LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - «Stop al degrado, seguiamo Firenze»
di Alberto Vitucci
20 gennaio 2016 LA NUOVA VENEZIA


Appello al ministero delle associazioni. «Fermare la deregulation del turismo e tutelare la bellezza delle città d’arte»


VENEZIA. Stop al degrado. La giunta di Firenze apre la strada, e prende provvedimenti per fermare la deriva turistica. Niente più negozi di chincaglierie, un freno ai kebab, ai fast food e ai negozi di Compro-oro. Inversione di tendenza richiesta dall’Unesco, che aveva minacciato di cancellare la città d’arte dall’elenco dei siti «Patrimonio dell’Umanità». La stessa cosa che è successa a Venezia, quando gli ispettori dell’Unesco hanno inviato una durissima lettera per mettere in mora l’amministrazione della città, che poco o nulla ha fatto negli anni per regolamentare il flusso turistico.

«Tutelare la bellezza» la parola d’ordine del sindaco Dario Nardella, successore di Renzi. Una deregulation che va fermata in qualche modo, per non assistere alla progressiva e inesorabile trasformazione delle città d’arte in Disneyland. Una strada che in tanti chiedono sia percorsa anche a Venezia. Associazioni come Italia Nostra, comitati di cittadini che hanno più volte chiesto l’intervento del ministero dei Beni culturali. Regole che non devono bloccare le attività economiche, ma «tutelare la bellezza». La liberalizzazione delle attività commerciali, decisa prima dal ministro Bersani poi dal governo Monti, ha prodotto a Venezia danni consistenti. Oggi non è più necessario rispettare le distanze minime né il numero chiuso per aprire attività turistiche. Risultato, chiudono botteghe artigiane e negozi di vicinato, aprono botteghe di chincaglierie cinesi, fast food, pizze al taglio e ristoranti cinesi tutti uguali. Nessuna regola impone a esercenti e commercianti il rispetto delle merceologìe. E la bruttezza dilaga. La Soprintendenza interviene solo in settori limitati (Ruga degli Oresi, i banchi ambulanti) ma sui negozi non vi è regola. Alla chiusura delle attività tradizionali subentrano attività che con la tradizione della città hanno ben poco a che fare.

«Un aspetto della questione che va studiato e approfondito», dicono a Ca’ Farsetti. Il sindaco Luigi Brugnaro è stato eletto all’insegna della difesa del lavoro. Ma è anche sensibile alla difesa della città. Per «venderla» al mondo occorre prima di tutto conservarla. Ecco allora l’esempio fiorentino. Che in qualche modo potrebbe essere seguito anche dalla città storica. Nuove regole per tendaggi, tavolini, insegne (spesso luminose e abusive sulla pubblica via), rumori Ma soprattutto vincoli edilizi e «di sicurezza» per l’apertura di nuovi negozi. «Le attività tradizionali non hanno nulla da temere», hanno detto a Firenze. Così a Rialto l’obiettivo dovrebbe essere quello della
difesa delle botteghe storiche, frutta verdura e alimentari, osterie che rispettino la storia. Insomma, tipologìe controllate. Che non rendano la città dei Dogi simile a una qualunque periferia. E convincano l’Unesco a tornare sui suoi passi, lasciando Venezia tra i «Patrimoni dell’Umanità».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news