LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Asfaltato il sagrato della Cattedrale di Catania Sovrintendenza: «Non si può intervenire così»
Marco Di Mauro
20 Gennaio 2016


Cronaca – Il rattoppo è stato fatto, a dicembre, per l'apertura della porta santa. Nello specifico, per evitare «che la gente si rompesse il collo», dicono dal Duomo. Ma senza l'autorizzazione della responsabile dei Beni culturali, Fulvia Caffo: «Andava ripristinata la pavimentazione ottocentesca».

Una colata di asfalto nero davanti all'ingresso del Duomo di Catania, a interrompere l'ottocentesca pavimentazione. Il sagrato della Cattedrale di Catania si presenta così a meno di un mese dalle festività di Sant'Agata. Dal centralino della chiesa, alla richiesta di chiarimenti, commentano: «Forse era meglio quando la gente si rompeva il collo?». Una domanda che trova una risposta nella replica di monsignor Barbaro Scionti: «Abbiamo ripristinato l'asfalto già presente, per motivi di sicurezza, perché si era degradato a causa delle piogge».

Di certo la Sovrintendenza dei beni culturali non ha dato alcuna autorizzazione: «Se c'avessero avvisato prima avremmo trovato una soluzione migliore», dice la dirigente Fulvia Caffo. Per la responsabile dell'ente sarebbe stato più opportuno ripristinare l'originaria pavimentazione, risalente al 1857: «Un bene sottoposto a vincolo artistico non può essere riparato così», spiega. Le ragioni di sicurezza, secondo la Curia, non avrebbero comunque compromesso il sagrato. In cui, secondo il parroco della cattedrale, il basolato era invisibile da tempo: «Mi risulta che lì ci fosse solo dell'asfalto antico - sostiene Scionti - Sarebbe doppiamente imbecille sostituire la pavimentazione originaria. Si tratterebbe di un oltraggio all'arte e poi in piazza Duomo tutti lo noterebbero».

L'intervento della discordia, effettuato il 10 dicembre dagli operai comunali della Multiservizi, è stato concordato dai vertici della Curia catanese con l'assessorato ai Lavori pubblici. «Nell'area in questione c'era dell'asfalto sgretolato dalle intemperie - spiega l'assessore Luigi Bosco -, ecco perché in occasione dell'apertura della porta santa abbiamo deciso di porvi un rimedio». Il rappresentante dell'amministrazione Bianco annuncia intanto la possibilità di realizzare un progetto per ripristinare l'originaria pavimentazione.

L'idea dovrebbe coinvolgere anche la Sovrintendenza che, secondo Bosco, in occasione dell'ultimo intervento «non doveva essere chiamata in causa per ottenere il rilascio di autorizzazioni». Di parere opposto resta la sovrintendente Caffo: «Il nostro parere andrebbe sempre chiesto». Per riportare alla luce la pavimentazione ottocentesca bisognerà rimuovere il bitume. Verificando, prima, che i lavori effettuati finora non lo abbiano compromesso.

http://catania.meridionews.it/articolo/39891/asfaltato-il-sagrato-della-cattedrale-di-catania-sovrintendenza-non-si-puo-intervenire-cosi/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news