LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. I custodi che timbrano al museo e poi scommettono in ricevitoria
Rinaldo Frignani
Corriere della Sera 9/1/2016

Roma, 9 impiegati filmati mentre fanno shopping in orario di servizio: denunciati e sospesi

ROMA. Maneggiavano i badge dei colleghi assenti come fossero figurine. E nell’atrio quasi sempre deserto del Museo nazionale delle Arti e delle Tradizioni popolari dell’Eur strisciavano una dopo l’altra le tesserine nell’apparecchio segna-presenze. Pochi secondi e il compagno di lavoro risultava in servizio quando era invece a casa, in giro a fare shopping, oppure era occupato in qualche altra attività. Era questo un compito svolto preferibilmente da alcune dipendenti del polo museale che promuove «il patrimonio etnoantropologico italiano» — come scritto sul sito internet — e conserva più di centomila documenti sugli usi e i costumi regionali. Un museo considerato un gioiello fra i tanti luoghi di cultura della Capitale, precipitato ora in uno squallido scandalo: nove impiegati, quasi tutti custodi o addetti alle sale, sono stati denunciati dai carabinieri per truffa allo Stato, falsità materiale e altri reati.
Il gip — negando l’arresto degli indagati come chiesto dal pm — ha disposto per loro la sospensione dai pubblici uffici per 12 mesi. Si tratta di cinque donne e quattro uomini, uno dei quali nel febbraio 2015 era già stato arrestato per lo stesso motivo. Tutti con 20 anni di anzianità di servizio.
Che ci fosse qualcosa di strano nella gestione del personale del museo i carabinieri della compagnia Eur non l’hanno scoperto dopo una segnalazione del ministero dei Beni culturali o della Sovrintendenza. A dicembre 2014 la soffiata è arrivata invece da qualcuno che ben sapeva cosa accadeva tutti i giorni nelle sale di piazza Guglielmo Marconi, sulle quali solo ora il Mibact ha avviato un’indagine interna, che potrebbe portare al licenziamento dei furbetti del cartellino. Quello che le telecamere nascoste dai carabinieri hanno ripreso per quasi due mesi era peggio di ciò che gli stessi investigatori dell’Arma si aspettavano: impiegati che arrivavano la mattina con tutta calma, timbravano il cartellino — spesso anche quelli non loro — e poi uscivano. Subito. Da soli o in coppia. Senza nemmeno farsi vedere (almeno per ora è questa la versione ufficiale, ma le indagini non sono ancora concluse) dai funzionari e dagli altri 30 colleghi regolarmente in servizio. I nove sono stati pedinati, fotografati, filmati durante la loro giornata da falsi presenti: uno in sala scommesse a puntare sulle partite, un altro al supermercato a fare la spesa, una loro collega con il grembiule nella frutteria del marito. «Io? Guardate che si tratta di un errore clamoroso. Ma quando mai? Sto sempre in ufficio», si è giustificata una delle custodi quando i carabinieri si sono presentati a casa sua per consegnarle il provvedimento del giudice.
Parole inutili, le immagini sono inequivocabili. «Nessuno di loro ha pianto, ma bastava guardarli in faccia per capire che gli era crollato il mondo addosso», raccontano i carabinieri, che dopo le bugie si sono dovuti sorbire anche i lamenti dei furbetti: «Ma adesso come faccio a vivere senza stipendio per un anno?».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news