LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Questi nudi non copriteli.
di Elisabetta Arrighi
29 gennaio 2016 IL TIRRENO



Matteo Renzi, che prima di diventare presidente del Consiglio è stato sindaco di Firenze, lo dovrebbe sapere bene che l’arte è nuda e che spesso proprio il nudo diventa sublimazione


Quando si parla di arte non è il caso di scherzare. Perché l’arte è la sublimazione della creatività e della genialità umana che filtra emozioni e stati d’animo. L’arte fa parte della storia dell’uomo e lo rappresenta. Racconta la sua evoluzione, la sua cultura, il suo modo di vivere. Ed è capace di parlare un linguaggio universale, che deve essere capace di unire e non di allontanare. L’arte è dentro di noi e tutto attorno a noi. Perché la sua massima espressione è rappresentata da quello che ci circonda, dalla bellezza delle città e delle campagne, da quella dei deserti fino alle montagne, dall’immensità del mare e del cielo.

L’arte siamo noi e la nostra cultura che parte da lontano. Una cultura che si è evoluta e che noi, oggi come ieri e come lo sarà domani, siamo chiamati a conservare e nello stesso tempo far crescere. Per cui la scelta di coprire, perché raffiguranti scene di nudo, alcune sculture e porcellane esposte nelle sale dei Musei Capitolini durante la visita a Roma del presidente iraniano Hassan Rohuani credo che sia stato un gesto ottuso. Un eccesso di zelo - se vogliamo essere generosi - che ci ha ridicolizzati davanti al resto del mondo. E proprio di scelta ridicola hanno parlato i più grandi quotidiani europei. Mentre in Italia la polemica ha cominciato ad infuriare al suono di parole come provincialismo e censura. Con le forze politiche di opposizione scatenate contro il Governo, mentre alcuni archeologi cercavano di placare gli animi sottolineando come una scelta del genere può essere un modo di andare incontro a culture diverse. Però con un rovescio della medaglia: in questo modo non viene rispettata la nostra identità.

Palazzo Chigi si è innervosito per l’accaduto, e alla fine il j’accuse è andato a colpire Ilva Sapora che gestisce il Cerimoniale di Stato, anche se è cominciato il solito teatrino del rimpallo delle responsabilità. Certo, Matteo Renzi che prima di diventare presidente del Consiglio è stato sindaco di Firenze, lo dovrebbe sapere bene che l’arte è nuda e che spesso proprio il nudo diventa sublimazione. A Firenze basta girare per strade e musei, seguendo i percorsi del Rinascimento, per ammirare la somma bellezza del David michelangiolesco o della Venere che nasce da una conchiglia. Che cosa si dovrebbe fare, allora, mettere il vestito a tutte le opere d’arte?

Ad essere sinceri proprio a Firenze l’hanno fatto, e di recente. Quando è arrivato il principe ereditario degli Emirati Arabi, il Cerimoniale ha scelto di usare un paravento per togliere alla vista un nudo dello scultore contemporaneo Jeff Koons, perché nei paesi arabi e islamici gli organi genitali, quindi le parti sessuali, non possono essere esibiti. Ma l’arte che mostra il corpo umano fa parte della nostra storia e come noi occidentali quando andiamo in altri Paesi cerchiamo di rispettare le culture e tradizioni locali (personalmente, nei Paesi arabi, ho sempre indossato abiti con le maniche lunghe e in certe situazioni ho coperto i capelli con un foulard) anche chi viene in Italia e in Europa, proprio per il principio di reciprocità, è tenuto a rispettare la nostra cultura, della quale fanno parte anche i nudi artistici.

Ma forse più che l’eccesso di zelo della signora Ilva, ha contato la necessità di non contrariare l’ospite visto quello che c’era in ballo. Quindi meglio coprire i nudi, anche se espressione dell’arte all’ennesima potenza. E meglio ancora firmare senza intoppi i contratti miliardari necessari all’industria italiana. Opportunità politica, insomma.

La prossima volta, però, l’arte deve essere lasciata al suo posto, perché non può passare il principio di sottomissione della nostra cultura. E non è piacevole sentirsi ridicolizzati dal resto del mondo.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news