LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LE IRRAGIONEVOLI PAURE SUL NUOVO HUB DI POMPEI
GIUSEPPE GUIDA
07 gennaio 2016 la Repubblica




UN aforisma attribuito a John Lennon ribadisce come «la realtà non può tollerare molta immaginazione».

In politica il realismo è tutto. Restare ancorati al fatto contingente, a chi campa anche grazie alle tue scelte, a chi si aspetta di vedere risolti i suoi problemi domattina e non fra dieci anni, significa ascoltare la realtà più spicciola e tentare di fornire soluzioni.

Quest'approccio, però, si scontra con la necessità, soprattutto di alcuni territori, di sostenere visioni almeno di medio periodo, di suggerire scenari più ampi per il futuro, di ripensare, in molti casi, il proprio modello di sviluppo, adeguandolo alle modificazioni delle condizioni al contorno.

Lo scontro, che apparirebbe surreale in qualunque parte d'Europa, sul cosiddetto nuovo Hub di Pompei, è esemplificativo in questo senso.

Si tratta di un progetto, dal costo preventivato di 35 milioni di euro, in corso di elaborazione da parte di Ferrovie dello Stato, che mette in connessione la linea dell'alta velocità che attualmente arriva a Salerno, con la Circumvesuviana e poi direttamente con l'ingresso degli scavi archeologici.

Si tratta di un progetto che trae la sua logica dal confronto con decine di casi similari relativi a siti dell'importanza di Pompei e che tendenzialmente aumenta e consolida il numero dei visitatori, ampliando l'offerta a livello nazionale.

Le contestazioni al progetto (che, ovviamente, necessita ancora di molte fasi e un'ampia attività di valutazione e concertazione) sono state mosse soprattutto dall'amministrazione comunale, che vede messo in pericolo il sistema economico che adesso campa sui flussi turistici, provenienti prevalentemente attraverso bus privati e Circumvesuviana, oltre che dall'autostrada A3, che a Pompei ha due uscite.

Queste critiche apparirebbero anche ragionevoli, se non fosse che i dati e gli indicatori economici parlano di un territorio in cui per anni sono state assenti politiche di sviluppo e azioni in grado di intercettare una parte sensibile dell'enorme quantità di turisti degli scavi e che, ora sì, arrivano e subito vanno via, magari dopo aver acquistato qualche scadente chincaglieria in vendita all'esterno degli scavi.

Si tratta di un flusso di visitatori enorme, oltre tre milioni e duecentomila nel solo 2015, un record assoluto.

Mai il sito era stato visitato da una tale massa di persone.

Se si guarda, tanto per fare un esempio, all'intera capacità ricettiva dei comuni ricadenti nel sistema territoriale di sviluppo dell'area (comprendente i comuni di Boscoreale, Boscotrecase, Castellamare di Stabia, Ercolano, Pompei, Portici, San Giorgio a Cremano, Torre Annunziata, Torre del Greco, Trecase) emerge che nell'intera area è presente appena l'8 per cento delle strutture alberghiere dell'intera provincia di Napoli.

E così tutti gli altri indicatori, come il tasso di ricettività, l'indice di qualità, il tasso di utilizzo, marcano con chiarezza (e con tristezza, si potrebbe aggiungere) la difficoltà di questo territorio di catturare i flussi turistici, rendendoli remunerativi e strutturalmente connessi all'economia dei luoghi.

Cosa difende allora il sindaco? I progetti di sviluppo in corso, si dice. Il restyling di alcune strade e negozi che faticosamente si stanno riposizionando secondo standard più aggiornati, e tra l'altro già messi in difficoltà da alcuni nuovi grandi centri commerciali dell'area, per i quali nessuno si è incatenato a nessun cancello.

Più serio potrebbe essere pretendere una programmazione, concertata tra i diversi enti, che sostenga delle strategie di integrazione tra il nuovo hub e le attrezzature già presenti o in progetto, la riqualificazione ed il rilancio della Circumvesuviana, la messa in connessione con le altre aree archeologiche del comprensorio (Oplontis, Stabiae, eccetera), rispetto al quale l'hub sarebbe baricentrico.

In questo modo potrebbe essere realisticamente rilanciato il milieu locale, e cioè l'aggregato di risorse reali e potenziali, materiali e immateriali, di vario genere (economiche, culturali, ambientali, sociali) presenti in abbondanza in questo territorio, nonostante i rilevanti problemi urbanistici dell'area, che certo non agevolano lo sviluppo della zona.

Si tratta di azioni per le quali non mancano le risorse, e la nuova programmazione dei fondi europei.

Soprattutto quella destinata alle città metropolitane (Pon-Metro) in questo senso è chiara. Basterebbe avere, appunto, un po' di immaginazione.

E, forse, un po' più di coraggio.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news