LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Alto Adige. Chiese depredate. Brissinese nei guai. Aperto il processo
Silvia Fabbi
Corriere dell'Alto Adige 20/1/2016

Nel mirino La chiesa parrocchiale di Millan

È iniziato ieri il processo al brissinese Roberto Dal Bosco, 45 anni, sospettato di furto aggravato per aver sottratto quattro statue votive di santi e un crocifisso di legno dalle chiese della valle Isarco nel corso del 2013.

BOLZANO. È iniziato ieri in tribunale a Bolzano il processo dibattimentale nei confronti di Roberto Dal Bosco, un uomo di 45 anni di Bressanone. L’uomo è accusato di furto aggravato per aver sottratto — così sostiene l’accusa, che dovrà essere vagliata da un giudice prima di diventare definitiva — quattro statue votive di santi e un crocifisso di legno dalle chiese della valle Isarco nel corso del 2013. Alcune di queste statue erano di grande valore. Il busto ligneo di San Josef Freinademetz ad esempio, intagliato dallo scultore brissinese Paul Mussner, sottratto dalla chiesa dedicata al santo che si trova a Millan, valeva almeno 2.000 euro. Altre invece valevano poche decine di euro. All’uomo viene però contestata comunque l’aggravante di aver sottratto «cose esposte per consuetudine alla pubblica fede e reverenza».
All’uomo, difeso dall’avvocato Martin Fill, viene contestato di aver sottratto una statua in legno raffigurante Sant’Antonio dalla Gruftkapelle della chiesa parrocchiale di Chiusa, una statua di legno raffigurante Sant’Antonio dalla chiesa parrocchiale di Fortezza, una statua in legno raffigurante Gesù dalla chiesa di Santa Caterina di Bressanone, così come un crocifisso in legno proveniente dalla stessa chiesa, e infine il busto ligneo di San Josef Freinademetz dall’omonima chiesa di Millan.
Nel corso dell’udienza di ieri, che si è aperta davanti al giudice Michele Paparella ed è stata subito rinviata, avrebbero dovuto testimoniare due dei sacerdoti in servizio presso le chiese depredate. Si trattava di don Alfonso Habicher, parroco di Fortezza, che ancora spera di vedersi restituita la statua del padre Freinademetz sottratta da lì, e don Albert Pixner, decano di Bressanone. «Di solito di notte chiudiamo sempre la chiesa, mentre l’orario in cui sono avvenuti i furti è stato quello dopo mezzogiorno, quando c’è una situazione di calma e nessuno gira» ha spiegato don Pixner. Secondo l’accusa le statue sono state vendute ad alcuni negozi di antiquariato di Bolzano, dove la maggior parte di esse è stata poi ritrovata e recuperata. Nei guai sono finiti anche due dei titolari di questi negozi, nei confronti del quali l’accusa è stata poi derubricata da ricettazione a incauto acquisto. Uno di loro ha pagato un’oblazione, mentre l’altro è stato assolto.
A curare le indagini sono stati i carabinieri del Norm di Bressanone guidati dal maresciallo Fabrizio Scogliesi, insieme ai colleghi della stazione di Chiusa guidata dal maresciallo Luca Sabetta. L’identificazione del presunto responsabile è stata resa possibile grazie alle immagini delle telecamere della videosorveglianza di una banca che nell’ottobre 2013 in piazza Parrocchia a Chiusa hanno ripreso una figura uscire dalla chiesa con carico voluminoso appresso. L’uomo ripreso — che ha un precedente ma per tutt’altro reato rispetto a quello per cui si trova ora sotto processo — è stato identificato in Dal Bosco, che ora si trova a dover rispondere dell’accusa di furto. I carabinieri hanno quindi effettuato un sopralluogo a casa dell’uomo, che è stato trovato in possesso di elementi che secondo gli inquirenti ne provavano la responsabilità per i furti delle statue.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news