LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LA MEMORIA NECESSARIA
Salvatore Settis
23 gennaio 2016 la Repubblica

PERCH la Germania ha tanto successo nel mondo? Perch sa fare i conti con il proprio passato, anzi assorbe la storia come ingrediente essenziale del futuro. La diagnosi di Neil MacGregor, il brillante direttore del British Museum ora passato alla testa del nuovo Humboldt Forum di Berlino, nel suo ultimo libro (Germany. Memories of a Nation, Knopf).

In un Paese come l'Italia, che coltiva la smemoratezza, la distrazione e la superficialit come altrettante virt, pu sembrare una provocazione. Ma proviamo a guardarci intorno. L'America famosa per essere a-storica , ha dichiarato Obama, aggiungendo dimenticare uno dei nostri punti di forza. Lo conferma il discorso d'insediamento di Bush II, che invitava gli americani a dimenticare il Vietnam, perch una grande nazione non pu permettersi memorie che fomentano discordia. Ma meglio promuovere l'amnesia di marca americana o la memoria storica "alla tedesca"? La scuola italiana, riducendo di riforma in riforma lo spazio della storia (e della storia dell'arte) propende per l'arte della dimenticanza, forse pi per sciatteria che per progetto.

Sul ruolo della storia nella vita di una nazione tutta da leggere la conversazione di Obama con la grande scrittrice Marilynne Robinson (premio Pulitzer 2005), pubblicata dalla New York Review of Books. Dialogando con il Presidente, Robinson si chiede se l'America possa ancora dirsi una democrazia, intesa come la conseguenza logica e inevitabile di un umanesimo religioso al pi alto livello, da applicarsi all'immagine umana in quanto tale e al rispetto che le si deve. qui che Obama parla di "amnesia americana", contrapponendola alla memoria lunga di civilt dove antichi eventi, come il contrasto fra sciiti e sunniti, provocano ancora feroci contrasti.

Noi americani dimentichiamo quel che successo due settimane fa continua Obama, incalzato da Robertson Ma sono convinto che per incoraggiare la creativit essenziale insegnare la storia ai nostri ragazzi, tanto pi che tenere in vita una democrazia comporta sangue, sudore e lacrime, e non una visione falsamente pacificata. E la memoria del passato (anche recente) mostra che la competizione senza contenuti annienta la democrazia. Se potessi cancellare una parola dal vocabolario americano, sarebbe "competizione" (Robinson), anche se storicamente, l'America ha voluto "competere" creando un sistema scolastico migliore di altri, accrescendo gli investimenti in ricerca, credendo profondamente nella scienza e nei fatti, accogliendo talenti da tutto il mondo, promuovendo sistemi di sicurezza sociale (Obama).

Quel che la scuola americana fa ora l'opposto, risponde Robinson: Stiamo dicendo alla gente che non troveranno lavoro a meno che non acquisiscano anonime competenze tecnologiche, e con questo linguaggio coercitivo stiamo dicendo alla gente che le loro vite sono fragili, alla merc di una generica paura che impedisce ogni senso di sicurezza, e dunque ogni creativit.

La retorica della competitivit spinge a diminuire la protezione dei lavoratori, a devastare l'ambiente, a delocalizzare la produzione, a inseguire la logica della crisi, augurandosi che colpisca altri Paesi: ma davvero questa, si chiede Robinson, la missione americana, avere la meglio sulla Cina o sull'Europa? Per uscire da questa logica miope, necessaria la memoria e la conoscenza storica.

Prendere coscienza della storia vuol dire (come in Germania) scegliere di ricordare quel che si tentati di dimenticare. Accettare le proprie responsabilit rispetto al passato vuol dire allenarsi a costruire il futuro con piena responsabilit (fattore essenziale della democrazia).

Questa conversazione fra un Presidente e un'intellettuale che promuove la storia in nome della democrazia, della creativit e della felicit dei cittadini (temo) impensabile in un'Italia dove segmentate "competenze" la vincono sulla conoscenza, dove gli slogan ("buona scuola") sfrattano lo spirito critico, dove scuola e universit puntano sempre meno a educare cittadini e sempre pi a formare un'anonima forza-lavoro. in questo quadro, in cui andiamo scopiazzando un'America che ha gi avviato una qualche autocritica, che si va diffondendo come una peste il pregiudizio che gli studi umanistici vadano cestinati come inutili; e che intanto i migliori laureati delle nostre universit (umanisti e no), dopo una formazione a nostre spese, emigrano a decine di migliaia.

Ma qual la funzione degli intellettuali (di chi si ferma a pensare) in un mondo dominato dalla faciloneria e dall'amnesia? Proprio per questo, abbiamo sempre pi bisogno di quei mercanti di luce, che da ogni nazione ricavano il meglio, i libri, le idee, gli esperimenti, le memorie, i modelli di comportamento, e li trasportano in patria (Francis Bacon). Chi pratica la storia e le scienze umane davvero un mercante di luce che illumina il presente con idee per costruire il futuro. Ha ragione Marilynne Robinson: o la scuola il microcosmo della democrazia, o non . Vale in America, vale in Europa. Varr in Italia?





news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news