LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Fare arte oggi non è più solo libertà ma responsabilità"
GAIA RAU
10 gennaio 2016 la Repubblica





La sua installazione è il frutto di una ricerca artistica intrapresa molti anni fa. Qual è la sua origine?

«Al Mercato Centrale ho riprodotto con i vetri il simbolo del "Terzo Paradiso", un'immagine che ho costruito partendo dai due cerchi del simbolo matematico dell'infinito e aggiungendovi, attraverso due ulteriori intersezioni, un terzo cerchio intermedio: quello del finito, ovvero dell'esistente, del vissuto. L'idea è che l'opposizione fra due elementi ne produca un terzo, in un continuo processo di creazione, di equilibrio e di pacificazione. Come in filosofia la tesi e l'antitesi, che producono la sintesi; in biologia il maschile e il femminile, che danno origine alla vita, o in chimica l'idrogeno e l'ossigeno, che creano l'acqua».

Un messaggio ottimista, il suo?

«La mia arte non è professione né di ottimismo né di pessimismo: io parto da un concetto di necessità, anche sul piano critico».

La sua opera è ospitata in un mercato. E sempre di più oggi, il cibo sta assumendo una valenza culturale. Cosa ne pensa?

«Non avrei mai accettato di fare un'installazione per un luogo di largo consumo. Il Mercato Centrale è un luogo unico, sia perché ha una storia architettonica speciale, che risale all'Ottocento, sia perché è un aggregatore di piccoli produttori che lavorano sulla qualità e la sostenibilità, e a cui è stata data un'opportunità per arrivare direttamente al consumatore al di fuori dei circuiti della grande distribuzione, che non offrono alcuna garanzia di prodotti sani o non nocivi. Sono davvero convinto che l'educazione all'alimentazione sostenibile sia il grande tema del nostro tempo e che, al di là dalle dichiarazioni dei grandi leader mondiali, debba essere sentita sempre di più come una responsabilità comune e condivisa».

È stato a Expo?

«No, perché credo sia stata poco di più che una manifestazione folkloristica. Ma non ero contrario al fatto che venisse fatta e, per l'inaugurazione, ho esposto in piazza Duomo a Milano, e poi donato alla città, la mia "Mela reintegrata", che rappresenta anch'essa una declinazione del concetto di "Terzo Paradiso": l'idea è la fusione fra il paradiso naturale e quello artificiale grazie a un nuovo equilibrio, in cui scienza e tecnologia possano aiutarci a tornare nella natura. L'esatto contrario della mela della Apple, che rappresenta il dominio dell'artificio , con tutte le sue conseguenze».

A Firenze si dibatte sulla difficoltà, in una città fortemente plasmata sul proprio passato, di trovare spazi destinati al contemporaneo. Lei ha avvertito questo problema?

«Personalmente, non mi sono mai trovato in difficoltà. Ma da tempo collaboro con la Galleria Continua di San Gimignano che, con il progetto "Arte all'arte", sta facendo un lavoro straordinario per portare il contemporaneo nei musei di arte antica, e credo che questa sia la direzione giusta da prendere, senza contrapposizioni. In fondo, tutta l'arte è contemporanea. Forse, quello che dovremmo iniziare a fare è educare la società a comprenderla, se non l'arte del nuovo millennio, ancora di difficile definizione, almeno quella del Novecento ».

Qual è per lei il senso più

profondo del fare arte?

«I contenuti. Un osservatore superficiale potrebbe dire che la mia opera è uguale a quella di Daniel Buren esposta lo scorso anno, ma non è così, perché la mia ha un significato etico, è portatrice di un messaggio che tocca la società. L'arte ha raggiunto nel Novecento il massimo grado di libertà, agli artisti è stato concesso di fare qualunque cosa. Oggi bisogna che a questa libertà si aggiunga la responsabilità, che l'arte sia connessa alla società: soltanto così si può fare avanguardia».






news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news