LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Antiche lapidi a pezzi abbandonate al Civile
07 gennaio 2016 LA NUOVA VENEZIA




Ci sono pietre che raccontano la storia sanitaria di Venezia, quella dei grandi medici che l'hanno segnata come di colui che curò Daniele Manin, o dei grandi benefattori. Sono le lapidi, molte delle quali a pezzi, che per anni sono state dimenticate in un cortile dell'ospedale San Giovanni e Paolo e che ora per la maggior parte si trovano nel chiostro della Pace. La promessa fatta dal direttore generale dell'Ulss 12 è che saranno in parte ricollocate nel corridoio della Porta d'acqua «per creare un percorso di ineguagliabile prestigio storico». Per ora, però, sono posate a terra e, alcune, sono a pezzi. A segnalare la condizione in cui si trovavano era stata la storica della sanità veneziana Nelli Elena Vanzan Marchini, che all'Ateneo veneto ha organizzato una serie d'incontri iniziati lo scorso anno e che si concluderanno il prossimo 21 gennaio, uno dei quali riguardava proprio «La storia scritta sulla pietra». «Il passato ha scritto sulla pietra il ricordo dei medici e dei filantropi che cercarono di garantire l'assistenza e la cura», si legge nel pieghevole che presenta il corso, «le loro effigi tramandano i percorsi della scienza e della solidarietà che la riconoscenza e l'arte hanno voluto immortalare. Molte di queste lapidi rischiano di essere corrose dall'abbandono, mentre il loro messaggio etico è cancellato dall'oblio». Anche le lapidi dell'ospedale Giustinian erano nelle stesse condizioni e lo scorso anno erano intervenuti una funzionaria della Soprintendenza e i carabinieri del Nucleo di tutela del patrimonio storico e artistico per salvarle. Tra le lapidi del Civile a terra ci sono quelle di Giacinto Namias, medico personale di Daniele Manin, clinico di fama nella Venezia dell'Ottocento, fondatore dell'Ospizio Marino Veneto, fu primario di medicina, presidente dell'Ateneo Veneto, professore nella Scuola pratica di Medicina e Chirurgia dell'Ospedale Civile. Ebreo, si dedicò alla cura del prossimo anche a rischio della propria vita in tempo di colera quando Venezia era assediata. Lapide smantellata dai fascisti nel ventennio, come del resto quella di Michelangelo Asson chirurgo dell'Ospedale Civile, anche lui di religione ebraica, nato a Verona nel 1802 e morto a Venezia nel 1877. Ma non si tratta di discriminazione razziale, sono a terra anche quelle di Angelo Minich (uomo di scienza e grande filantropo, lasciò parte del suo patrimonio al nosocomio), Giuseppe Olivotti (lasciò il suo patrimonio per pagare la pensione agli infermieri) e Tommaso Rima (primario chirurgo svizzero).




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news