LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - Giulia Maria Crespi: «No alle trivelle, salviamo l’ambiente»
13 gennaio 2016 LA NUOVA SARDEGNA


Dieci regioni e un obiettivo: fermare le trivelle, annullare le ricerche esplorative in mare e sulla terraferma. La battaglia, che vede protagonista anche la Sardegna, ha marciato sinora abbastanza spedita. E in seguito all'apertura mostrata dal governo – che con alcuni emendamenti alla legge di stabilità ha eliminato alcune norme contestate dal comitato delle regioni – il ricorso al referendum non sembrava più certo. Ora il decreto del ministro Guidi che dà il via libera a una serie di concessioni, rimette tutto in discussione. Il comitato chiede il ritiro del decreto. Se questo non accadrà il ricorso alla consultazione popolare sarà matematico.di Silvia Sanna wSASSARI Sta con le regioni, con chi difende il territorio dalle trivelle e da tutto ciò che può violentarne la bellezza, i paesaggi, il valore ambientale e turistico. Giulia Maria Crespi è indignata e delusa «come tanti cittadini di fronte a un governo che non capisce l'importanza di questi temi, della ricaduta grave di certe scelte». In pericolo, come tutto il Paese, c'è anche la Sardegna «la povera Sardegna del mio cuore» che la Crespi ama e frequenta da più di 50 anni. Ecco perché c'è un'unica strada possibile: «Andare al referendum, fare in modo che sia la popolazione a decidere sul suo futuro». Ambiente offeso. Parte dalla questione trivelle l'analisi del presidente onorario del Fai (Fondo ambientale italiano). «Perforazioni e ricerche petrolifere, in mare e sulla terraferma, sono altamente lesive sia per il turismo e sia per la pesca – dice Giulia Maria Crespi – . Il nostro mare, una volta così pescoso, tra scarichi industriali e trivelle è sempre più povero. Un problema enorme, che coinvolge anche la Sardegna. Terra meravigliosa che potrebbe vivere di turismo e invece paga scelte sbagliate». Attacco al governo. La Crespi accusa il governo nazionale, che sull'argomento trivelle ha un atteggiamento ambiguo: «Un giorno dice che non si possono autorizzare nuove ricerche e il giorno dopo proroga i permessi già rilasciati, alle isole Tremiti come in molte altre aree del Paese. Come possiamo fidarci di un governo così? Come è possibile che i ministri dell'Ambiente, dei Beni Culturali e Turismo e dello Sviluppo economico autorizzino questo scempio?» E poi rivolta al premier Renzi: «Il presidente del Consiglio assomiglia a un nuovo piccolo Berlusconi. Perché non interviene per difendere l'ambiente, il paesaggio, la salute dei cittadini?» Pigliaru deludente. Ma non c'è solo Renzi sotto accusa. Giulia Maria Crespi attacca anche il governatore Francesco Pigliaru. Anche lui l'ha delusa. «Aveva fatto grandi promesse durante la campagna elettorale e subito dopo la vittoria. Invece il percorso intrapreso è molto diverso rispetto a quello annunciato». La numero 1 del Fai pensa ancora all'ambiente, «a una raccolta differenziata che sull'isola ancora non funziona, perché i dati dimostrano che la Sardegna è molto indietro. E intanto si discute della possibilità di costruire un nuovo inceneritore, scelta sbagliata, dannosa, da respingere». Nel mirino c'è anche l'urbanistica, la legge sull'edilizia «che ha ripreso il piano casa introdotto dalla precedente amministrazione di centrodestra e permette di costruire dove l'ambiente invece dovrebbe essere tutelato, perché è la principale risorsa, il bene più prezioso da difendere». Le strategie. Una sola strada è quella giusta e passa per il referendum, dice Giulia Maria Crespi. Il comitato delle regioni, dopo l'ultima iniziativa del governo che ha dato il via libera alle ricerche in mare al largo delle Tremiti, sembra andare in maniera più spedita verso la consultazione popolare. Il decreto del ministro Guidi è stato considerato come un colpo basso che può pregiudicare – se non sarà ritirato per tempo – il dialogo avviato con il governo alla ricerca di un compromesso. Giulia Maria Crespi sposa la battaglia delle 10 regioni, Sardegna compresa, che hanno sollevato il velo sul tema delle trivelle. «Sto con loro, fermiamo le speculazioni, difendiamo il nostro Paese e la sua grande bellezza».




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news