LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bologna. Il caso graffiti: «Nodi giuridici da sciogliere»
Fernando Pellerano
Corriere di Bologna 8/1/2016

Giulio Volpe, lei è un avvocato dell’arte, esperto e autore per Cedam del «Manuale di diritto dei beni culturali»: cosa pensa del dibattito sui graffiti di questi giorni?
«Ho pensato subito che ci fossero molti nodi da sciogliere sul piano giuridico: questioni relative al diritto morale e patrimoniale d’autore, questioni relative alla attribuzione della proprietà delle opere, questioni relative alla futura destinazione delle opere stesse».
Le dinamiche anche giuridiche relative alla street art sono poco indagate perché il mercato se ne è occupato ancora poco?
«Il mercato non poteva occuparsene molto poiché queste opere nascono, e non sono certo il primo a dirlo, per rimanere sui muri che le ospitano, dei quali, per volontà dei loro autori, dovrebbero seguire il destino. Staccandole, è indubbio che l’opera si snaturi, perda una componente della sua identità necessaria. Si presume poi che una volta staccate possano assumere, in potenza, una nuova vita commerciale, ma avranno inevitabilmente una diversa identità».
Diciamo che alcuni aspetti teorici sono stati già sviluppati dagli autori del progetto (a breve Luca Ciancabilla pubblicherà per Bup un testo critico sul tema): si parla di salvaguardia di opere desinate alla distruzione.
«Ben venga il salvataggio, fatta salva la de-contestualizzazione di cui sopra, che potrebbe irritare non poco gli artisti di strada, sebbene la proprietà dell’opera sia passata al proprietario del muro al momento della realizzazione. Non dimentichiamo che rimangono loro i titolari del diritto morale d’autore e che possano fare valere la loro titolarità del diritto di riproduzione, che passa soltanto ove espressamente negoziato».
Quindi potrebbero opporsi anche alla pubblicazione della loro opera su un libro.
«Non lo escludo».
Ma a parte la riproduzione, potrebbero opporsi, cosa più importante, anche a una mostra?
«Vi sono diritti patrimoniali d’autore che “seguono” la proprietà dell’opera. Tra questi vi sarebbe il diritto di esporre l’opera in pubblico; non così, come si diceva, per il diritto di riproduzione, che come detto deve essere ceduto espressamente».
Questione complicata.
«Certo, a diradare la nebbia sarebbe auspicabile l’intervento delle istituzioni cittadine che in questo contesto sembrano essere il vero convitato di pietra».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news