LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La rivoluzione delle soprintendenze: nuovo valzer di poltrone e musei
di SARA GRATTOGGI
24 gennaio 2016 la Repubblica



La riforma varata dal ministero accorpa archeologia, belle arti e paesaggio. Nella capitale saranno tre: Roma, provincia e Lazio. E c'è chi parla di "terremoto"


La rivoluzione delle soprintendenze: nuovo valzer di poltrone e musei
Scatta l'ora della "rivoluzione" delle soprintendenze statali uniche, che accorperanno archeologia, belle arti e paesaggio. Nel Lazio saranno tre (oltre a quella speciale per il Colosseo), tutte con sede a Roma: una sarà competente per il territorio del Comune, l'altra per l'area metropolitana (l'ex provincia di Roma), la terza per il Lazio e l'Etruria Meridionale (province di Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo). Ci sarà quindi, oltre a un rimescolamento di carte interno (di competenze e di personale), un nuovo cambio al vertice, a meno di un anno dalle ultime nomine. Prima il ministro Dario Franceschini lancerà un interpello per la nuova guida della direzione generale che accorperà le ex Antichità e Belle arti e Paesaggio.

E a cascata seguirà un altro appello interno per la selezione dei tre nuovi soprintendenti, che avverrà entro giugno (Francesco Prosperetti dovrebbe rimanere alla guida della soprintendenza speciale per il Colosseo). Poi si passerà alla "redistribuzione" del personale attuale nelle nuove soprintendenze miste, che saranno divise in aree funzionali (archeologia, belle arti e paesaggio), ciascuna con un responsabile, come in una sorta di "giunta" con "assessori" guidata dal "sindaco-soprintendente", che darà parere unico. La nuova organizzazione dovrebbe entrare a regime entro la fine dell'anno. Ma sono molti i dubbi e le incognite che agitano gli addetti ai lavori, per cui la "rivoluzione" è un vero e proprio terremoto (Cgil, Cisl e Uil hanno annunciato per domani pomeriggio a Palazzo Massimo un'assemblea cittadina dei lavoratori del Mibact "per discutere il decreto e programmare le azioni di contrasto").

Prima di tutto, i confini delle aree di competenza. Con la divisione fatta sulla carta, infatti, l'Etruria meridionale perderebbe Veio e Cerveteri. E il territorio dell'antica Etruria verrebbe così "polverizzato". Un timore che il Mibact però smentisce, assicurando che la soprintendenza per il Lazio e l'Etruria meridionale manterrà le vecchie aree di competenza,
anche quelle in provincia di Roma. Ancora sono da disegnare, invece, i "confini" delle zone di cui saranno responsabili la soprintendenza speciale per il Colosseo e quella (statale) per il comune di Roma. Altro rilievo degli esperti, quello per cui la divisione netta tra tutela e valorizzazione non avrebbe senso soprattutto nelle aree archeologiche, in cui le due funzioni sono strettamente legate. E separarle potrebbe comportare gravi rischi per il patrimonio.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news