LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, Koons. «Sant’Orsola è perfetta» «No, meglio al Novecento»
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 5/1/2016

Ora che il sasso è stato gettato (il Comune accetta la donazione a tempo del Pluto and Proserpina da Jeff Koons) occorrerà non ritirare la mano (e trovare una corretta collocazione per l’opera che è destinata a restare sull’Arengario di Palazzo Vecchio non oltre il 21 gennaio). Tema non da poco se è vero che in città sull’arte contemporanea non c’è grande apertura. Istituzioni a parte le proposte fioccano.
Per dire, Cristina Ac idin i , che pure ammette che «la sua presenza arricchisce il versante contemporaneo» spinge per una situazione protetta magari in qualche sito della città che aspetta di essere riqualificata come l’ex Tribunale di San Firenze, «luogo che io ho sempre visto vocato all’arte, o il complesso di Sant’Orsola». Ipotesi quest’ultima caldeggiata anche dall’architetto Elio Di Franco — suoi i progetti del centro direzionale di Careggi, ma anche quello di Limestre per Dynamo Camp — il quale fa parte di quella cordata di professionisti e imprenditori che si sono candidati a firmarlo il progetto di riqualificazione di Sant’Orsola. «Ecco — dice lui — anche tenuto conto del progetto che stiamo elaborando, pensiamo a un hub culturale, porterei Jeff Koons al complesso di Sant’Orsola. Sempre che l’artista sia d’accordo, non escludo che lui sia dell’avviso di lasciarla sull’Arengario». Di tutt’altra posizione è il critico d’arte Philippe Daverio , il quale risponde: «Vuole lasciare il suo Pluto and Proserpina qui? Purché paghi un lauto compenso. Io penso che a guadagnarci sia lui e non la città. Quindi il Comune si potrebbe attrezzare per tenerla in deposito ed esporla una settimana l’anno. A quel punto a seconda di quanto lui paga si potrebbe scegliere la location. Una settimana di foto di una sua opera a Firenze e le sue quotazioni salirebbero in maniera vertiginosa. Firenze è diventata un turistodromo, dovrebbe riscoprire la sua vocazione commerciale. Affittare degli spazi a Jeff Koons sarebbe un primo passo».
Smorza le polemiche Arturo Galansino , direttore di Palazzo Strozzi: «Trovo che l’operazione curatoriale di Sergio Risaliti sia stata interessante. Ma non può restare lì sull’Arengario. Una buona collocazione sarebbe il Museo del Novecento, dove c’è un luogo, anche in esterno, deputato ad accogliere sculture. In alternativa magari all’Opera». Sulla proposta non aggiunge nulla Valentina Gensini che del Museo del Novecento è curatrice scientifica: «Non vorrei esprimermi. Aspetto che lo faccia Dario Nardella in qualità di assessore alla Cultura». Spariglia le carte Fabrizio Moretti che, da segretario generale della Biennale di Antiquariato è stato sponsor dell’operazione Koons. «Io — dice — lascerei la statua ancora per un bel po’ lì. Ritengo giusto che l’Arengario ospiti opere contemporanee e mi piacerebbe che Nardella pensasse a un segno da lasciare nel luogo più simbolico di Firenze. Poi la sposterei in piazza santa Maria Novella». Decisamente «contro» è l’architetto Adolfo Natalini , di recente artefice del nuovo museo dell’Opera del Duomo: «Koons? Lo metterei al Palazzo di Giustizia». Infine l’architetto Antonio Godoli, dagli Uffizi, dice: «Lì non può stare. Si potrebbe pensare a una collocazione sempre centrale ma non proprio così rappresentativa, faccio due esempi: piazza Salvemini o vicino all’arco di san Pierino»



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news