LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Come rinascono i bunker svizzeri
07 gennaio 2016 la Repubblica



Il risultato attuale diventa in qualche caso paradossale, come sulle alture di Airolo, verso il Passo del Gottardo, alle estreme pendici settentrionali dell'area linguisticamente parlando italiana. Dove si alloggia a quasi 200 euro a notte - un valore forse quasi popolare per gli svizzeri ma non esattamente tale ad esempio per noi in stanze che, anziché proporre un belvedere vista Alpi, offrono il meglio che si possa ottenere, appunto da un ex bunker: diciassette stanze senza finestre, letteralmente "seppellite" nelle montagne del Gottardo, così come il ristorante. E una hall in mattoni neri, decorata soltanto con la bandiera rossocrociata

Come detto, le vie del riciclo sono state (quasi infinite), con effetti a volte paradossalmente coerenti con la destinazione iniziale del sito. Come nel caso di Deltalis. Creato dentro una base dell'aeronautica militare elvetica dismessa nel 2007. Inizialmente pensato come deposito dove raccogliere lingotti d'oro e grandi collezioni vinicole, l'ex "casa" di 1.500 soldati ha via via concesso spazio ai grandi centri dati informatici, server e via dicendo. "Assieme ai nostri processori - spiega il managing director Franz Harzheim - i nostri punti di forza sono il marchio svizzero stesso e la sicurezza fisica della location", situata alle pendici Nord del Gottardo, tra il passo e Lucerna.

Il massimo splendore del network di bunker e fortilizi viene fatto coincidere con la Seconda Guerra Mondiale. Fu allora che il piccolo stato, circondato da assi militari contrapposti, e constatata l'eventuale impossibilità di difesa del territorlio, progettò la Grande Ridotta, il sistema fortificato globale. Ma la responsabilità della sindrome della difesa ad ogni coso degli svizzeri non è da attribuire - o non del tutto - allo scomodo vicino nord-orientale del periodo (il quale verosimilmente ha risparmiato l'invasione alla Confederazione - unica tra i Paesi limitrofi non alleati - per motivi che andavano al di là delle capacità di reazione della stessa). Al riguardo, un aneddoto di due guerre precedenti racconta di un fante rossocrociato che, interpellato, nel 1912 dal Kaiser Guglielmo II di Germania che gli aveva chiesto cosa avrebbero fatto 100mila soldati elvetici se 200mila colleghi-avversari tedeschi avessero invaso il paese, aveva risposto: "Dovremmo sparare due volte ciascuno".
Svizzera. Hotel, musei e caseifici nei bunker della guerra mai combattuta


E d'altra parte, la Confederazione ha un servizio militare - obbligatorio - che è relativamente breve (4-5 mesi), ma con corsi di aggiornamento annuali di 3 settimane sino al 30mo anno di età. E chi viene esonerato deve per legge pagare una tassa di esenzione, pari al 3 per cento del reddito annuo, fino ai 30 anni. E d'altra parte, neanche dopo la caduta del nazismo Berna abbandonò la sua ossessione, tanto che durante la Guerra Fredda molte case erano dotate di rifugio antiatomico. Oggi, con certe minacce ormai remote, rimangono tracce più o meno visibili e pertinenti. Come il Museo Sasso Gottardo, che illustra la Ridotta che fu. O magari come guglie che spuntano qua e là nel paesaggio elvetico, in qualche caso scambiati impropriamente per castelli medievali...

http://www.repubblica.it/viaggi/2016/01/07/news/svizzera_bunker_hotel-130782414/?ref=search


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news