LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PARIGI-Il Louvre restaura il «San Giovanni Battista» di Leonardo
Luana De Micco
www.ilgiornaledellarte.com, 14/01/2016

Il Louvre restaura il «San Giovanni Battista» di Leonardo. Il capolavoro del maestro toscano lascerà le sale del museo parigino prima della fine di gennaio: «Nel corso dell'Otto e Novecento il dipinto è stato riverniciato più volte nel tentativo di ringiovanirlo. Sono stati aggiunti almeno quindici strati. È il Leonardo più riverniciato di tutti!», osserva Sébastien Allard, direttore del dipartimento dei Dipinti del Louvre.

Il restauro è stato annunciato a un gruppetto di giornalisti (tra cui anche «Il Giornale dell’Arte») riuniti intorno all'opera, esposta ancora per qualche giorno, dunque, accanto ad altri due capolavori di Leonardo, «Sant’Anna, la Vergine e il Bambino» e «La Belle Ferronnière», che il Louvre ha già restaurato di recente.

Il «San Giovanni Battista» è il terzo su cui si interviene in pochi anni. E come sempre quando si tratta di Leonardo, la questione è delicata: «Procediamo con molta cautela e umiltà. Si va a toccare il mito di Leonardo, la sua tecnica eccezionale e il cuore storico delle collezioni del Louvre. Esiste una dimensione simbolica di cui siamo consapevoli», aggiunge Allard. Poi il direttore del dipartimento anticipa la domanda che sta affiorando sulle labbra dei cronisti: «Come proseguiremo non saprei, precisa, facciamo un passo per volta, ma posso già dirvi che non toccherà ancora alla Gioconda».

Torniamo al «San Giovanni Battista». Sul dipinto è stato rilevato uno spessore «record» di vernici, aggiunte intervento dopo intervento, pari a 110 micron, praticamente il doppio dello spessore di 50-60 micron che era stato trovato sulla «Sant’Anna», restaurato nel 2012. Il risultato di un tale accumulo di vernici, che nel tempo sono invecchiate e alterate, è che il quadro si è ingiallito e a stento si intravedono la pelle d’animale, di cui il santo è vestito, e la croce che tiene in una mano. Si distinguono bene solo le parti più luminose, il volto del santo con l’indecifrabile sorriso e il braccio, col dito indice della mano rivolto verso l’alto per indicare la croce. Un atteggiamento ambiguo che negli anni è stata aperto a mille interpretazioni.

Il lavoro della restautrice Regina Moreira (che per il Louvre ha già restaurato la «Betsabea» di Rembrandt) sarà dunque di alleggerire le vernici per restituire leggibilità alla scena. C’è da aspettarsi uno shock visivo a fine lavori? Vincent Delieuvin, conservatore al Dipartimento dei Dipinti del Louvre, ritiene di no: «Sul "San Giovanni Battista" Leonardo ha lavorato facendo economia di colori. Pur eliminando una buona metà delle vernici aggiunte, si può prevedere che il quadro resterà in penombra. Il restauro della "Sant’Anna" ha fatto risaltare il blu del mantello della Vergine. Nella "Belle Ferronnière" è riemerso il rosso del vestito. Nel "San Giovanni" non ci sono colori, è quasi un quadro in bianco e nero».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news