LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAGLIARI - Verso il Gran Sasso i lingotti romani di Mal di Ventre
di Sabrina Zedda
19 gennaio 2016 LA NUOVA SARDEGNA

Chi avrebbe mai pensato che i neutrini, le più sfuggevoli tra le particelle subatomiche conosciute, sarebbero potuti essere studiati grazie agli antichi romani? La storia sembra la trama di una bella favola moderna, ma è tutto vero: ieri dalla Sardegna trenta lingotti di piombo, rinvenuti su una nave romana inabissatisi più di duemila anni fa nei fondali davanti all'isola di Mal di Ventre, sono partiti alla volta dei Laboratori nazionali del Gran Sasso dell'Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn). Si tratta dell'ultima partita di un carico che conta circa 300 lingotti, attraverso cui potrà prendere il via l'esperimento "Cuore" (Cryogenic Underground Observatory for Rare Events) sullo studio dei neutrini. Si entra così nel vivo di una mole di attività partite negli anni scorsi, che toccano trasversalmente chimica, fisica e archeologia. E che vedono coinvolti, oltre agli studiosi dell'Istituto nazionale di fisica nucleare, con i suoi laboratori nel Gran Sasso a 1.400 metri sotto terra, quelli delle Università di Sassari e di Milano Bicocca e della Soprintendenza archeologica della Sardegna. Tutto parte per caso agli inizi degli anni Novanta, quando un sub avvista il relitto: una nave della prima età romana, fatta inabissare forse di proposito dal suo stesso comandante per sottrarre il prezioso carico a mani nemiche. A bordo ci sono anche centinaia di lingotti di piombo, ciascuno del peso di circa 30 chili, per un una lunghezza di 46 centimetri e un'altezza di nove. «Quando vengo informato di quella scoperta – racconta Ettore Fiorini, ideatore del progetto Cuore – capisco che si tratta di un fatto straordinario: quei lingotti avevano grandi proprietà». Il piombo è, infatti, un elemento che contiene una piccola percentuale di radioattività. Quest'ultima, però, ogni vent'anni circa si dimezza. Nel caso del lingotti ritrovati significa che quel piombo è ormai "pulito". E poiché il piombo può assorbire elementi dall'esterno senza esserne contaminato, e non rilascia fuori alcuna sostanza, è l'elemento ideale per compiere esperimenti altrimenti impossibili, nella certezza che nessun elemento esterno possa inficiarne il risultato. Nel caso del progetto "Cuore", con il piombo arrivato dalla Sardegna saranno schermati i laboratori dell'Istituto nazionale di fisica nucleare del Gran Sasso per studiare i neutrini: in particolare sarà analizzato un fenomeno fisico rarissimo chiamato "doppio decadimento beta senza emissione di neutrini", che potrebbe fornire importanti informazioni sulla materia e l'antimateria. Parallelamente vanno avanti altre attività importanti: un gruppo interdisciplinare di ricerca dell'Università di Sassari, guidato dal fisico (e rettore) Massimo Carpinelli, sta lavorando per scoprire la composizione fisico-chimica del piombo usato. Sinora le analisi hanno permesso di stabilire che si tratta di piombo proveniente dalle miniere della Spagna. Per la Soprintendenza archeologica la ricerca è straordinaria perché, dice il soprintendente Marco Minoja, «permette di portare avanti un percorso di studi sui centri di produzione del di piombo, uno dei materiali principali del mondo romano, usato ad esempio per gli acquedotti, ma anche come materiale per l'edilizia, perché in grado di unire le lastre di pietra». Chissà quali saranno i risultati finali delle ricerche. Nel frattempo si plaude alla capacità di lavorare insieme: «Quest'esperienza – dice Fernando Ferroni, presidente dell'Infn – ci ha insegnato come mondi anche molto distanti tra loro possano ricongiungersi, per una messa in comune di dati e conoscenze».




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news