LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - Grande progetto, un'opportunità per potenziare la Circumvesuviana
07 gennaio 2016 la Repubblica




Umberto De Gregorio

presidente Eav

Ogni intervento del governo nazionale a favore del territorio locale non può che essere accolto con favore. Il progetto che prevede la costruzione di una nuova stazione di interscambio tra la fermata delle Ferrovie dello Stato e quella dell'Eav Circumvesuviana rappresenta una opportunità straordinaria per lo sviluppo di Pompei , consentendo il raggiungimento degli scavi direttamente da Roma in tempi rapidissimi, e quindi un ampliamento notevole del potenziale turistico per l'intero territorio. Tuttavia parlare di "grande" progetto rischia di essere letto in contrapposizione con il piccolo, troppo piccolo (per non dire minuscolo o inesistente) investimento previsto a favore della ordinaria manutenzione delle infrastrutture esistenti, ad iniziare dalla rete Eav. La preoccupazione che traspare in strati diffusi della popolazione locale è che si tenda a fare qualcosa di straordinario per nascondere l'insufficienza di risorse esistenti per l'ordinario. Una storia antica, quasi come quella di Pompei. Questa preoccupazione è legittima e tuttavia non può rappresentare un valido motivo per opporsi all'iniziativa del governo Renzi. Al contrario deve essere colta come straordinaria occasione per richiamare l'attenzione sullo stato delle infrastrutture del trasporto regionale ed in particolare della rete circumvesuviana che collega Napoli con Ercolano, Pompei e Sorrento. Ben venga il grande progetto Pompei ma sia accompagnato da risorse di pari importo che consentano un rinnovamento della linea ordinaria esistente. Il grande progetto nazionale insomma non può e non deve essere una cattedrale nella desertificazione delle infrastrutture regionali. In questo senso la Regione Campania ed i sindaci del territorio, a partire da quello di Pompei, possono svolgere l'importante ruolo di pianificare, in concerto con il Governo nazionale, e sfruttando anche risorse strutturali europee, interventi di adeguamento delle infrastrutture regionali della rete Eav. La linea locale da Napoli a Sorrento, passando per Pompei e tutto il miglio d'oro, deve essere adeguata alle mutate esigenze ed alla domanda turistica che (ci auguriamo) esploderà con il grande progetto. Ordinario e straordinario devono viaggiare in parallelo, come i binari dei treni. Il grande progetto Pompei è una straordinaria opportunità, si tratta di saperla cogliere. E deve essere un'opportunità non solo per il sito archeologico ma per tutto il territorio che circonda il sito. Il grande progetto per alcuni rischia di provocare una separazione tra gli interessi locali e quelli nazionali, in sostanza una sorta di esproprio del sito archeologico dalla comunità locale. Esiste solo un modo per evitare che questo avvenga: investire nell'ordinario, a tutti i livelli.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news