LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Su il sipario, bentornato Niccolini
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 8/1/2016

Il teatro Niccolini restaurato

Per chi sbarcava per la prima volta nella Firenze, il teatro Niccolini degli anni Ottanta era un must. «Non so se sia una suggestione — ricorda — Gianluca Balestra, marchigiano, oggi alla guida del teatro Florida di via Pisana — ma io un’atmosfera così non l’ho più ritrovata». Stessa emozione per il regista e autore Giancarlo Cauteruccio.

Tanta è stata la fatica per riportare a nuova vita il Teatro Niccolini, visto che, come ha sostenuto il sindaco Dario Nardella, «è più difficile riaprire un teatro chiuso che farne uno nuovo da capo»; altrettanto intenso è stato il tasso di entusiasmo che ieri si respirava alla presentazione dopo 9 anni di lavoro e 20 di attesa. Firenze ritrova il suo teatro più antico, definito «un luogo che potrà essere all’altezza dei grandi esempi internazionali che troviamo a Parigi, Berlino, Londra» e «la risposta italiana alla comédie francaise», come hanno detto lo stesso sindaco e il proprietario Mauro Pagliai che ha finanziato con l’Ente Cassa il restauro. L’inaugurazione è stasera, dalle 19.45, con un’intervista-spettacolo a Paolo Poli, che di questo palcoscenico in mezzo secolo è stata una delle figure chiave. Poi spazio a un’esibizione del Quartetto Hyde della Scuola di Fiesole. Mentre la prossima settimana farà il suo ingresso Pitti Immagine quando, il 14 gennaio, presenterà la performance site-specific dello stilista Marco De Vincenzo.
Inaugurazione già tutta esaurita in tutti i 408 posti e 4 ordini di palchi del più antico teatro «moderno» del mondo ancora in attività, chiuso per due decenni, nato con il nome di «Teatro del Cocomero» intorno al 1650. Attese personalità del mondo della politica e dello spettacolo da mezza Italia, per quello che è considerato un giorno molto importante per la città. Il premier Renzi ha anticipato tutti con un’incursione esplorativa due giorni fa. Stuzzicato ieri dall’ironia del mattatore Paolo Poli: «Spero che non ingrassi troppo il premier; è meglio più magro... ma del resto la televisione non imbellisce nessuno». Dell’immediato futuro si sa che «da aprile rimarrà aperto tutto il giorno tutti i giorni, fin dalle 9 del mattino con un caffé letterario condotto dall’appena rinata Accademia degli Infuocati — spiega Pagliai che il sindaco a proposito ha ribattezzato scherzando «infuocato di natura, ma senza facili giochi di parole col fuoco di paglia» — e con un programma di iniziative per preparare i turisti che vorranno visitare la città e soprattutto il nuovo museo dell’Opera del Duomo». E si sa anche che sarà molto attivo sul versante dell’ospitalità dei convegni, proponendosi come centro polivalente, non solo dedicato allo spettacolo dal vivo, e «avrà una stagione imperniata sulla tradizione della prosa italiana, specialmente del ‘700» come ha promesso Marco Giorgetti della Fondazione Teatro della Toscana, la ex Pergola, che gestirà lo spazio che viene già considerato «il nostro settimo palcoscenico». In controtendenza con quanto avveniva negli anni Ottanta, quando il Niccolini era un centro di teatro sperimentale. Nardella, sul palco con Pagliai, il presidente dell’Opera del Duomo Franco Lucchesi e l’ad di Pitti Immagine Raffaello Napoleone, si gode una vittoria importante per Firenze: «Un luogo come questo riqualifica un’intera strada, come via Ricasoli, nel segno di un turismo più consapevole e meno di massa». Una una riapertura a cui, come lo stesso Pagliai ricorda, «in pochi ci credevano fino a poco tempo fa», che arriva in concomitanza con i festeggiamenti dei cinquant’anni di Polistampa, la casa editrice fondata da Pagliai nel 1965. «In questo modo — aggiunge l’editore — ho voluto restituire alla città, in segno di gratitudine, qualcosa di tutto ciò che mi ha dato». Se il teatro guarda al futuro, Paolo Poli stasera lo battezzerà guardando al passato: con un’antologia della sua produzione. Ma non vuole che si parli di un «ritorno a casa». Anzi, scherza: «Spero di morire all’estero, come Dante».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news