LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, Koons. Come con Moore, Vangi e le statue di Ningbo. La città e i soliti imbarazzi
Alberto Severi
Corriere Fiorentino 5/1/2016

Vai, ti pareva. L’ha fatto. Ce l’ha regalata. E ora come la mettiamo? E soprattutto: dove la mettiamo? L’imbarazzante circostanza, paventata da molti durante la permanenza di Pluto e Proserpina sull’arengario di Palazzo Vecchio, si è puntualmente verificata.
A suggello della mostra a lui dedicata, il grande artista contemporaneo Jeff Koons, uno dei quattro o cinque al top mondiale, ha deciso di fare dono alla città del laborioso parto del proprio talento kitsch. Opera ardita, la statua al Ferrero Rocher (così l’ironia fiorentina ha ribattezzato lo sberluccicante gruppo scultoreo). Fra omaggio ed oltraggio al grande barocco berniniano. Coraggiosa. Così come coraggiosa appare l’intera biografia del Maestro. E non solo sul versante artistico. In che modo infatti non definire coraggioso un uomo che, agli albori dei ‘90, sposa e mette incinta la pornostar Ilona Staller alias Cicciolina, allora al culmine della carriera? Chapeau.
Grazie, Maestro, ma ora siamo alle solite. Il dono rischia di risultare gradito quanto la cravatta psichedelica che lei scova per lui fra i più lisergici reperti anni ‘70. Okay: guai a non indossarla. Ma dove lo piazziamo, l’oggettone? Lo lasciamo sull’arengario? Per carità. Sono già pronte le firme di una ventina di comitati anti-tutto, e pro-copie conformi. Allora, fingiamo di dimenticarlo in un cortile di Palazzo Vecchio, come si fece col Guerriero di Moore? Sì, bella figura coi pratesi: che a Moore e al suo «Buco» hanno dedicato una piazza. E poi, via: come si fa a dimenticare una statua color giallo acido-evidenziatore? È un bell’imbarazzo, diciamocelo. Un imbarazzo periodicamente riaffiorante a Firenze: città che, pur ospitando la statua più famosa del mondo, il David di Michelangiolo, e quella più bella, il Perseo del Cellini, si mostra poco incline ad apprezzare le new entry. Come dire? O’ presepe nun ce piace . Viva lo statuos quo . Ma loro, gli scultori, si ostinano. Donano. Dai tempi del Dante Incavolato (cioè: Dante tout-court) elargito alla città da Enrico Pazzi in occasione del sesto centenario dantesco, e spostato qua e là in piazza Santa Croce come un brutto ma non rottamabile ricordo di famiglia. Come il tristemente famoso Two Riwers di Greg Wyatt (che l’assessore Giuliano da Empoli avrebbe voluto vendere su E-bay) e le «brutte statuone» che la gemellata città cinese di Ningbo ha visto confinate a Villa Vogel.
Ma ricordiamoci che un’opera di Koons, piaccia o no, ha un valore commerciale stratosferico. Forse, un’estrema furbata potrebbe esser quella di destinarla ad ornare, in ideale dialogo ultra-contemporaneo, ma anche citazionista, l’erigenda (?) Pensilina dei Grandi Uffizi progettata da Arata Isozaki: sarebbe un modo se non di risolvere il problema, di rimandare la soluzione.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news