LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Da Boccioni a Mirò il Comune ci riprova "Il nostro dopo Expo è ancora cultura"
CHIARA GATTI
20 gennaio 2016 LA REPUBBLICA





DI tutto, di più. Chiuso l'anno di Expo, preoccupato di mantenere lo stesso grado di qualità (e quantità) della stagione passata, il Comune presenta un calendario di mostre farcito di oltre trenta titoli. Che spaziano dai grandi nomi delle pittura a quelli della fotografia, dall'archeologia alle installazioni contemporanee, dall'antropologia al design. Con qualche zoomata su episodi di storia milanese e sulla scoperta di archivi o collezioni sepolte nei depositi (che ci sta anche). Ieri mattina, in una conferenza a Palazzo Reale, il sindaco Giuliano Pisapia e l'assessore alla cultura Filippo Del Corno hanno messo in ordine l'elenco, lasciando un senso di sazietà, ma non di indigestione. Se è vero che «questo programma — ha detto Pisapia — conferma il ruolo acquisito dalla città nel semestre di Expo, dimostrato dalla media di 10mila ingressi giornalieri mantenuta anche a dicembre», il discorso di Del Corno lascia sperare in un ribilanciamento dei ruoli fra pubblico e privato, fra la progettazione nata all'interno delle istituzioni e l'intervento esterno di partner che hanno esercitato, sino ad ora, un potere vagamente dispotico. Non a caso l'assessore ha esordito separando la logica degli eventi sostenuti dalle società di produzione, dal filone di mostre istituzionali riunite sotto il marchio "Ritorni al futuro": un ciclo di appuntamenti coerenti dedicati all'idea che l'arte ha elaborato nel tempo sul destino del mondo che verrà.

Da una parte, in agenda la prossima settimana a Palazzo Reale, ecco allora il simbolismo "Dalla Belle Époque alla Grande Guerra" prodotto da 24Ore Cultura e Arthemisia, omaggio alla corrente di fine Ottocento con nomi come Segantini, Bocklin, Ensor, Moreau o Redon, seguito a luglio da un altro big come Escher a luglio, l'illusionista del disegno. Dal lato opposto, motore del ciclo autarchico sul futuro, sarà a marzo Umberto Boccioni (1882-1916) che, nel centenario della morte, godrà di un'antologica, sempre a Palazzo Reale, ricca di 250 opere, frutto di una collaborazione tra Castello, Museo del Novecento e Palazzo Reale. Qui si capisce la differenza con i colossi di importazione; il concept della mostra è firmato da Agostino Contò e Francesca Rossi responsabile del Gabinetto dei disegni del Castello che ha scoperto documenti inediti del genio futurista, li ha abbinati ai disegni custoditi nelle raccolte civiche. Ideazione a chilometro zero. Con relativa carrellata di eventi studiati per fare squadra. In ordine: "2050. Breve storia del futuro" sarà una collettiva ispirata all'omonimo libro di Jacques Attali, con 50 opere di artisti contemporanei. "Studio Azzurro. Immagini Sensibili", una retrospettiva per festeggiare i 35 anni del più importante collettivo milanese, autore di installazioni hi-tech, virtuali e avveniristiche. E ancora, "Ca' Brütta 1921-2016", ritorno al futuro di un pezzo di storia dell'architettura milanese che racconterà al Castello il sogno della Milano del Ventennio. Del Corno ha insistito sull'identità conquistata dalle varie sedi. Il Museo Messina si segnala per i progetti speciali fra scultura e fotografia e apre la stagione con gli scatti di Luca Carrà dedicati alle opere dell'artista. Palazzo della Ragione, votato alla fotografia, ospiterà Herb Ritts e il suo obiettivo puntato sullo star system hollywoodiano, l'indagine sociale di William Klein, la moda secondo Giovanni Gastel, il fotogiornalismo struggente di James Nachtwey.

La Galleria d'arte moderna punta sulla valorizzazione delle raccolte; in autunno, con "Sottosopra. 100 anni di scultura", si immergerà nei depositi per estrarre i suoi titani di gesso sepolti. Si fa chiarezza anche sul profilo del Mudec, che cerca di trovare una quadra fra le collezioni etnografiche — una mostra sul Brasile moderno e una personale di George Nuku, artista maori — e gli eventi pop appaltati a 24Ore Cultura: Mirò e le culture extraeuropee, Basquiat e il graffitismo metropolitano. Buono e indipendente, il programma del Pac, che punterà sull'arte dei tattoo cubani e su una personale di Armin Linke e la sua fotografia come scienza inesatta.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news