LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palmanova, il rebus delle mura divise tra Comune e demanio militare
Monica Del Mondo
Messaggero Veneto - Udine 16/1/2016

Sos Palmanova. In caso di crolli la burocrazia ostacola le operazioni di restauro Il sindaco: «Meccanismi lunghissimi, una situazione assurda»

PALMANOVA. Poco meno di un terzo della cinta fortificata di Palmanova è terreno demaniale in uso al Ministero della Difesa. Il turista in visita alle fortificazioni o il visitatore che passeggia sui bastioni non si accorge dei passaggi di competenze, nel senso che non vi sono, in genere, delimitazioni di sorta.

Eppure le mura della città stellata ricadono sotto l’autorità di tre (per semplificare) diversi soggetti. Il tratto da porta Cividale a porta Udine (escluse porta Udine e la costruzione napoleonica, detta “lunetta”, ad essa più vicina) è interamente in uso al Museo Militare.

Proprio in quest’area si trova il manufatto della controporta dal quale si sono staccati alcuni mattoni e alcune pietre, come abbiamo segnalato ieri.

Porta Aquileia e baluardo Foscarini (dove sorge la scuola dell’infanzia Regina Margherita) sono di proprietà del Comune. Il resto è sempre di proprietà del demanio, ma è stato dato in concessione provvisoria al Comune.

A complicare però ulteriormente la situazione è il fatto che vi è una distinzione tra i beni utilizzati dai militari del Genova Cavalleria (la zona del Centro ippico militare) e quelli in uso al Museo Militare, entrambi dipendenti direttamente dalla Brigata Pozzuolo.

Senza aggiungere poi che sui manufatti utilizzati (luoghi, costruzioni, elementi fortificati, controporte, lunette e altro) la competenza è quella del XII Reparto Infrastrutture di Udine.

Questo se ci si limita a parlare delle fortificazioni, perché anche all’interno della città stellata ci sono immobili la cui proprietà fa capo allo Stato, come ad esempio il palazzo del Governatore alle Armi o tutto il complesso della Montezemolo.

Questa situazione, presente nella fortezza di Palmanova, complica la possibilità di effettuare interventi sulla cinta fortificata, la quale, essendo un bene culturale, è soggetta naturalmente anche al parere della Soprintendenza.

«Non diamo tutte le colpe all’Esercito, intervenga il Ministero»
«Se è difficile intervenire, con tutti i permessi e le autorizzazioni, sulla parte demaniale – precisa il sindaco Francesco Martines – lo è ancor di più realizzare qualcosa sull’area demaniale che è data in uso ai militari. Non faccio un’accusa a chi opera in loco, ma è l’intero sistema che è appesantito da iter burocratici incredibilmente lunghi e articolati. E quando qualcosa non funziona, per attuare un intervento anche semplicemente di manutenzione, bisogna mettere in modo meccanismi lunghissimi e complicati. Con il rischio che non si faccia nulla. Ma questa situazione è davvero assurda».

A titolo di esempio Martines cita il percorso intrapreso dal Comune per illuminare porta Cividale. L’obiettivo è quello di valorizzare con un’illuminazione simile a quella di porta Udine, anche gli altri due ingressi cittadini. Per porta Aquileia, che è di proprietà comunale, il problema non si è posto.

«Per porta Cividale, pur avendo già in mano l’ok della Soprintendenza – riferisce il sindaco – abbiamo dovuto inoltrare richieste a sette diversi enti da Udine a Roma, passando per Padova e Verona. L’iter è partito a luglio dello scorso anno; sappiamo che esiste un parere favorevole, ma ad oggi non abbiamo ancora una comunicazione ufficiale dell’ok all’intervento che, oltre tutto, non richiede alcun costo e responsabilità a carico del Ministero della Difesa».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news