LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mini e autonomi la solitudine dei nuovi musei
SARA GRATTOGGI
20 gennaio 2016 la repubblica



DOVRANNO dire addio ai fondi portati "in dote" dal Colosseo, il Museo nazionale romano e i parchi archeologici dell'Appia Antica e di Ostia Antica. Con la seconda fase della riforma Franceschini – che crea 10 nuovi siti autonomi in Italia, di cui sei fra Roma e provincia, guidati da "superdirettori" che saranno selezionati con un nuovo bando internazionale – le tre realtà saranno "scorporate" dalla Soprintendenza speciale per il Colosseo. E diventeranno autonome anche dal punto di vista del bilancio. Una novità che desta preoccupazione fra gli archeologi, perché fino a oggi è grazie agli introiti del Colosseo (oltre 41 milioni nel 2014) che è stato possibile finanziare restauri e manutenzioni negli altri siti della Soprintendenza meno visitati (e quindi "ricchi"), ma spesso più estesi e bisognosi di cure, come nel caso dell'Appia Antica. Che fra l'altro, ha annunciato il ministro Dario Franceschini, «gestirà non solo la parte che riguarda Roma, ma anche il coordinamento del progetto su cui stiamo lavorando per la ricomposizione dell'Appia Antica fino a Brindisi ». Come potranno mantenersi, ora, queste realtà, contando solo sui propri introiti? Persino il Museo nazionale romano (con le sue quattro sedi di Palazzo Massimo, Palazzo Altemps, Terme di Diocleziano e Crypta Balbi) nel 2014 ha incassato solo poco più di un milione di euro. Cifra simile a quella di Ostia Antica. Il rischio è insomma quello di un indeboli- mento di questi siti sia dal punto di vista eco- nomico sia da quello della tutela, poiché verranno scissi dalla Soprintendenza speciale. Che, in una nota, scrive: «La separazione tra musei e tutela è un aspetto forse doloroso, ma caratterizzante della riforma promossa dal ministro Franceschini, che apre tuttavia a nuove prospettive». Ammette che «il problema c'è» Giuliano Volpe, presidente del Consiglio Superiore dei Beni culturali, «ma la scommessa è di poter valorizzare e far crescere queste realtà. Penso ad esempio a Ostia Antica, a lungo rimasta nel cono d'ombra di Roma. Per quanto riguarda l'Appia Antica, in particolare, è vero che le sue sole risorse potrebbero non essere sufficienti, ma contiamo di avere fondi ad hoc per il progetto della ricomposizione ».

Sul fronte delle altre "rivoluzioni" nel sistema museale romano, da segnalare è la nascita di un Museo delle Civiltà all'Eur – «sul modello del Musée de l'Homme di Parigi» – che accorperà gli attuali musei statali Pigorini, di Arti e tradizioni popolari e dell'Alto Medioevo. Che, in futuro, avranno un biglietto unico e si spera possano così incrementare i loro incassi e il (finora bassissimo) numero di visitatori. Autonomo sarà anche il Museo nazionale etrusco di Villa Giulia, così come Villa Adriana e Villa d'Este a Tivoli, che formeranno un "mini-polo" a sé. I nuovi direttori saranno selezionati attraverso un bando internazionale, simile a quello lanciato nel 2015 per i primi 20 "supermusei". E potrebbero entrare in carica nel giro di 6-8 mesi.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news