LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - Archeologia, straordinaria scoperta a Porto Torres: dalla terra spunta un gladio
Emanuele Fancellu
30 gennaio 2016 LA NUOVA SARDEGNA



La spada utilizzata dai legionari romani ritrovata durante gli scavi nei pressi del porto dell’antica Turris Libissonis

PORTO TORRES. Nuova straordinaria scoperta nelle terre dell'antica Colonia Iulia di Turris Libisonis. Nel corso delle indagini archeologiche che si stanno portando avanti nell'area in cui si lavora per realizzare la strada di collegamento tra i moli di ponente e levante, dalla terra è spuntato fuori un gladio, la spada utilizzata dai legionari romani. Il ritrovamento è davvero straordinario poichè si tratta del primo rinvenimento di un'arma a Porto Torres in uno scavo regolare.

«È ormai assodato che si tratti di un gladium – spiega raggiante la direttrice scientifica dello scavo Gabriella Gasperetti – probabilmente di tipo pompeiano, quindi un'arma che si diffonde dal I secolo d.C.».

La spada, scoperta qualche tempo fa nel corso dei lavori condotti dall'azienda Archeo Restauri di Napoli sotto la direzione scientifica di Gabriella Gasperetti e l'assistenza delle due archeologhe Daniela Deriu ed Antonella Pandolfi coadiuvate dal rilevatore Franco Usai, era stata subito trasportata al Centro di restauro di Li Punti per le cure del caso.

«Anche se il pezzo si presenta molto corroso, grazie al lavoro dei restauratori si sta riuscendo a consolidarne le superfici e a pervenire al restauro" – spiega Gabriella Gasperetti –. Il gladio non ha tracce del fodero che, essendo realizzato in materiale deperibile, si è distrutto nel tempo. Con ogni probabilità apparteneva ad una sepoltura sconvolta, non si è trovata traccia della fossa ma soltanto qualche falange e resti di ceramica». Il pezzo è ovviamente straordinario, i restauratori di Li Punti stanno contestualmente realizzando tutta la documentazione grafica, fotografica e filmata perchè l'idea è di presentare la scoperta in un evento ad hoc .

«Trattandosi di ferro di oltre duemila anni fa, il ritrovamento e ricomposizione è un miracolo: vorremmo presentarlo perchè molto difficilmente si ritrovano e conservano oggetti di questo tipo» commenta l'archeologa. Nel corso dello scavo, al momento in pausa, sono stati effettuati anche altri notevoli
ritrovamenti. Tra gli altri, diversi frammenti scultorei e pavimenti con rivestimenti marmorei in tutta l'area. Gli interventi di tipo archeologico riguardano infatti tre zone distinte: dietro il capannone della Soprintendenza, sotto la gradonata prospiciente la stazione marittima.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news