LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO - Dall'auto alla cultura quella metamorfosi che ha fatto di Torino una perla da scoprire
STEFANO PAROLA
13 gennaio 2016 LA REPUBBLICA



«TORINO, schiacciata ingiustamente da una reputazione che la lega all'industria, a una squadra di calcio, a un sudario e a poco altro, è uscita dal suo bozzolo e ha preso il volo come la farfalla d'Italia», scriveva nel 2005 l'australiana Sally O'Brien nella prima guida che Lonely Planet ha dedicato alla città, in vista delle Olimpiadi. Sono passati dieci anni dai Giochi eppure Torino sta ancora sbattendo le ali. E si è appena posata pure sull'elenco dei "52 posti in cui andare nel 2016" stilato dal New York Times. Per una volta il merito non è solo del centro cittadino, ma pure delle periferie: «È un segnale importante, che ci racconta di come la città stia cambiando e che ci invita a non mollare», dice Maurizio Montagnese, presidente di Turismo Torino.

La lista del quotidiano americano è un collage di mete note e luoghi da scoprire e il capoluogo piemontese è l'unica città italiana presente. L'autrice Robyn Eckhardt (blogger di cibo e viaggi che ha scelto l'Asia come base) parte da un'istituzione come il rinnovato Museo Egizio, ma si concentra subito su alcuni aspetti meno noti della città sabauda: gli atelier e le gallerie nei Docks Dora, i graffiti di periferia del progetto "Arte in Barriera", la nascente sede della Lavazza vicina al mercato di Porta Palazzo. Poi segnala le nascite del Centro italiano per la fotografia "Camera" e del Museo Ettore Fico, oltre ad Artissima, Paratissima, le Luci d'Artista. E ancora, cita i festival musicali, da Club to Club al Torino Jazz, passando per Kappa Futur, Todays e Movement, loda il Salone del Gusto e fa notare che l'area può essere «il trampolino per immergersi nelle Langhe, nel Roero e nel Monferrato, dichiarati patrimonio dell'umanità dall'Unesco ».

Quattordici righe in tutto, che però aprono una sorta di "fase 2" per la Torino turistica. A colpire il quotidiano Usa non sono infatti i "totem", come il Museo del Cinema o la Reggia di Venaria, bensì i luoghi di nicchia, gli eventi culturali, la periferia. Tutto questo, spiega il responsabile dell'Atl provinciale Montagnese, suona come «un invito a tenere alta la qualità della nostra offerta culturale».

Il presidente di Turismo Torino ha tra le mani il sondaggio svolto tra i visitatori di Capodanno: erano per l'80% italiani e per il 20% stranieri, soprattutto francesi, spagnoli e svizzeri. Si può fare di più, soprattutto ora che il "fai da te" spopola e che il mercato non è più un'esclusiva di tour operator e agenzie: «Oggi il turista è molto più evoluto ed è per questo che abbiamo investito molto sul web», dice Montagnese.

Dunque Torino «ha saputo rinnovare il suo profilo industriale, allargando la sua identità a nuove vocazioni, tra cui quella turistica », come ama dire il sindaco Piero Fassino. Ma non solo: «Anche dopo la trasformazione, la città non si è fermata», evidenzia Fiorenzo Alfieri, che nel 1980 divenne il primo assessore al Turismo di Torino. E che spiega: «È bastato valorizzare il patrimonio che già c'era per renderla una meta ambita, ma poi si è andati oltre: ora chi arriva sa che qui trova eventi di qualità».

È il caso dei festival, che attraggono appassionati da ovunque: «Il New York Times cita quelli che hanno maggior feedback internazionale grazie a una proposta artistica che esce dai confini cittadini e italiani», riflette Gianluca Gozzi, organizzatore del Todays Festival. Oggi anche ospitare band indipendenti, ma sempre di fama mondiale, significa «veicolare una certa immagine della città e ottenere un buon impatto su media e social network. È più facile che un ventenne berlinese scopra Torino grazie al Club to Club che ai musei più noti».

Così accade che gli occhi stranieri si posino anche lontani dal centro, per esempio sul Museo Ettore Fico: «Ormai Torino riesce a garantire un'offerta culturale a 360 gradi e di qualità elevata: tutti aspetti che ci hanno sempre differenziato da altre mete », dice il direttore Andrea Busto. Secondo lui «i musei hanno anche il dovere di far scoprire nuove aree della città». È successo al suo "Mef", ma pure ai vicini Docks Dora, risorti da qualche anno: «I locali notturni non ci sono più, ma siamo almeno in un centinaio tra artisti, architetti, stilisti, artigiani», racconta il fotografo Max Tommasinelli, che ha il suo studio nei vecchi magazzini di via Valprato. Il fatto che anche quegli spazi siano finiti sul Times non lo sorprende: «In fondo questo è un posto molto newyorkese e forse in questo momento a Torino non esistono luoghi simili».




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news