LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verona. Monumenti e musei, anno d’oro ma l’Arena perde 80 mila visitatori
Silvia Maria Dubois
Corriere del Veneto - Verona 17/1/2016

L’assessore: «Aumento del biglietto, scelta infelice del mio predecessore. Studiamo correzioni»

VERONA. Un successo praticamente per tutti i monumenti veronesi, in linea con il boom registrato a livello nazionale, tranne per l’Arena. Il 2015, anche a Verona, ha segnato la riscoperta della cultura. Ma con una zona d’ombra: il celebre anfiteatro romano di piazza Bra, simbolo per eccellenza del territorio, che ha visto, se non un crollo, un calo considerevole dei visitatori. Dagli 849.900 ingressi del 2014, infatti, è passato a 764.937 del 2015, perdendo 84.963 unità: il 10% secco. Da più parti si punta il dito contro l’aumento del ticket, approvato dalla giunta Tosi ad inizio anno, e passato subito dai 6 euro iniziali a 10 euro. «Sicuramente il problema maggiore è stato quello dell’aumento del biglietto, i numeri si sono abbassati per questo - spiega Alberto Pavoni, dell’associazione guide Ippogrifo - e sarà anche peggiore l’impatto sull’anno appena iniziato». Le guide turistiche spiegano anche in cosa è consistita la gran parte dei danni in termini economici e di impatto sul turismo: «Il Comune ha deciso per l’aumento del biglietto a metà gennaio - prosegue Pavoni - : in quel periodo le agenzie hanno già emesso i loro pacchetti e già diffuso la loro programmazione. Così, ci hanno rimesso molti soldi con la formula “ingressi inclusi”, soprattutto nei confronti dei gruppi di turisti stranieri».
Non solo: «Vediamo anche noi, tutti i giorni, l’atteggiamento dei turisti - si racconta da Ippogrifo - quando ci chiedono quanto costa entrare in Arena, poi li vedi allontanarsi. Assistono alla spiegazione esterna, ma non entrano. Soprattutto i mediterranei, gli italiani in particolare». Dagli operatori di settore, poi, si chiede alle istituzioni di «non prendere provvedimenti a stagione iniziata, soprattutto di natura tariffaria, visto che quanto promesso poi non coincide più a quanto si trova realmente».
«A tal proposito siamo preoccupati per ulteriori rincari in arrivo - spiega Pavoni -. Gira voce che i bagni pubblici, ad esempio, possano presto passare dagli attuali 60 centesimi ad un euro. Se così fosse, i turisti saranno ulteriormente scoraggiati». Sulla lettura dei dati che riguardano gli ingressi in Arena l’assessore al Turismo, Marco Ambrosini, ha qualche dubbio: «Innanzitutto io non ho la certezza che questa diminuzione di ingressi sia dovuta principalmente all’aumento del prezzo - spiega -. Se così fosse, comunque, io mi sto già muovendo: il rincaro degli ingressi è stata una scelta poco felice del mio predecessore che io ho ereditato. Ma sto prodigandomi per la copertura finanziaria di un benefit da aggiungere: il costo del biglietto non può cambiare, ma i visitatori potrebbero aver diritto, a 10 euro, anche ad una audioguida o a qualche altra cosa. Mi sto muovendo per offrire questo». Per quanto riguarda i dati degli altri monumenti, Verona può solo che gioire: la Tomba di Giulietta è passata da 84.906 visitatori del 2014 a 94.127 nel 2015; il Museo di Castelvecchio da 129.800 a 140.444; il Teatro Romano da 77.901 visitatori è passato a 91.842; la Casa di Giulietta da 288.427 a 307.835; le Arche Scaligere, invece, sono passate da un totale annuo di 14.950 ticket a 16.744. Piccola eccezione per il Museo Maffeiano: da 16.708 ingressi è passato a 15.343, come anche San Giorgetto che da 47.996 utenti è sceso a 48.168. Verona resta una città da record per quanto riguarda il turismo: l’anno appena trascorso totalizza 1.479.440 ingressi ai siti e ai monumenti. Ma il 2014 lo supera, proprio per il «tracollo» dell’Arena, totalizzando 1.510.588 ingressi.

un successo praticamente per tutti i monumenti veronesi, in linea con il boom registrato a livello nazionale, tranne che per l’Arena. Il 2015 ha registrato la riscoperta per la cultura anche in città. Ma con un’eccezione: l’anfiteatro. Qui gli ingressi del 2014, ben 849.900, sono scesi, nel 2015, a 764.937. Da più parti si punta il dito verso l’aumento del costo del biglietto. «Scelta infelice, provvederò a mettere dei benefit» spiega l’assessore.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news