LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lago di Como, appalti irregolari per le paratie: indagato sindaco ed ex, Finanza anche in Regione
di DAVIDE CANTONI
11 gennaio 2016 la Repubblica



Coinvolti 4 dirigenti comunali, perquisizioni. Il blitz dopo i rilievi dell'Autorità anticorruzione. Il governatore Maroni: "Noi abbiamo solo messo a disposizione le risorse". Dal Pd lombardo solidarietà a Lucini

Blitz della Guardia di finanza con perquisizioni - anche nell'abitazione dell'ex sindaco di Como Stefano Bruni - e acquisizioni di documenti relative agli appalti pubblici per la realizzazione sul lungolago di Como delle paratie a difesa delle esondazioni del lago. Nell'indagine risultano al momento indagati il sindaco Mario Lucini (Pd), il predecessore Bruni (FI) e altri quattro dirigenti pubblici. I reati ipotizzati sono violazione alla normativa edilizia e paesaggistica nonché la turbata libertà nel procedimento di scelta del contraente.

I finanzieri hanno acquisito documenti relativi agli appalti per realizzare sul lungolago delle paratie a difesa delle esondazioni, un'opera iniziata nel gennaio 2008, più volte sospesa, attualmente ferma e non ancora terminata. La Finanza è andata negli uffici del Comune di Como e nelle abitazioni dell'ex sindaco Stefano Bruni (che ha appaltato i lavori ed è rimasto in carica fino al 2012), di funzionari pubblici coinvolti nella vicenda, in Provincia, in una serie di società, alla Sovrintendenza alle Belle arti e al paesaggio, in Regione Lombardia e nella sede di Sacaim a Venezia.

Nei guai, oltre ai due sindaci, Antonio Ferro, responsabile del procedimento; Antonio Viola, predecessore di Ferro ora in pensione; Giuseppe Cosenza (che prima di approdare in Comune quale responsabile dell'Urbanistica aveva seguito il caso paratie in qualità dirigente provinciale) e Pietro Gilardoni, indicato direttamente dal sindaco per occuparsi del cantiere. Quest'ultima nomina di recente è stata contestata da Anac – l'Autorità Anticorruzione – perché il professionista, in precedenza, è stato consulente di Sacaim, azienda che ha vinto l'appalto per la costruzione del sistema antiesondazione.

"Ho ricevuto l'informazione di garanzia", ha confermato il sindaco Lucini. "Ora mi riservo il tempo di capire tutto quanto". Sul fronte cantiere ha spiegato che "l'azzeramento eventuale dei lavori (possibilità chiaramente indicata da Anac) è un'opzione penalizzante per la città. Adesso voglio capire che se vi sono elementi superabili che ci permettano di andare avanti con il cantiere anche se, visto come stanno andando le cose, non so più se esista una soluzione al problema paratie. Una situazione che comunque non abbiamo causato noi". Il primo cittadino in queste ore incontrerà i consiglieri di maggioranza e opposizione.

Le perquisizioni e le acquisizioni, effettuate da una quarantina di finanzieri, avvengono su delega della Procura della Repubblica di Como, a pochi giorni dal deposito delle conclusioni della stessa Anac che aveva contestato una serie di irregolarità che riguardano l'iter adottato per la prosecuzione del cantiere, rilevandone lo scostamento dalla normativa sulla gestione degli appalti.

L'Autorità anticorruzione, nel dettaglio, pur dando atto al Comune di aver proceduto a una "riduzione dell'originaria variante" dopo la prima contestazione, alla luce delle criticità emerse aveva invitato l'amministrazione a "valutare se e quali misure ritiene congrue per la prosecuzione o la risoluzione del contratto". La delibera era stata poi inviata alla Procura e alla Corte dei Conti. Non più di 48 ore fa il sindaco Lucini aveva risposto alle contestazioni escludendo le proprie dimissioni, rivendicato le proprie scelte e ricordato, tra l'altro, come l'Autorità esprima pareri “non vincolanti”.

Il governatore Maroni è intervenuto sulla vicenda per sottolineare che la Regione Lombardia non ha "alcuna
responsabilità, perché la stazione appaltante e tutte le iniziative sono state prese dal Comune di Como. Vediamo la prosecuzione di queste indagini a cosa porterà - ha detto Maroni -
noi abbiamo solo messo a disposizione le risorse. Se proseguiranno i lavori, bene, altrimenti le risorse le utilizzeremo per altre opere". Da parte sua, invece, il segretario del Pd lombardo Alessandro Alfieri, ha espresso "piena solidarietà" a Lucini. "Siamo certi - si legge in nota nota - della bontà dell'operato della sua amministrazione che si è trovata a risolvere una situazione complicata ereditata dalla precedente giunta di centrodestra".



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news