LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TARANTO-La Soprintendenza per i beni archeologici non si tocca: è un grido corale
www.agoramagazine.it, 22/01/2016

Registriamo vari interventi contrari all’eliminazione della Soprintendenza per i beni archeologici dalla Città di Taranto che sarà accorpata a quella di Lecce

“Nessuno tocchi la Soprintendenza!” titola il comunicato stampa del Circolo Impastato di Rifondazione comunista, che poi continuando nel testo affermano:
“Con la riforma del Ministero dei Beni, Attività Culturali e del Turismo, che nella bozza di decreto propone l’accorpamento delle varie competenze di tutela in un’unica Soprintendenza, Taranto potrebbe vedersi strappare la Sovrintendenza per i Beni Archeologici della Puglia che confluirebbe nel nuovo organo ministeriale con sede a Lecce.

Un episodio gravissimo, se si considerano tanto la storia di quest’istituzione quanto il suo valore simbolico sul territorio, così ricco di testimonianze dal sottosuolo, e storico essendo, con oltre un secolo di storia, una delle Soprintendenze più antiche d’Italia. L'atteggiamento del PD, che dagli albori del suo mandato ha fatto di tutto per scardinare l’intera macchina ministeriale al ritmo della parola “riforma”, è inaudito: dopo il depotenziamento delle Soprintendenze con la precedente "riorganizzazione" e la sottomissione delle stesse alle prefetture con la legge Madia, sferra un altro duro colpo alla tutela del patrimonio che, giova ricordarlo, è un principio costituzionale. Di riflesso, anche Taranto viene colpita nel suo cuore, in barba a tutte le dichiarazioni del Ministro Franceschini sulla cultura, sul turismo e sul rilancio della città.

Ma quale cultura se ci togliete anche gli ultimi istituti presenti e operanti sul territorio? E quale tutela del patrimonio? Non può certo bastare l’aver sostituito il vertice del Museo Archeologico a rilanciare la cultura a Taranto. Ma qui si paga lo scotto di un’amministrazione addormentata, totalmente ignara di ciò di cui si parla e priva della necessaria profondità di analisi che permetterebbe di pensare a un futuro per la città e non, semplicemente, a “tirare a campare” attaccati alla poltrona.

D’altra parte, le figuracce non possiamo certo dire che siano dietro l’angolo visto che sono già state consumate con la candidatura a Capitale Italiana della Cultura e le imbarazzanti questioni attorno al suo dossier.

Chiediamo chiarezza su cosa sarà del patrimonio bibliotecario, archivistico e archeologico di pertinenza della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia. Chiediamo con forza una levata di scudi da parte di questa amministrazione contro questo ennesimo colpo alla cultura e alla città da parte del governo Renzi. Chiediamo che si intervenga ufficialmente disapprovando in toto la nuova organizzazione ministeriale e opponendosi a questo annunciato oltraggio alla tutela del patrimonio e, conseguentemente, anche alla storia di questa città. Dinanzi a scempi del genere – conclude il comunicato dei comunisti - non ci sono ancore che tengano a galla una Taranto che rinuncia, passivamente, alla propria cultura e alla propria storia”.

A questa voce si unisce anche quella del rappresentante del Pd nel Comune di Taranto, presidente del Consiglio Comunale – quasi a smentire l’attacco al Pd dei rifondaroli – Piero Bitetti che scrive in un comunicato stampa:” Sono indignato, l'ipotesi di trasferire a Lecce la Soprintendenza Archeologica che ha sede a Taranto è un altro schiaffo alla nostra comunità che non possiamo accettare. Bene hanno fatto le associazioni, gli intellettuali e alcuni Club Service ad alzare la voce. Chiederò al sindaco di assumere quanto prima un'iniziativa istituzionale capace di aggregare le forze sociali, il mondo della cultura e dell'istruzione, gli organi di informazione e i cittadini di Taranto per scongiurare l'ennesima umiliazione ad un territorio, il nostro, che proprio sulla cultura deve poter costruire un futuro diverso e coerente con la nostra tradizione. Mi attiverò affinché anche la Provincia di Taranto assuma unì'iniziativa in tal senso nell'ottica di una mobilitazione unitaria delle istituzioni locali”.

Anche nella rete c’è fermento; Carmine De Gregorio esperto di beni culturali in mattinata aveva postato un annuncio sul social forum: “ Cari amici, domani alle ore 10 avrei pensato di organizzare un primo incontro per la messa a punto di un manifesto delle associazioni e della cultura cittadina e uno scambio di idee su eventuali altre iniziative forti contro l'ignobile e vergognosa ipotesi di scipparci la soprintendenza archeologica. Questo ufficio e' uno dei simboli della nostra storia e non dobbiamo permettere ad alcuno di profanarla. Stiamo gia' subendo troppo. Ora basta. Vi aspetto domattina alle ore 10 all'ipogeo di palazzo stola in via Paisiello. E' importante la presenza di amici in rappresentanza di associazioni culturali”.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news