LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Arazzi a Firenze, la firma di Prodi e Zeffirelli
Ivana Zuliani
Corriere Fiorentino 20/1/2016

Già 1.600 le adesioni alla petizione voluta da Livio Fani per la restituzione dei capolavori

«Che gli arazzi possano ritornare alla loro casa». È l’auspicio che l’ex premier Romano Prodi ha espresso sottoscrivendo, insieme al maestro Franco Zeffirelli e ad altre 1.600 persone, la petizione lanciata da un gruppo di cittadini fiorentini per riunire a Firenze la collezione dei 20 arazzi medicei sulla storia di Giuseppe Ebreo, che furono commissionati da Cosimo I de’ Medici e realizzati da maestri fiamminghi su disegni di Pontormo, Bronzino e Salviati: oggi le opere sono divise a metà tra Palazzo Vecchio e il Quirinale, dove dieci furono trasferiti nel 1882, per volontà dell’allora re Vittorio Emanuele II. Solo eccezionalmente le opere, dopo un restauro durato 27 anni, sono state riunite in una mostra, Il principe dei sogni, ed esposte insieme, fino al 15 febbraio, nel luogo per il quale sono state pensate: il Salone de’ Dugento in Palazzo Vecchio. Dopo la fine dell’esposizione sono destinate a essere di nuovo divise, ma studiosi, cittadini, artisti si sono mobilitati per chiedere al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella di lasciarli tutti nel loro luogo di origine, a Firenze. L’appello, parallelo a quello lanciato dalla Fondazione Angeli del Bello, ha raggiunto così le 1.600 firme: tra queste ci sono anche quelle di Zeffirelli, della famiglia Corsini, di una trisnipote di Bettino Ricasoli, di un discendente del Doge di Venezia e, appunto, di Prodi, che ha voluto accompagnare la firma con una breve frase. Il 12 gennaio la petizione è stata consegnata al Quirinale, a Palazzo Chigi, al Ministero dei beni culturali, e al Comune di Firenze.
L’idea è nata da Livio Fani, un cittadino di origine aretina innamorato dell’arte e di Firenze, dopo aver visto la mostra degli arazzi in corso a Palazzo Vecchio ed essere «rimasto colpito» dalla bellezza.
Nella lettera indirizzata al Presidente della Repubblica Mattarella, al premier Matteo Renzi, al ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini e al sindaco di Firenze Dario Nardella, si fa appello al Patto di Famiglia voluto da Maria Luisa dei Medici che lega a Firenze tutti i beni dei Medici. Un vincolo che, secondo i firmatari, avrebbe dovuto essere rispettato anche dai Savoia. Fiorentini e amanti di Firenze si mobilitano contro la decisione che definiscono «sconsiderata» e «incolta» di dividere gli arazzi e chiedono che «i dieci romani siano restituiti a Firenze, a cui appartengono, recuperando l’integrità artistica dell’opera» e lasciandoli per sempre dove sono nati: nel Salone de’ Dugento di Palazzo vecchio insieme ai dieci «fratelli ritrovati». Anche il fotografo fiorentino Massimo Listri, che a febbraio terrà una mostra al Quirinale, si è offerto come «ambasciatore» a Roma, per sollecitare la restituzione degli arazzi a Firenze.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news