LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Nuovi gradini per il ponte di Calatrava. Summit tra sindaco e Corte dei Conti
Alberto Zorzi - Gloria Bertasi
Corriere del Veneto 8/1/2016

Ipotesi sostituzione per il ghiaccio. L’ex assessore: «Il vetro doveva essere anti-scivolo»

VENEZIA. «Ho incontrato Luigi Brugnaro pochi giorni fa e mi ha detto che mi vuole venire a parlare dell’ovovia del ponte di Calatrava. Non mi ha accennato ai gradini, ma gli ho detto che lo riceverò presto, anche se il nostro ufficio non ha funzioni consultive propriamente dette». Carmine Scarano il ponte di Calatrava lo conosce come le sue tasche. Per anni il procuratore regionale della Corte dei Conti ha seguito l’inchiesta sulla lievitazione dei costi del quarto ponte sul Canal Grande, tra perizie tecniche complicatissime e indagini della Guardia di Finanza, arrivando poi a contestare all’architetto catalano Santiago Calatrava e ai tre tecnici che avevano seguito i cantieri un danno erariale di quasi 4 milioni di euro. Un anno fa i giudici hanno accolto le tesi della difesa, assolvendo i quattro imputati, ma Scarano sta già scrivendo l’atto di appello, che dovrà depositare entro marzo, come aveva preannunciato subito dopo la lettura della sentenza.
Ieri il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, dopo le polemiche di questi giorni sull’ennesima gelata del ponte, divenuto una sorta di «pista di pattinaggio» con cadute a raffica, ha ipotizzato la sostituzione di quei «maledetti» gradini di vetro, che con nebbia, pioggia e freddo diventano scivolosissimi. «Prima di prendere qualsiasi decisione chiederemo alla Corte dei Conti», ha detto il sindaco. «Noi possiamo essere di supporto alle amministrazioni, ma non rilasciamo pareri - spiega Scarano - La procura non può dirigere quello che fanno le amministrazioni, ma siamo disponibili a un confronto». Tra l’altro proprio quei gradini entrarono di prepotenza nel procedimento di fronte alla Corte dei Conti, in quanto Scarano fece un’aggiunta in corsa di 37 mila euro di danni per la sostituzione di alcune lastre di vetro rotte o danneggiate, sottolineando che nei primi sei anni dopo l’apertura del ponte nel settembre 2008 erano state ben 14 quelle cambiate. Accuse alle quali gli avvocati avevano ribattuto che nello stesso progetto si ipotizzavano un paio di gradini rotti all’anno tra le spese di manutenzione.«E’ un’opera delicata e come tale andrebbe gestita», avevano detto i legali.
Nell’incontro tra Scarano e Brugnaro si parlerà poi dell’ovovia, che di fatto in questi due anni dalla prima corsa (che risale al novembre 2013) non ha mai funzionato, trasportando poche decine di persone, perlopiù mamme con le carrozzine. Il Comune sta studiando varie ipotesi per risolvere la questione, ma intanto anche sull’«ovetto rosso» pende un’inchiesta della procura della Corte dei Conti, che un anno fa, per interrompere i termini di prescrizione, ha mandato a politici e tecnici che la avallarono una messa in mora di 1,8 milioni di euro.
E proprio i politici coinvolti non ci stanno a finire nel tritacarne. «Pretendemmo che i gradini fosse anti-scivolo e il tema fu sottoposto alla Saint Gobain (l’azienda che produsse le lastre di vetro, ndr ) - spiega l’ex assessore ai Lavori pubblici Mara Rumiz, in carica durante l’ultima amministrazione di Massimo Cacciari - una condizione posta era appunto che il vetro sopportasse tutte le condizioni atmosferiche». Il problema del ghiaccio e dell’impossibilità di cospargere sale sul vetro emerse dopo l’apertura del ponte della Costituzione. «Possibile che dopo tanti anni non sia stato individuato un sistema per intervenire?», domanda Rumiz e la stessa domanda la pone un altro ex assessore, Alessandro Maggioni, ai Lavori pubblici tra il 2010 e il 2014. «Tutti i ponti si ghiacciano e si scivola, ma sugli altri con il sale il problema è risolto - spiega Maggioni - A suo tempo l’amministrazione avrebbe dovuto porre il problema all’archistar quando invece gli si è imposta l’ovovia. Possibile che i produttori non possono trovare un modo di agire?».
Alberto Zorzi - Gloria Bertasi



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news