LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli angeli dell'arte "Facciamo scoprire la grande bellezza"
CLAUDIA BRUNETTO
30 gennaio 2016 LA REPUBBLICA




Lo fanno per passione, ma aspirano a trasformarlo in un vero business.

Studiano la storia della città e inventano nuovi percorsi per attrarre turisti e palermitani. Sono i volontari, le associazioni e le cooperative che ogni giorno aprono le porte di monumenti, chiese e ville della città. E che, con l'impiego di guide professioniste, accompagnano visitatori negli angoli più preziosi del centro storico, a piedi o in bicicletta. Per fare questo firmano convenzioni con gli enti locali, la Curia e le singole parrocchie propietari dei beni. E sono sempre di più. Segno che la formula funziona e che vale davvero la pena di investire nel turismo in città.

I numeri dei visitatori parlano chiaro. L'associazione Amici dei musei siciliani, una delle prime realtà a muoversi in questo campo, oggi gestisce sei siti tra i più prestigiosi. Dalla chiesa di San Cataldo con i suoi 50mila visitatori all'anno, all'oratorio di San Lorenzo che ne conta oltre 15mila grazie agli stucchi del Serpotta e alla ricostruzione della "Natività" di Caravaggio, rubata nel 1969 e mai più ritrovata. Se si pensa che un biglietto intero è di 2,50 euro, gli incassi soltanto di San Cataldo e dell'oratorio di San Lorenzo insieme ammontano a circa 150 mila euro annui. Anche gli altri siti contano circa 15mila visitatori all'anno, con qualche luogo minore come la chiesa di Santa Maria del Piliere e l'oratorio di San Mercurio che da soli non ce la farebbero ad attrarre i turisti.

Ma Bernardo Tortorici, presidente degli Amici dei Musei precisa: «Gli incassi servono a prenderci cura dei luoghi — dice — Soltanto il restauro dell'intero ciclo marmoreo della chiesa del Santissimo Salvatore, che mostreremo presto al pubblico, è costato oltre 10mila euro e sei mesi di lavoro. Tutto a nostre spese. Poi ci sono anche i sistemi di antifurto in ogni sito e il rimborso dei volontari, tutte persone titolate. In questo momento c'è un grande rilancio del turismo a Palermo ».

E infatti la cooperativa Terradamare in soli tre anni è riuscita a ricavarsi una fetta del mercato turistico-culturale. Con palazzo Asmundo e la Torre di San Nicolò all'Albergheria attrae circa 1200 visitatori al mese con un biglietto di 3 e 2,50 euro che fanno una media di tremila euro di incassi. Punto di forza anche le visite animate per il centro storico e i mercati con l'attore Salvo Piparo (da 15 a 20 euro) e le aperture dei monumenti fino a mezzanotte, proprio per consentire anche alla gente che lavora di scoprire posti poco battuti dagli itinerari.

«Le aperture giornaliere sono molto difficili — dice Eleonora Lo Iacono di Terradamare — Funzionano molto di più gli eventi, le mostre attorno all'apertura di monumenti come palazzo Asmundo. E la Torre all'Albergheria la conoscono in pochi, per questo stiamo cercando di inserirci in qualche circuito per avere più visibilità. Per noi è un lavoro. Riusciamo a pagare gli stipendi dei quattro soci più i collaboratori esterni a cui ci rivolgiamo».

Fra le realtà più longeve ci sono anche le associazioni culturali Itiner'Ars e ArchiKromie. La prima si occupa di Casa Professa e della chiesa della Gancia che quasi tutti i giorni accolgono decine di turisti per un costo di circa 2 euro a biglietto.

«L'idea — dice Grazia Bellardita, presidente di Itiner'Ars — è quella di fare scoprire luoghi poco conosciuti e poco accessibili. Siamo certi che in questa città si potrebbe vivere di turismo anche se è difficile e le istituzioni non sempre appoggiano iniziative come la nostra. Si va dai cento turisti alla settimana d'estate a una ventina di inverno. Ma si potrebbe rilanciare e fare molto di più».

Gli architetti di ArchiKromie, forte di circa 200 soci, dal 2001 portano avanti progetti culturali anche nelle scuole. Dallo scorso dicembre hanno preso in carico, in virtù di un accordo con il parroco, la chiesa dell'Immacolata concezione al Capo. «La chiesa — dice l'architetto Francesca Aiello — ha bisogno di cure, pulizia e manutenzione. Abbiamo creato una biglietteria e accogliamo gruppi al costo di un euro sopra le dieci persone. Per noi è una passione, ci muoviamo con i volontari e lo facciamo senza scopo di lucro. Ma di certo l'attività dell'associazione per molti giovani soprattutto potrebbe diventare lo strumento per costruire un lavoro».

Fra le realtà più giovani c'è la onlus Palazzo Alliata di Villafranca che ha concentrato tutte le energie per rilanciare la storica dimora nobiliare di piazza Bologni che all'interno della manifestazione "Le vie dei tesori" in soli cinque fine settimana ha registrato più di 8mila visitatori. «Ci vuole uno sforzo enorme per coinvolgere il territorio — dice Italia Messina, presidente della onlus — Anche perché le istituzioni latitano e facciamo tutto da soli. I visitatori sono ancora pochi, una cinquantina la domenica con un biglietto di 4 euro. Soldi che servono a coprire le spese del palazzo. Da marzo apriremo tutti i giorni. Cerchiamo di organizzare concerti, balli e spettacoli, tutto rigorosamente legato all'epoca '700-'800 proprio per far conoscere il palazzo a più gente possibile ». Ma sono tante le realtà emergenti che puntano tutto su questo lavoro. Come quella delle trentenni Silvia Messina e Chiara Utro che come guide turistiche hanno lanciato il calendario "Segna Palermo" e quella delle sociologhe Elizabeth Zenteno Torres, Angela Solaro e Luisa Tuttoilmondo che con l'associazione Sguardi urbani hanno lanciato per prime i tour in bicicletta. "Segna Palermo" propone itinerari di oltre due ore al costo di 10 euro nel quartiere ebraico, sul tema dell'acqua, sui ruderi della seconda guerra mondiale. E ancora un percorso sulle "Donne di malaffare", sulle statue della fontana Pretoria, e su quello che fu il boom industriale attorno alla nascita della stazione centrale. «Ormai — dice Silvia Messina — abbiamo un pubblico di affezionati. Gli itinerari hanno un buon riscontro. La gente ha voglia di cose nuove e di guardare la città con occhi diversi».

Per le ragazze di "Sguardi urbani" la chiave vincente è la "sostenibilità". «Mancavano i tour in bicicletta — dice la Tuttoilmondo — e noi li abbiamo lanciati. Vogliamo trasformare la nostra passione in un business e le richieste crescenti ci lasciano ben sperare».





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news