LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PRATO - Polemica a colpi di mostre e inaugurazioni
29 gennaio 2016 IL TIRRENO



Prato, dalla mancata candidatura di Prato a capitale italiana della cultura è nata una discussione che ripercorre gli ultimi investimenti culturali fatti in città



PRATO. “Sulla questione della candidatura a capitale italiana della cultura, mi sembra opportuno replicare all’ennesimo ‘riassunto di Roberto Cenni’, che è fuorviante”.

Così interviene l’assessore alla Cultura, Simone Mangani, in risposta alle polemiche sulla mancata candidatura di Prato al bando per la scelta della capitale italiana della cultura per gli anni 2016 e 2017, dal quale sono uscite vincitrici le città di Mantova e Pistoia.

L’assessore elenca alcuni fatti. Il primo: “In consiglio comunale non ho fatto polemica alcuna. Ho detto che l’amministrazione, nel mese di novembre 2015, ha messo per la prima volta tra i suoi obiettivi del bilancio pluriennale la predisposizione della candidatura a capitale italiana della cultura. ‘Per la prima volta’ significa ‘per la prima volta’. Punto. Quindi fare polemica, da parte di chi c’era nel 2013 mentre scadeva il bando per le candidature di città italiane a capitale europea della cultura 2019, che ha poi attribuito la prima designazione di capitale italiana della cultura 2015, mi pare decisamente curioso”. Mangani, inoltre, ricorda che Cenni non ha aperto bocca in consiglio comunale. “Ne deduco”, sottolinea, “che non reputi il consiglio comunale, dove siedono 33 eletti a suffragio universale, il luogo giusto per discutere con l’amministrazione”.

leggi anche:
Una delle opere che verrano esposte in autunno a Palazzo Pretorio
"Synchronicity", a Prato una sintesi del meglio dell'arte
Da Lippi a Andy Warhol, da Donatello a Pistoletto: grandi preparativi per la mostra che verrà allestita a Palazzo Pretorio fra il 26 settembre e il 6 gennaio

In seconda battuta, l’assessore Mangani ricorda che “sono state ben quattro le amministrazioni comunali hanno concorso alla riapertura del Pretorio (chiuso per 17 anni). Quindi o Cenni è stato sindaco per 17 anni – ma non mi sembra - oppure non è stato il solo ad investire in un obiettivo strategico per la città. Il Pretorio è nel 10% dei musei civici più visitati della Toscana e Officina pratese (bellissima mostra) è costata 1,4 milioni di euro. Non rileva che Synchronicity sia costata un decimo di tale somma, ma serietà vorrebbe che si affermasse senza timore che 1,4 milioni di euro non è un budget che possa essere stanziato per ogni evento espositivo del nostro Museo”

L’assessore Mangani replica anche sulle affermazioni di Cenni rispetto al Centro per l’arte contemporanea Pecci. “Che il Pecci potesse essere inaugurato nell’aprile 2014 è un’affermazione non commentabile”, afferma l’assessore. “Ad aprile 2014 era concluso, ma non collaudato, solo ed esclusivamente il guscio della - per me, strepitosa - struttura disegnata da Maurice Nio. Ricordo che il progetto Nio fu donato da Elena Pecci durante la legislatura di Marco Romagnoli. Se fosse stato possibile inaugurare il nuovo Pecci ad aprile 2014, considerato il numero di nastri tagliati per il solo Pretorio, Cenni non avrebbe esitato un secondo”.

Sempre a proposito del Pecci, Mangani ricorda che il Centro aprirà il 16 ottobre 2016, a conclusione delle gare bandite da questa amministrazione, grazie allo sforzo ulteriore messo in campo da Regione Toscana e Comune di Prato, pari a 3,5 milioni di euro di investimenti, per il restauro conservativo del vecchio edificio di Gamberini e per la risistemazione degli esterni”. Mangani sottolinea, inoltre, che “mentre i cinque anni dell’amministrazione precedente sono passati invano, questa amministrazione ha risolto in un anno e mezzo la questione della proprietà della collezione del Museo, questione aperta nel febbraio 2006 (una “sciocchezza” da 1,3 milioni di euro, risolta senza versare un euro in più). Oggi, la collezione è del Comune”.

Riguardo al Settembre pratese, Mangani sottolinea che “il confronto tra il Settembre 2015 - concerti in Piazza Duomo - e le edizioni precedenti, fosse solo per il numero di spettatori e senza entrare nel merito della programmazione, è sotto gli occhi di tutti e sotto gli occhi di tutti è il risultato. Merito di Fonderia Cultart e del Comune”.
Mangani affronta anche il capitolo Teatro Metastasio. “Circa la rappresentazione ombelicale dello stato del nostro Teatro Metastasio”, afferma l’assessore Mangani, “se l’ex sindaco ci rimettesse finalmente piede, potrebbe rendersi conto del fatto che il Ministero, nel 2015, ha finanziato il MET come mai in passato, che l’attività prosegue, che il Comune ha aderito a Fondazione Toscana Spettacolo - rete di 70 teatri in Toscana - e che la triangolazione Comune-Metastasio-Fondazione Toscana spettacolo chiude il cerchio produzione-circuito. Non è un’idea geniale, è stato sufficiente riflettere, decidere e poi aderire”.

Infine, un’annotazione di carattere generale. “Noto con dispiacere”, chiosa Mangani, “che l’ex sindaco è ancora affezionato alla rappresentazione di Prato nel fortino, da una parte Pistoia, dall’altra la matrigna Firenze, noi dentro le mura e ‘tutto il mondo fuori’. È un’impostazione che ha mostrato limiti pesantissimi per cinque anni, è stata bocciata senza appello alle ultime elezioni e, quel che più conta, è bocciata ogni mattina dalle decine di migliaia di persone, imprese, lavoratori e – visto il tema, lo aggiungo – spettatori che si spostano nell’area metropolitana e che nell’area metropolitana vivono. Difendere gli interessi della città è sacrosanto ma fingere di essere una città-stato è autolesionista perché frutto di un abbaglio”.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news