LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IL MUSEO SHOWROOM
TOMASO MONTANARI
15 gennaio 2016 LA REPUBBLICA

"Lancio un patto tra mondo della moda e mondo della cultura: voglio apertura reciproca, e, senza barriere ideologiche o snobistiche, voglio aprire tutti i luoghi della bellezza alla moda, perché questi sono due pezzi dell'identità nazionale e questo dà carta in più alla competitività della moda italiana. Io ho dato l'indicazione, non dico come verrà realizzata"

E ANCORA: «Quello lo decideranno in autonomia i direttori dei musei e i luoghi della cultura». In questo diktat fiorentino del ministro per i beni culturali Dario Franceschini non funziona nulla: né il tono, né il metodo, né il merito.

Il tono. «Io», «lancio», «voglio», «voglio »... Capisco che bisogna sembrar giovani e adeguarsi all'egotismo renziano, ma è davvero il caso che il ministro per i Beni culturali si esprima come la caricatura del Re Sole?

Poi il metodo: in nessun paese occidentale il governo detta la linea culturale ai musei. Se il ministro per la cultura francese provasse ad imporre al Louvre di aprire le porte ai formaggi, o ai profumi, si dovrebbe dimettere in un'ora. I musei non sono le prefetture (nonostante l'incombente Legge Madia che sottoporrà le soprintendenze ai prefetti): sono istituti di ricerca, e in quanto tali liberi per garanzia costituzionale. E l'esecutivo non può dare simili indirizzi. È, poi, francamente ridicolo che ciò avvenga dopo il bagno di retorica sui superdirettori autonomi dei musei autonomi: autonomi di che? Di scegliere lo stilista cui offrire le sale?

Viene qua prepotentemente a galla quel legame di subordinazione diretta tra ministro e direttori insanamente istituito dalla riforma, e dal pessimo metodo di reclutamento: ed è dunque tanto più apprezzabile la ferma e dignitosa precisazione di Eike Schmidt sul fatto che le sale degli Uffizi non torneranno ad ospitare sfilate di moda.

E poi c'è il merito. I musei non possono e non devono servire ad aumentare la «competitività della moda italiana». Sono patrimonio dell'umanità, non sono showrooms del made in Italy. Se in questa faccenda c'è qualcosa di ideologico, ebbene questa è la sottomissione della cultura al mercato: e cioè la completa mercificazione del patrimonio culturale, e di chi lo frequenta. Emerge, nelle parole di Franceschini, una drammatica insufficienza culturale. Se nel museo si troveranno esposti gli stessi abiti che appaiono nelle vetrine delle strade che conducono al museo stesso, non si sarà abbattuta una barriera di snobismo, ma si sarà distrutta una delle buone ragioni che portano i cittadini in quel museo. E cioè la sua differenza, la sua specificità, la sua meravigliosa diversità da ciò che ci circonda. Nei musei respiriamo un'aria che spazza via le asfissie contingenti del presente: se mettiamo l'arte (pubblica) del passato al servizio del fatturato (privato) del presente non dissacriamo l'arte (che non è sacra), ma comprimiamo ulteriormente la nostra libertà e la nostra umanità.

E, d'altra parte, la moda italiana non ha davvero bisogno di queste grottesche legittimazioni culturali: davvero qualcuno pensa che dire ai nostri figli che Michelangelo è uguale a Gucci possa far bene a Gucci, a Michelangelo o ai nostri figli?



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news