LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - Archeologia, ritrovata a Cuglieri un'iscrizione di epoca romana
di Piero Marongiu
19 gennaio 2016 LA NUOVA SARDEGNA

Citata da La Marmora nel suo "Voyage en Sardaigne" si credeva perduta, ma è riapparsa negli scavi dell'antica Cornus

CUGLIERI. Del basamento contenente un’iscrizione che riporta al culto imperiale se ne conosceva l’esistenza fin dal 1828, grazie alle notizie riportate da Alberto Ferrero della Marmora nel suo “Voyage en Sardaigne”, ma di esso fino a pochi mesi fa si erano perse le tracce. Il prezioso reperto infatti è stato ritrovato lo scorso mese di maggio, ma la notizia è stata divulgata soltanto ieri, sulla collina di Corchinas, dove ci sono i resti dell’importantissima città di Cornus, durante la campagna di scavi archeologici condotta da Salvatore De Vincenzo, ricercatore dell’Università della Tuscia.

«Un altro tassello importante della storia della Sardegna romana che documenta interessanti aspetti relativi all’amministrazione dell’antica e importantissima città di Cornus, è venuto alla luce». Scrive De Vincenzo in una nota consegnata alla stampa. La grande base, classificata con il numero 7916, risalente al secondo secolo d. C. è stata rinvenuta sotto un cumulo di pietre, probabilmente ammassate dai contadini. Uno dei lati del basamento presenta un’iscrizione di undici righe (se ne conoscevano solo nove) che cita un personaggio (Torquato, figlio di Lucio) addetto al culto imperiale. Tale culto a Cornus è stato studiato da D. Fishwick e Paola Ruggeri (quest’ultima professore di Storia Romana dell’Università di Sassari) che lo hanno ben documentato: si conosce infatti un Marcus, già sacerdote cittadino e provinciale, che in virtù del suo importante ruolo viene ammesso nel senato di Karales.

L’importante reperto in calcare bianco, lo stesso impiegato per realizzare le statue di Mont’ e Prama, attualmente si trova nei locali dell’istituendo Museo Civico, dove viene studiato dallo storico Attilio Mastino. L’area di Corchinas dopo alcuni decenni di oblio sta restituendo reperti preziosi che consentiranno di ampliare le conoscenze sull’organizzazione
sociale e sulla vita che si svolgeva nella città di Cornus. L’iscrizione sarà oggetto di prossima pubblicazione sulla rivista di Epigraphica dell’ateneo sassarese.

Questa mattina un gruppo di studiosi sottoporranno l’iscrizione a ulteriore indagine con l’apporto dello scanner laser.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news