LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - "Osanna, la scelta giusta"
BIANCA DE FAZIO
05 gennaio 2016 la repubblica

SARÀ in cattedra sin dal prossimo semestre. «A marzo cominceranno le lezioni. Con un corso su Pompei». Massimo Osanna, che nei giorni scorsi ha vinto il concorso da ordinario di Archeologia alla Federico II, sgombra il campo dal timore che il suo impegno di soprintendente a Pompei, Ercolano e Stabia lo tenga lontano dalle aule universitarie. «Osanna (cui è stato prorogato l'incarico alla Soprintendenza fino al 2018, ndr) ha voluto mantenere l'obbligo didattico» spiega il rettore dell'ateneo, Gaetano Manfredi. Entusiasta dell'arrivo di Osanna nella sua università, dove il soprintendente colma il vuoto creatosi nel settore dell'archeologia con il pensionamento della professoressa Giovanna Greco. «Fu lei per prima a parlarmi di Osanna. Ed io sì, sono contentissimo che proprio lui abbia vinto il concorso. È quanto di meglio ci sia su piazza. Una personalità di riconosciuto valore scientifico. Il Dipartimento di Studi umanistici lo ha proposto, il consiglio di amministrazione ha bandito il concorso, Osanna lo ha vinto». Ottenendo giudizi assai lusinghieri da parte della commissione.

Il rapporto della Federico II con il soprintendente di Pompei risale ad un po' di tempo fa. «Da oltre un anno abbiamo firmato un accordo con la soprintendenza speciale di Pompei, abbiamo riportato i nostri archeologi negli scavi, ed anche gli studenti (alcuni dei quali stanno preparando le tesi proprio a partire da questa esperienza e da questa collaborazione scientifica) ed in un'area della città antica la Federico II sta lavorando anche con altri Dipartimenti, con équipe multidisciplinari, coinvolgendo ad esempio i geologi per le questioni idrogeologiche che vanno affrontate a Pompei». Un intervento congiunto tra Soprintendenza e università, finalizzato all'indagine, allo studio e al restauro dell'area nord occidentale esterna compresa tra la Regio VI e la necropoli di Porta Ercolano, ed anche ad un'indagine sperimentale sui cosiddetti "cumuli borbonici" i materiali di scarto provenienti dagli scavi settecenteschi.

La chiamata di Osanna alla Federico II, nonostante qualche mal di pancia di alcuni professori del Dipartimento - «ma state certi che i distinguo sono rientrati e il Dipartimento è unanimemente contento che Osanna sia in cattedra da noi» puntualizza il rettore - si inserisce nella tradizione dello stretto rapporto tra i responsabili degli scavi e l'università di Napoli. Già nella seconda metà dell'Ottocento Giuseppe Fiorelli, impegnato a Pompei, insegnava a Napoli. E dopo di lui è toccato ai soprintendenti Amedeo Maiuri e Alfonso De Franciscis, tanto per fare esempi illustri.

«Per chiunque sia eccellente prosegue Gaetano Manfredi - le porte della Federico II sono aperte. Stiamo lavorando per portare nel nostro ateneo quanto c'è di meglio in vari settori scientifici. Le chiamate dell'ultimo anno lo dimostrano. All'università di Napoli sono arrivati docenti prestigiosi, e se il nome di Osanna è noto anche al grande pubblico per il suo lavoro a Pompei, gli altri sono molto accreditati nel mondo scientifico, spesso si tratta di cervelli fatti rientrare in Italia ». Val la pena citare Alessandro Naso, per Etruscologia dall'Austria, Giovan Battista D'Alessio per Filologia classica dall'Inghilterra, Davide Morocco, sempre dall'Inghilterra, per Scienze cognitive, Enrico Rizzuto di Ingegneria Navale, che era a Genova, Giuseppe Matarese, di Patologia, vincitore di due premi per la ricerca Erc Grants (quelli che l'Europa destina a nuovi gruppi di ricerca valutandone l'eccellenza scientifica), sfilato a Salerno, Fabio Ciaramelli, per Filosofia del diritto, prima impegnato a Catania, supplente a Napoli e vincitore del concorso tenutosi qualche giorno fa.

«Ed altri nomi eccellenti arriveranno » assicura Manfredi. «Ci stiamo lavorando. Il mio impegno, lo dissi anche quando mi candidai alla carica di rettore, va in direzione della ricerca della qualità. Tutti i professori davvero bravi troveranno casa qui, alla Federico II».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news