LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Colosseo, valzer di poltrone per la nuova soprintendenza
il Messaggero, 22 gennaio 2016

BENI ARCHEOLOGICI, DAL 31 GENNAIO SI CAMBIA: L’ANFITEATRO SARÀ GESTITO DA UN ENTE UNICO DECADE PROSPERETTI


IL RETROSCENA La riforma dei Beni culturali sta per andare in scena. Il prossimo 31 gennaio sembra una data destinata a segnare una “svolta” nella storia dell’archeologia di Roma. C’è chi lo definisce ”passaggio epocale”. La Soprintendenza ai beni archeologici “decade”. O meglio, non esisterà più così come è stata conosciuta fino ad oggi. Così come “tecnicamente” dovrebbe decadere anche il mandato dell’attuale soprintendente Francesco Prosperetti in carica dal febbraio 2015.

Una trasformazione figlia di strategie di “spacchettamento” e “accorpamento” che saranno sancite nei prossimi giorni dall’imminente decreto del Ministero per i beni culturali. Che significa? Partiamo dal nome. Esisterà una “nuova” soprintendenza (sempre speciale e autonoma) solo per il Colosseo. Si occuperà, tra tutela e valorizzazione, solo dell’Anfiteatro Flavio, e probabilmente manterrà la lunga mano anche su Palatino, Foro romano, Domus Aurea e Terme di Caracalla. Ma nelle ultime ore, sembra che la trattativa del soprintendente “uscente” punti a garantire la competenza anche sul patrimonio entro le Mura Aureliane. LO “SPEZZATINO”
Il resto sembrerebbe storia nota. L’Appia Antica e Ostia Antica diventano parchi a gestione autonoma “orfani” della Soprintendenza. Sorte analoga per le quattro sedi del Museo Nazionale Romano. E il resto del territorio archeologico? Dalla Villa di Livia all’antica città di Gabi, dal mausoleo di Macrino (Tomba del Gladiatore) a Crustumerium. Uno spezzatino indefinito da accorpare tra Polo museale del Lazio e nuova Soprintendenza unificata Archeologica e Belle Arti del Lazio. Dire che ci sia fermento negli uffici di Palazzo Massimo è solo un eufemismo. Le ultime ore sono passate concitate e tese. Da quanto si apprende, ieri, il soprintendente Prosperetti avrebbe convocato una riunione con tutti i suoi principali funzionari responsabili per dare l’annuncio. Un incontro che sarebbe arrivato d’urgenza dopo un confronto, negli ultimi giorni, con i vertici del Ministero per i Beni culturali. Chiaro che il disegno in atto sta creando aspettative e perplessità.
Dal 31 gennaio cosa succederà? Quali saranno gli “attori” principali se le nuove istituzioni autonome (Appia, Ostia, Museo Nazionale) devono aspettare il bando internazionale per la nomina dei nuovi direttori? Se si chiede agli uffici della Soprintendenza, la risposta è «Non è ancora chiaro. La soluzione è tecnicamente uguale a Pompei che perde Ercolano e Stabia per rimanere una Soprintendenza unica, speciale e autonoma». Dal primo febbraio la poltrona del Soprintendente dovrebbe essere di nuovo messa a bando. Si riaprono i giochi e la corsa alle candidature? Come lasciano intuire i bene informati, dipenderà molto dalle scelte del ministro Dario Franceschini. Per il posto d’onore potrebbero concorrere di nuovo diversi direttori generali di prima fascia. Basta guardare la scacchiera dettata dalla riforma. La direzione generale per le Antichità viene soppressa per ampliare quella delle Belle Arti. In lizza, sfilano nomi illustri ora come Gino Famiglietti (direttore alle Antichità) o Franceso Scoppola (Belle Arti). Insomma, dal 31 gennaio la Soprintendenza per il Colosseo, Museo Romano e area archeologica centrale, rimarrà solo del Colosseo. A chi spetterà utilizzare le laute entrate del Colosseo? Chissà che non faccia gioco anche al progetto del Consorzio sui Fori concepito per la gestione unificata dell’area tra Mibact e Campidoglio. Per ora il piano è sospeso, ma solo in attesa del nuovo sindaco di Roma. Laura Larcan



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news