LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Così Mondadori e Coop intascano 13 milioni alle spalle del Colosseo
Stefano Iannaccone
www.lanotiziagiornale.it, 14/01/2016

Le società gestiscono guide e negozi ma non versano il dovuto allo Stato


Il Colosseo e il Foro Romano. Due miniere d’oro del turismo di Roma e dell’intero Paese. Che però hanno visto mancare all’appello almeno 13 milioni di euro nell’arco degli ultimi 13 anni: la media di un milione di euro all’anno. Con un risultato evidente: rinunciare agli interventi manutenzione, tanto che i lavori necessari hanno richiesto una mano dai privati. Ma come si è creato questo buco per il circuito archeologico Colosseo, Foro romano e Palatino? La responsabilità è della concessione sui servizi aggiuntivi – audioguide, la bookshop, vendita di gadget, prenotazioni e prevendite, visite guidate – che va avanti da quasi venti anni. E non sembra rispettare i patti stipulati nella stessa concessione, che prevede un canone annuo di 300 milioni di lire (valuta che era in vigore al momento dell’accordo) e una quota del 30,2% sul fatturato annuo lordo, ricavato dalla gestione del servizio. A conti fatti, dal 2001, nelle casse pubbliche è entrato poco più del 12%. «Una storia di ordinaria cattiva amministrazione, come ce ne sono tante in Italia», la definisce il deputato di Scelta Civica e presidente della Commissione Affari Costituzionali, Andrea Mazziotti. Il parlamentare, che sul tema ha presentato un’interrogazione al ministero dei Beni culturali, punta il dito contro «proroghe illegittime, rinnovi contra legem, gestioni poco trasparenti, privati che approfittano di uno Stato debole».

UN LUGO CAMMINO – La storia inizia quindi dalla fine degli anni Novanta, esattamente nel 1997. Quando ancora c’era la lira. La gara fu vinta da un’associazione temporanea di imprese, con la Elemond Spa (oggi Mondadori Electa) e il Consorzio Nazionale Servizi (oggi CoopCulture) come capofila. Un’operazione economica bipartisan, quindi, che univa il mondo berlusconiano e quello delle imprese legate alla sinistra. Ma che, al netto di valutazioni politiche, prevedeva una condizione ineludibile: oltre al canone fisso, era inclusa una percentuale di poco superiore al 30% sugli introiti derivanti dai servizi aggiuntivi. Dopo quattro anni è scattato il rinnovo fino 2005. E così si è andati avanti di quadriennio in quadriennio, fino al 2011 quando la proroga è maturata in automatico. «Non risultano atti formali che regolano la concessione rinnovata e poi prorogata», si legge nell’interrogazione di Mazziotti, sollevando dubbi sulla legittimità.

NUMERI COL BUCO – I dati pubblicati dal Ministero dei Beni culturali sono a prova di smentita: dal 2001 al 2014 i ricavi per i servizi aggiuntivi di Colosseo e Foro romano sono di 74 milioni di euro. Ma meno di 9 milioni di euro sono entrati nelle casse della Soprintendenza: circa il 12% del totale. Eppure, stando al testo della concessione, avrebbero dovuto ammontare a oltre 22 milioni di euro (il 30%). All’appello mancano quindi oltre 13 milioni: risorse economiche che avrebbero fatto molto comodo per la manutenzione del circuito archeologico Colosseo, Foro romano e Palatino. Il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, aveva già annunciato in Parlamento una gara Consip per la bigliettazione on-line a livello nazionale con l’obiettivo di dare «trasparenza, finire il regime delle proroghe e fare in modo di aumentare la quota di proventi che restano nelle casse della pubblica amministrazione». Ma la definizione di queste linee guida ha già richiesto molto tempo, destando perplessità. La richiesta del deputato di Scelta Civica è perciò quella di «fare piena chiarezza». E soprattutto recuperare la differenza tra quanto percepito dal Ministero e quanto versato effettivamente dalla società concessionaria. Perché «qui non si tratta di un bene culturale come un altro. Qui si parla del Colosseo e del Foro Romano, il complesso monumentale più importante d’Italia, forse del mondo». E 13 milioni farebbero proprio comodo.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news