LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Franceschini: altri 10 musei autonomi e unificazione delle soprintendenze
di Antonello Cherchi
19 GENNAIO 2016 il sole 24ore



In arrivo dieci nuovi musei autonomi, dopo i venti che hanno già iniziato a funzionare alla fine dello scorso anno: è la fase due della riforma dei Beni culturali annunciata dal ministro Dario Franceschini nel corso di un’audizione al Senato presso le commissioni Cultura della Camera e di Palazzo Madama riunite in seduta comune. Anche i nuovi dieci super-musei - che saranno, come i primi venti, dotati di autonomia contabile, amministrativa e organizzativa - saranno guidati da un direttore che sarà scelto attraverso un bando internazionale. Non è l’unica novità presentata da Franceschini. Il riassetto ministeriale prevede anche un profondo ripensamento delle soprintendenze: sparisce la distinzione tra istituti specializzati in belle arti, paesaggio e archeologia, per far posto alla soprintendenza unica, coordinata da un soprintendente e all’interno della quale operereranno le varie professionalità.

I musei

Parco archeologico di Ostia antica, Villa Adriana e Villa d’Este a Tivoli, parco archeologico di Ercolano, parco archeologico dei Campi Flegrei  (Bagnoli, Baia e Bacoli), parco archeologico dell’Appia antica (che si occuperà di gestire il tratto romano della via e coordinerà l’intervento di recupero e valorizzazione del resto dell’antica strada che arriva fino a Brindisi), museo nazionale romano, museo etrusco di Villa Giulia a Roma, museo storico e parco di Miramare a Trieste, museo della Civiltà (riunisce i tre attuali musei dell’Eur a Roma: il museo nazionale preistorico etnografico Luigi Pigorini, quelle delle arti e tradizioni popolari, il museo dell’Alto medioevo), il complesso monumentale della Pilotta a Parma (si unifica in un’unica gestione la Biblioteca palatina, la Galleria nazionale e il museo archeologico nazionale): sono questi i nuovi dieci musei autonomi.

Si vanno ad aggiungere ai 20 - tra i quali, gli Uffizi, la Galleria Borghese, la pinacoteca di Brera, la Reggia di Caserta - istituiti nella prima fase della riforma e che hanno iniziato a muovere i primi passi nell’autunno dello scorso anno. In quei mesi si sono, infatti, insediati i nuovi direttori scelti attraverso un bando internazionale e sette dei quali sono stranieri. «La macchina - ha spiegato Franceschini - sta funzionando, anche se ci sono ancora problemi. Dopo una lunga trattativa con i sindacati sono state, infatti, decise le procedure per la mobilità del personale, che partirà il 21 gennaio e si concluderà a febbraio. Le persone dovranno decidere se andare nei musei autonomi o restare in soprintendenza. Una volta conclusa questa fase, valuteremo se con la mobilità volontaria si è riuscito a completare la pianta organica dei nuovi istituti».

Le soprintendenze

Oggi ci sono le soprintendenze archeologiche e quelle per il paesaggio e le belle arti, con una ripartizione territoriale «che - ha commentato Franceschini - non risponde a un disegno organico, ma è la conseguenze di vari fattori, fra cui le pressioni locali». Per esempio, in Lombardia, alla soprintendenza per il paesaggio e le belle arti fanno riferimento la provincia di Milano e altre otto province lombarde (Brescia esclusa, perché accorpata a un’altra soprintendenza), per un bacino di utenza di otto milioni di abitanti. In altre realtà la soprintendenza serve alcune centinaia di migliaia di utenti. In futuro ci saranno 39 soprintendenze unificate, dove il soprintendente coordinerà il lavoro degli archeologi, degli specialisti di belle arti e di quelli del paesaggio. L’accorpamento seguirà il criterio della popolazione, ma anche quelli della consistenza del patrimonio sottoposto alla soprintendenza e della dimensione dei territori da controllare.

«In questo modo - ha commentato Franceschini - il cittadino e le imprese non avranno il problema di chiedere i nullaosta paesaggistici o autorizzazioni di altro tipo a due diversi uffici, magari ricevendo due differenti risposte. Il parere sarà unico e se ci saranno, come può accadere, voci discordanti tra gli esperti dei diversi settori, la sintesi si troverà all’interno della soprintendenza unificata».

Il riassetto toccherà anche gli archivi e le biblioteche: anche in questo settore sarà istituita la soprintendenza unica archivistico-bibliografica. Secondo il nuovo disegno, per esempio, l’attuale soprintendenza archivistica della Campania e della Calabria, sarà separata.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news