LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO-Soprintendenze, cambia tutto
Emanuela Minucci
Stampa, 22/01/2016

Un anno fa se ne andava Rinaldi, ma presto un nuovo bando rimescolerà gli incarichi


È trascorso esattamente un anno da quando in piazza Castello l’esatta copia del vagone dei deportati ad Auschwitz si trasformò nell’ultimo atto amministrativo dell’ex soprintendente Luca Rinaldi. Dopo averne visionato l’ingombro, intimò agli organizzatori della mostra su Primo Levi - allestita nel vicino Palazzo Madama - di eliminare quel massiccio pezzo di treno che suonava come un oltraggio alla piazza più aulica di Torino. Nel giro di 24 ore l’ex soprintendente si ritrovò come i «Blues Brothers» nella scena finale: tutto il mondo contro. Dal ministro Franceschini al sindaco di Torino sino ai comuni cittadini, passando, com’è ovvio dalla comunità ebraica. Morale, Rinaldi venne trasferito a Genova (dove lavora tuttora) e al suo posto arrivò, nel marzo scorso, Luisa Papotti. Una rivoluzione non da poco che ora torna punto e a capo. L’ultima riforma Franceschini, infatti, prevede un nuovo snellimento delle soprintendenze: cura dimagrante che, va da sè, comporta un secondo giro di valzer delle poltrone.

Il caso Torino
La riorganizzazione voluta dal ministro (accompagnata dallo slogan «Basta soprintendenze separate e pareri discordi»), prevede appunto l’accorpamento in un unico responsabile di «Archeologia, Belle Arti e Paesaggio», il che permetterà di aumentare i presidi sul territorio passando per esempio proprio per l’archeologia dalle attuali 17 soprintendenze alle nuove 39 soprintendenze unificate. La nuova articolazione territoriale, che secondo il ministro «realizza una distribuzione dei presidi più equilibrata ed efficiente» è stata definita tenendo conto del numero di abitanti, della consistenza del patrimonio culturale e della dimensione dei territori. A Torino al momento ci sono due soprintendenze, quella ai Beni Archeologici, diretta da Egle Micheletto e quella ai Beni Architettonici e Paesaggisti guidata da Luisa Papotti. In un futuro molto prossimo di poltrone in città ne resterà soltanto una. In Piemonte la suddivisione avverrà su tre zone. Torino, Alessandria (che avrà competenza anche su Asti e Cuneo) e Novara (responsabile anche di Vercelli, Biella e Verbania).

Tutto da rifare
Il problema è che tutti i soprintendenti d’Italia - a distanza di un solo anno dal primo rimescolio di destinazioni - dovranno partecipare a un nuovo bando. «Così certi lavori resteranno fatalmente a metà» si lamentava ieri a Palazzo Civico. Da Torino a Catania, dunque, tutto cambierà: passando pure per Genova. E alla domanda esplicita sul suo futuro, l’ex soprintendente Rinaldi serve una risposta condita di suspence: «Non ho ancora deciso».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news