LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Reggia incanta Renzi "Qui un milione di turisti presto verrò a Napoli"
DARIO DEL PORT0
(17 gennaio 2016) LA REPUBBLICA



IL premier Matteo Renzi sarà presto a Napoli. Lo conferma da Caserta, dove partecipa alla consegna al polo museale del piano nobile della Reggia. Ad accoglierlo, l'inno cantato dal coro delle voci bianche del San Carlo. Accompagnato dal ministro dei Beni e delle attività culturali Dario Franceschini e dal ministro della Difesa Roberta Pinotti, Renzi replica al presidente della commissione europea Jean-Claude Juncker: «L'Italia non si fa telecomandare». Per la Reggia fissa l'obiettivo del milione di visitatori entro quattro anni e annuncia: Caserta ospiterà presto un vertice bilaterale di prestigio. Quindi l'incontro con una delegazione di comitati della Terra dei Fuochi. «Lavoriamo perché la Reggia sia uno dei grandi attrattori del Paese, i tempi sono stati rispettati in pieno», commenta il ministro Franceschini. «La restituzione dei locali della Reggia da parte dell'Aeronautica conferma l'impegno preso due anni fa», sottolinea il ministro Pinotti.



CASERTA. .«Dicevano che non venivo mai in Campania. Invece sono stato a Pompei, ora a Caserta e presto andrò a Napoli. Andrà a finire che il governatore Vincenzo De Luca mi caccerà». Scherza, il premier Matteo Renzi, quando gli chiedono se ha intenzione di tornare nel capoluogo nonostante l'ostilità dichiarata del sindaco Luigi de Magistris e i tormenti del Pd, che non ha ancora definitivamente sciolto il nodo delle primarie.

Con le sue parole, il presidente del Consiglio conferma però di aver messo in agenda anche una tappa napoletana, quasi certamente a fine marzo per Bagnoli, o comunque in tempi utili per imprimere una scossa alla marcia di avvicinamento alle elezioni.

Dietro le quinte della giornata del premier, i dirigenti locali del partito, De Luca compreso, sono tutti alla ricerca del sentiero che, da qui al 6 febbraio, dovrà portare alla definizione delle candidature. Una partita complessa, che da Roma guardano con attenzione, ma verso la quale Renzi ostenta distacco. «Non era questa la sede per parlarne», spiega il segretario regionale Assunta Tartaglione mentre, pochi passi più in là, parla al cellulare il consigliere regionale Mario Casillo, uno dei più impegnati alla ricerca di un candidato alle primarie che sia espressione della società civile.

In attesa che il puzzle delle primarie si componga, Renzi si dedica a Caserta e alla Reggia vanvitelliana dove, annuncia, nei prossimi mesi, tra il 2016 e il 2017, «qui abbiamo delle prospettive straordinarie. Vo- gliamo organizzare un vertice bilaterale di qualche importanza». Il Palazzo, commenta il presidente del Consiglio, «è un luogo incredibile, non c'ero mai stato. L'Italia è questa straordinaria emozione costante, lo stupore di trovarsi in un luoghi così. Caserta - aggiunge - ha delle caratteristiche logistiche che ne rendono assolutamente cruciale la valorizzazione ». Il percorso tracciato dal premier è chiaro: «Alla fine di settembre, quando saranno finiti gli attuali cantieri per il restauro di alcune sale, dovremo dare i denari che servono per continuare il lavoro e attivare nuove funzioni». L'obiettivo è ambizioso: «Oggi i visitatori sono 500 mila. Entro quattro anni dovremo arrivare a un milione». Quindi, rivolto al direttore della Reggia, Mauro Felicori, motteggia: «Per raggiungere i due milioni c'è sempre il secondo mandato. Il suo, dico. Per gli altri c'è la democrazia e vedremo».

Il premier insiste più volte sul tasto della valorizzazione del patrimonio per combattere i problemi: «Investire sull'Italia vuol dire investire su Caserta e sulla Campania», dice. E poi rimarca: «Dobbiamo investire su tutto ciò che di bello Caserta e la Campania hanno. Abbiamo annunciato ciò che vogliamo fare in Terra dei Fuochi per considerare chiuso il problema delle ecoballe con un investimento importante di Regione e Governo. Accanto alle problematiche che consideriamo prioritarie della Terra dei Fuochi, c'è da valorizzare la "terra dei cuochi" con la bellezza dell'agroalimentare Campano e casertano, in una dimensione di investimento culturale », sottolinea.

Poco dopo, Renzi incontra una delegazione dei comitati guidata dal parroco di Caivano don Maurizio Patriciello. «I fuochi sono diminuiti, vero?», chiede il premier al sacerdote in prima linea contro l'avvelenamento del territorio, ribadendo l'attenzione per questa difficile realtà della regione. Non dimentica, Renzi, la piaga della criminalità organizzata. Ma invita a guardare oltre: «Ogni investimento in cultura aiuta il Paese a togliersi di dosso la rassegnazione. Spesso raccontiamo l'Italia solo per quello che non va. Anche in questo territorio c'è tanto che non va e va combattuto. Ma c'è anche tanto di buono e quel tanto di buono va valorizzato».

Il presidente del Consiglio ricorda «il fondamentale lavoro che come istituzioni stiamo facendo per portare avanti una grande battaglia di legalità». E conclude: «Lo Stato è qui per dire che non lasciamo Caserta da sola e che l'operazione sui direttori dei musei non è solo maquillage manageriale ma un grande investimento sul futuro di questa terra». Poi, via in elicottero verso Roma. Prossima tappa, Napoli.





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news