nel cuore della città, un giardino segreto, un episodio della vita di Leonardo a Milano. Che, come spesso accade, cela tesori invisibili dietro facciate e cancelli. Siamo in corso Magenta 65, alla Casa degli Atellani, famiglia di cortigiani di Ludovico il Moro Sforza che abitarono qui tra ‘400 e ‘700: l’ultimo edificio civile rinascimentale rimasto in questa zona e ancora ben conservato, di fronte a Santa Maria delle Grazie, dove Ludovico aveva progettato un quartiere residenziale per i suoi fedelissimi.
In origine erano due le case antiche: sono riunite in un’unica splendida dimora tra 1919 e 1922, quando gli edifici vengono acquistati dall’imprenditore Ettore Conti, storico presidente di Confindustria e Agip, per farne la propria residenza. Il restauro è affidato al genero di Conti, il geniale progettista Piero Portaluppi: sua l’idea di unificare i due cortili porticati e le due costruzioni, arricchendo interni ed esterni con reperti, sculture e affreschi ritrovati durante i lavori. Negli stessi anni l’architetto Luca Beltrami, gran conoscitore di Leonardo da Vinci, trova l’ubicazione della vigna che il Moro aveva donato all’artista nel 1498 in quest’area: si trova proprio in fondo al giardino della Casa degli Atellani, verso via De Grassi. Poi la Seconda Guerra e le sue distruzioni coprono tutto di macerie e di oblio. Fino al 2014. Quando in occasione di Expo si ricercano e ritrovano le tracce della vigna, molto amata dal maestro, e si decide di ripristinarla nei vitigni originali, identificati in Malvasia di Candia, con gli esperti dell’Università di Scienze Agrarie di Milano.
Ma non basta: in concomitanza la Fondazione Portaluppi e gli attuali proprietari del complesso aprono le porte ai visitatori, permettendo di ammirare le due corti, alcuni ambienti interni (uno affrescato da Bernardino Luini e dagli allievi della sua scuola) e il giardino, con la vigna filologicamente recuperata. Un percorso a tappe di grande suggestione, denominato per l’occasione «Museo della Vigna di Leonardo», da seguire con l’accompagnamento di un’ audioguida. L’iniziativa avrebbe dovuto concludersi con la fine di Expo, ma il grande successo di pubblico registrato ha convinto a proseguire l’esperimento mantenendo l’apertura fino al 31 marzo e non è escluso che si protragga anche oltre quella data. Nell’incertezza, però, meglio non perdere l’occasione e approfittare di visitarla finché è possibile.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news