LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bergamo. Le Mura e «l’assedio» all’Unesco: vinta la prima battaglia
Donatella Tiraboschi
Corriere della Sera - Bergamo 23/1/2016

Per la proclamazione bisognerà aspettare l’anno prossimo. Ma quello incassato ieri dalle Mura di Città Alta è un lasciapassare fondamentale per arrivare al traguardo. È ufficiale: il progetto «Opere di difesa veneziane tra XV e XVII secolo» è candidato a conquistare il titolo di patrimonio dell’Unesco.

Per la proclamazione bisognerà aspettare l’anno prossimo, perché l’Unesco si prende i suoi tempi per decidere: dai dodici ai diciotto mesi. Non è ancora il momento del «the winner is», ma il progetto «Opere di difesa veneziane tra XV e XVII secolo», unica candidatura italiana dell’anno a Patrimonio mondiale dell’Umanità, vale per Bergamo e le sue Mura già un Oscar. Quello di una consapevolezza culturale universale ora acclarata. Non era facile riunire nel nome dell’eredità della Serenissima città di tre regioni italiane, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia. E di tre Stati, quelli dello «Stato de Tera» e dello «Stato da Mar», come li classificavano i geografi del tempo. E come il logo pensato dai giovani grafici dell’agenzia cittadina Woodoo ha sintetizzato in una linea che, partendo da Bergamo, la più occidentale delle città murate veneziane, comprendesse Peschiera, Venezia e Palmanova per arrivare a Zara, Sebenico e Korkula in Croazia e concludersi così, nel golfo di Cattaro-Castelnuovo nel Montenegro. Undici città sotto la stessa Repubblica, una storia comune con Bergamo al centro dell’Europa che guardava a Venezia. E con Venezia che guardava a Bergamo.
Ma l’idea si è rivelata vincente. Bergamo, capofila di un progetto che ha battuto la concorrenza di Ivrea (che però ritenterà) ne è stata l’artefice principale. Mercoledì prossimo a Parigi ci sarà la firma degli ambasciatori dei tre Stati coinvolti per dare l’imprimatur al dossier. I voluminosi tomi che lo compongono passeranno così al vaglio della commissione alla quale spetterà l’ultimo, auspicato «ok» per terminare un iter che sarà arrivato a durare dieci anni.
Una progettualità transnazionale, l’unica a cui sarebbe stato forse possibile aspirare, è stata incubata da tre amministrazioni: ideata da Bruni, coltivata da Tentorio e arrivata (quasi) al traguardo con Gori, il terzetto di sindaci che ieri si è ritrovato al tavolo per condividere una soddisfazione bipartisan.
Fatta di ricordi per Bruni: «Pensammo a questa eventualità, io e Gianni Carullo, in una trasferta romana nel 2007». Condita dall’ottimismo di Tentorio: «È un giorno bello per la nostra comunità: i grandi risultati richiedono anni, ma poi arrivano», ha chiosato l’ex primo cittadino, con una rivincita di sponda sulla delusione patita con l’esclusione di Bergamo dalla corsa alla Capitale europea della Cultura. Infine con Gori, pronto a richiamare la valenza territoriale: «La decisione della Commissione è stata unanime, forse proprio per il carattere internazionale del progetto. E l’impegno di tutti, con quell’elemento partecipativo che è mancato in altre occasioni, ha visto riconosciuto e valorizzato il nostro patrimonio».
Eccola, la parola chiave: le Mura di Bergamo sono il patrimonio della terra orobica. Da «pater» che significa cura, affetto, presa in carico, attenzione continua e disinteressata di un bene che si riceve in eredità e si deve gestire. «Da oggi comincia il lavoro», ha ribadito Luciana Frosio Roncalli, presidente dell’Associazione Terre di San Marco apparsa financo frastornata dall’emozione e già proiettata oltre «quei momenti di sconforto, quando Cipro e la Grecia abbandonarono il progetto». Da questa candidatura dovranno discendere per Bergamo e per le sue istituzioni altre responsabilità. L’impegno è chiaro: è quello dell’intreccio, della capacità di fare rete, di far conoscere e proiettare le potenzialità in una nuova dimensione. Le Mura, come ha sottolineato il geografo Renato Ferlinghetti, «sono pronte a vivere una terza vita: prima utili (per la difesa), poi inutili (dopo le guerre) e ora ancora “diversamente utili”». Per tutti.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news